Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il segretario di un campo di concentramento nazista in Germania è stato condannato a due anni di carcere | Irmgard Forschner è stato complice dell’omicidio di diecimila persone

Martedì un tribunale tedesco ha condannato a due anni di carcere un ex segretario del campo di concentramento nazista di 97 anni.Accusato di complicità nell’uccisione di oltre diecimila persone. In uno degli ultimi processi sull’Olocausto del paese, Irmgard Forschner È stata processata per il suo presunto ruolo nel “brutale e doloso omicidio” di prigionieri nel campo di Stutthof nella Polonia occupata. Il provvedimento corrisponde alla richiesta sppche cosa Ha sottolineato lo “straordinario significato storico” dell’operazionecon fallimenti per lo più “simbolici”.

L’imputato, il cui volto era sfocato nelle foto diffuse dai media per ordine del tribunale, era presente alla sentenza seduto su una sedia a rotelle. Non ha parlato in tribunale se non durante una delle ultime udienze, a dicembre, quando ha rotto il silenzio.

“Mi dispiace per tutto quello che è successo.”Forschner ha testimoniato davanti al tribunale regionale nella città settentrionale di Itzehoe. Questa è la prima donna ad essere processata da decenni in Germania per crimini dell’era nazista.

L’anziana donna ha tentato di fuggire quando l’operazione doveva iniziare nel settembre 2021Fugge in taxi dalla casa di cura dove vive e si dirige verso una stazione della metropolitana. Ha cercato di scappare dalla polizia per diverse ore prima di essere arrestata nella vicina città di Amburgo e trattenuta per cinque giorni.

I suoi avvocati ne avevano chiesto l’assoluzione, affermando che le prove presentate durante il processo “non provavano oltre ogni ragionevole dubbio” che questa donna fosse a conoscenza degli omicidi.

“l’inferno assoluto”

L’imputato era un adolescente quando sono stati commessi i presunti reati ed è stato quindi processato da un tribunale per i minorenni. Tra il giugno 1943 e l’aprile 1945 Forschner lavorò nell’ufficio del comandante del campo Paul Werner Hoppe. A seconda dei casi, Forchner iniziò a dettare gli ordini dell’ufficiale delle SS ea portare la sua corrispondenza.

READ  Non viene pagato ma negozia contratti milionari

Durante il processo, molti dei sopravvissuti del campo di Stutthof hanno rivelato resoconti strazianti delle loro sofferenze. Il procuratore Maxi Wantzen ha apprezzato il coraggio dei testimoniColui che ha parlato di “inferno assoluto” vive nel campo. “Sentono che è loro dovere, anche se per farlo hanno dovuto affrontare il dolore più e più volte”.spiegato.

Watzen ha detto ai giudici che il lavoro amministrativo dell’imputato “ha assicurato il buon funzionamento del campo” e le ha dato “conoscenza di tutti gli eventi a Stutthof”. A sua volta, ha osservato che “condizioni di pericolo di vita” come la carenza di cibo e acqua e la diffusione di malattie mortali erano state intenzionalmente mantenute.

Sebbene le spaventose condizioni nel campo e il lavoro forzato abbiano causato la maggior parte delle vittime, I nazisti usarono anche le camere a gas per sterminare centinaia di persone ritenute inabili al lavoro. Nonostante l’età avanzata degli imputati, ha affermato Waltzen, “è importante avere un processo di questo tipo”, oltre che completare la cronaca storica, perché i sopravvissuti stanno morendo.

Nel campo di concentramento di Stutthof vicino a Danzica morirono circa 65.000 prigionieri durante la seconda guerra mondiale.Tra loro c’erano molti ebrei, partigiani polacchi e prigionieri di guerra russi sovietici, principalmente per debolezza e malattia. Almeno 200 prigionieri sono stati uccisi dall’uragano B nella camera a gas e all’interno di un vagone del treno, e altri 30 da un colpo alla nuca in un luogo segreto situato nel crematorio.

Condanne per crimini nazisti

77 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, Il tempo sta per scadere per consegnare alla giustizia i criminali legati all’Olocausto. Negli ultimi anni, molti casi sono stati archiviati a causa della morte dell’imputato o della sua incapacità di comparire in tribunale.

READ  Elezioni in Brasile: Bolsonaro ha approfittato e superato Lula per la prima volta in una regione chiave, secondo un nuovo sondaggio.

La condanna del 2011 dell’ex portiere John Demjanjuk per la sua esistenza parte della macchina della morte di hitler, Ha stabilito un precedente legale e ha aperto la strada a diverse cause legali. Da allora, i tribunali hanno emesso diversi verdetti di colpevolezza per questi motivi piuttosto che per omicidi o atrocità direttamente collegati all’imputato.

Demjanjuk, allora 91enne, è stato condannato da un tribunale di Monaco nel maggio 2011 a cinque anni di carcere per la sua complicità nell’assassinio di 27.900 ebrei nel campo di sterminio nazista di Sobibor, nella Polonia occupata, dove lavorava come guardia volontaria. .

Il processo di Demanjuk, estradato dagli Stati Uniti in Germania nel maggio 2009, dove viveva dagli anni ’50, è durato un anno e mezzo, e dopo il verdetto il prigioniero è stato rilasciato per esame due anni dopo. Il suo tempo in custodia cautelare, la sua salute delicata e l’assenza di pericolo di fuga.

Nel luglio 2015, un tribunale tedesco ha condannato Oskar Groening, 95 anni, a quattro anni di carcere per complicità in 300.000 omicidi.conosciuto come “ragioniere di Auschwitz” per i loro lavori principalmente burocratici in questo campo di concentramento. Gröning non fu imprigionato e morì tre anni dopo, mentre attendeva la decisione del governo della Bassa Sassonia di perdonarlo.

Nel giugno 2016, un tribunale tedesco ha condannato Reinhold Hanning, membro delle SS di 94 anni, a cinque anni di carcere.che lo ha ritenuto colpevole dei crimini Complicità nell’uccisione di 170.000 prigionieri Fu assassinato nel campo di sterminio di Auschwitz tra il gennaio 1943 e il giugno 1943, durante il quale lavorò come guardia. Hanning morì un anno dopo con problemi irrisolti.

READ  Evo Morales ha lasciato intendere che il governo Luis Ars è stato coinvolto nel furto del suo cellulare: "Denunciamo i dispositivi"

nel luglio 2020 Bruno GiornoE il 93 anni, che era una guardia nel campo di concentramento di Stutthof in Polonia, ha ricevuto una condanna nominale di due anni di libertà vigilata per essere stato complice di 5.232 omicidi commessi durante il periodo in cui era in servizio tra il 1944 e il 1945 quando aveva 17 anni. Nel febbraio 2021, gli Stati Uniti hanno deportato la Germania in Friedrich Karl BurgerE il 95 anni, che nel 1945 era una guardia armata nel campo di concentramento tedesco di Neuengami vicino ad Amburgo. Tuttavia, la magistratura tedesca non ha trovato alcuna prova per incriminarlo.

Nel giugno di quest’anno Giuseppe S.un 101 anni, ex guardia delle forze speciali di sicurezza, un tribunale tedesco lo ha condannato a cinque anni di carcere per complicità nell’omicidio di 3.518 prigionieri del campo di concentramento nazista di Sachsenhausen, a nord di Berlino. Thomas Weil, che ha diretto lo Special Prosecution Service nel caso, ha dichiarato che era estremamente importante ottenere giustizia per coloro che facevano parte del sistema di morte nazista perché “anche l’omicidio e la complicità non hanno prescrizione”.