Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il missile cinese che alla fine è andato fuori controllo è tornato sulla Terra e si è disintegrato nell’Oceano Indiano.

Missile cinese

Una gran parte di un missile cinese è tornata nell’atmosfera terrestre e si è disintegrata nell’Oceano Indiano, a nord delle Maldive, domenica.Secondo l’agenzia spaziale cinese, dopo la speculazione su dove sarebbe caduto l’oggetto da 18 tonnellate.

Funzionari di Pechino hanno affermato che il rischio che un missile Long March-5B, che ha lanciato la prima unità della nuova stazione spaziale cinese, cada nell’orbita terrestre il 29 aprile, è scarso.

Dopo il monitoraggio e l’analisi, alle 10:24 (0224 GMT) del 9 maggio 2021, i resti dell’ultimo stadio del veicolo di lancio Yao-2 5B lungo marzo sono tornati nell’atmosfera. Lo ha detto in un comunicato il China Manned Space Engineering Bureau. L’indicazione fornisce le coordinate di un punto nell’Oceano Indiano vicino alle Maldive.

Ha aggiunto che la maggior parte della parte è stata disintegrata e distrutta durante il ritorno.

Space-Track, che utilizza dati militari statunitensi, ha confermato il rientro.

“Chiunque altro dopo il rientro di # LongMarch5B può rilassarsi. Il missile è caduto,” cinguettio.

Tweet de traccia spaziale
Tweet de traccia spaziale

Il calo in questo segmento ha coinciso con le previsioni di alcuni esperti secondo cui eventuali detriti potrebbero essere dispersi nell’oceano, dato che il 70 per cento del pianeta è coperto dall’acqua.

Ma il rientro incontrollato di un oggetto così grande ha sollevato preoccupazioni su potenziali danni e perdite, sebbene la probabilità statistica fosse bassa.

Il Paese asiatico ha lanciato in orbita la prima unità della sua stazione spaziale il 29 aprile, grazie al razzo vettore Long March 5B, il più potente lanciatore cinese.

La Cina non ha pubblicato, con molta cautela, alcuna proiezione sul tempo probabile per entrare nell’atmosfera terrestre, in quanto dovrebbe essere completamente o parzialmente decomposta.

READ  Delta variabile: avvertono in Gran Bretagna che ...

Per l’agenzia privata russa Roscosmos, l’ingresso potrebbe avvenire alle 23:30 GMT di sabato nell’Indonesia meridionale. Mentre il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha stimato che ciò sarebbe accaduto intorno alle 23:00 GMT, con un margine di errore di nove ore.

Dopo un lungo silenzio da parte della diplomazia cinese e delle autorità spaziali, Pechino ha finalmente risposto venerdì.

La maggior parte dei componenti (missili) verranno bruciati e distrutti quando entreranno nell’atmosfera. “ Il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha detto.

Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese
Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese

“La probabilità di causare danni alle attività aeree o (a persone ed edifici) a terra è estremamente bassa”.Ha detto in una conferenza stampa.

L’astronomo Jonathan McDowell ha risposto su Twitter sabato: “Le nuove previsioni della Space Force 18SPCS la riducono a un’orbita: Costa Rica, Haiti, Spagna, Sardegna, Italia, Grecia, Creta, Israele, Giordania, Australia, Nuova Zelanda e Arabia Saudita”.

Potenziale di impatto

Sabato, i media cinesi hanno fornito una copertura minima dell’evento e hanno riprodotto solo le parole del portavoce diplomatico.

Sebbene parti del missile rimangano intatte dopo essere entrate nell’atmosfera, c’è un’alta probabilità che vengano distrutte in mare perché il 70% del pianeta è acqua.

“Speriamo che atterri in un posto dove nessuno è ferito.” Il portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti Mike Howard ha detto venerdì, sottolineando che il suo paese sta seguendo da vicino la traiettoria del missile.

Il ministro della Difesa Lloyd Austin ha confermato giovedì scorso che il suo Paese non ha intenzione di distruggere la nave cinese. Ma ha accennato al fatto che la Cina non aveva intenzione di lanciarlo con sufficiente attenzione.

READ  Violenza a Michoacan: agguato della polizia ferisce tre agenti, uccide un aggressore

“Date le dimensioni dell’oggetto, è inevitabile che rimangano grossi pezzi”.Florent Delphi, astronomo dell’Osservatorio PSL di Parigi, ha detto.

Ma la probabilità di una collisione in un’area popolata era “piccola, forse meno di uno su un milione”. Ha detto Nicholas Poprinsky, capo dell’ingegneria e dell’innovazione presso l’Agenzia spaziale europea (ESA).

Logo dell'Agenzia spaziale europea (ESA)
Logo dell’Agenzia spaziale europea (ESA)

– ‘Pezzi di metallo’ –

“Non preoccuparti troppo”Ha detto Jonathan McDowell, astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics negli Stati Uniti.

“Ma il fatto che tonnellate di metallo stiano cadendo a terra a centinaia di chilometri all’ora non è una buona pratica, e la Cina dovrebbe rivedere il progetto delle missioni della lunga marcia 5B per evitarlo”.Aggiunto.

Nel 2020, i detriti di un altro missile Long March si sono schiantati contro i villaggi della Costa d’Avorio, provocando danni senza ferire altri.

Il laboratorio spaziale Tiangong-1 si è disintegrato al suo ritorno nell’atmosfera nel 2018, due anni dopo aver cessato l’attività, sebbene le autorità cinesi abbiano negato di aver perso il controllo del veicolo spaziale.

La Cina ha investito miliardi di dollari nel suo programma spaziale per diversi decenni.

Il gigante asiatico ha inviato il suo primo astronauta nello spazio nel 2003. Una sonda cinese è atterrata dall’altra parte della luna nel 2019, la prima del suo genere al mondo.

L’anno scorso, ha portato campioni dalla luna e ha terminato il sistema di navigazione satellitare Beidou (un concorrente del GPS statunitense).

Nelle prossime settimane, la Cina prevede di posizionare un piccolo robot con ruote su Marte. Inoltre, l’agenzia spaziale cinese ha annunciato la sua intenzione di costruire una base lunare con la Russia.

READ  Criminalità a Tenerife: nuove prove ravvivano la possibilità della fuga di Thomas Gimeno

(Con informazioni da Agence France-Presse)

Continuare a leggere: