Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Europa inizia a vedere la luce alla fine del tunnel con progressi incontrollati

Parigi. Smantellamento in Italia, graduale apertura in Francia e Spagna che si preparano a uscire dallo stato di emergenza: Con più o meno differenze, i paesi europei si preparano a trascorrere un’estate abbastanza normale grazie a un massiccio piano di vaccinazioni. L’obiettivo: dopo un anno disastroso per il settore turistico, tutti cercheranno di salvare la stagione estiva 2021 e di aprire le frontiere con l’estero. Mentre gran parte del mondo sta affrontando la terza ondata di Covid-19, in Unione europea Le temperature estive e le varie restrizioni invernali ci permettono di guardare con ottimismo ai prossimi mesi.

Italia

Bar, ristoranti, cinema e sale sono parzialmente aperti dal 26 aprile in Italia, dove La stragrande maggioranza delle aree è etichettata in giallo, che è il rischio più basso. Bar e ristoranti possono accogliere persone solo sulle terrazze, giorno e notte, anche se il coprifuoco dura dalle 22. Hanno riaperto circa 140.000 bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi. I cinema e le sale da concerto possono ottenere il 50% della capacità autorizzata.

A Lido di Ostia, vicino Roma, hanno riaperto le spiaggeVincenzo Pinto – AFP

A seconda del paese di origine, i passeggeri devono presentare una PCR o un test dell’antigene negativo eseguito meno di 48 ore prima del viaggio. Il 27% della popolazione del Paese è stato vaccinato con almeno una dose.

Francia

La mancanza di raffinatezza avverrà a poco a poco in Francia, dove Le restrizioni hanno iniziato a essere ridotte il 3 maggio Il divieto di viaggio per più di 10 chilometri dalla proprietà è scomparso. Il coprifuoco inizierà dalle 19:00 alle 21:00 del 19 maggio, e nello stesso giorno apriranno musei, negozi non essenziali e terrazze di bar e ristoranti.

Il 9 giugno alle 23 inizierà il coprifuoco, riapriranno le palestre, mentre bar e ristoranti apriranno le loro sale interne, con un massimo di sei persone per tavolo. L’ultima tappa era prevista per il 30 giugno, quando sarebbe scomparso il coprifuoco. Anche la Francia è vicina a vaccinare il 27% della popolazione con una singola dose.

Germania

Di fronte all’aumento dei contagi e alla minaccia delle nuove varianti, la Germania ha imposto un coprifuoco nazionale dal 22 al 5 del 22 aprile, senza che le autorità si aspettassero ancora una data di coprifuoco. I tedeschi devono indossare maschere per gli affari e il trasporto pubblico ed è vietato viaggiare per più di 15 chilometri dal luogo di residenza nelle città con un’incidenza superiore a 200 casi a settimana per 100.000 abitanti. Il 32% della popolazione tedesca ha ricevuto una dose.

READ  La famiglia che l'ha buttata fuori dalla voragine a Puebla è stata vittima di una truffa telefonica

Belgio

Il governo ha appena autorizzato la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti, chiusi dalla fine dello scorso ottobre. Anche le scuole sono state riaperte il 19 aprile, lo stesso giorno in cui è stato revocato il divieto di viaggiare all’estero per motivi diversi da quelli impellenti. Il mese scorso ha aperto saloni di parrucchiere e negozi non essenziali, oltre a parchi di divertimento. Alla fine di questa settimana sono state aperte le palestre. Il Belgio ha circa il 30% della popolazione vaccinata con una singola dose.

svizzero

Il 19 aprile La Svizzera ha riaperto sale da concerto, palestre, musei, biblioteche, caffè all’aperto, ristoranti e cinema. Le lezioni sono faccia a faccia e le riunioni sono ancora limitate a 15 persone. Tuttavia, ogni Cantone si riserva il diritto di applicare misure aggiuntive. Il 23% della popolazione svizzera si vaccina con almeno una dose.

olandese

Il coprifuoco è stato revocato e le terrazze dei caffè sono state riaperte nei Paesi Bassi il 28 aprile. Per il primo ministro Mark Rutte, questa è una “fase molto saggia”. I bar possono servire da 12 a 18 e ospitare un massimo di 50 persone contemporaneamente. Agli olandesi sono ammessi due ospiti al giorno nelle loro case, invece di uno solo come prima. A Tano il 26% della popolazione è già stata vaccinata.

Portogallo

Per i 415.000 portoghesi che lavorano nel settore del turismo, questo è stato un messaggio di speranza. Il 1 ° maggio è stato finalmente aperto il confine terrestre con la Spagna, chiuso da gennaio. Un gesto essenziale, in quanto gli spagnoli sono i principali visitatori di questa piccola nazione atlantica.

Lo stesso giorno, il Portogallo ha avviato la fase finale del suo piano di smontaggio, iniziato a metà marzo. I caffè e i ristoranti hanno riaperto il 19 aprile e ora sei persone possono essere ospitate all’interno e dieci sulla terrazza fino alle 22:30. Sono consentite tutte le attività sportive e culturali, le scuole e le università, nonché le attività commerciali non essenziali. Ma nessuno vuole ripristinare la tragica situazione che ha causato il ritorno dell’epidemia a gennaio e febbraio. Per questo motivo “rassicurazione, controllo e vaccinazione” è l’impegno del governo per salvare la stagione estiva 2021. Il 27% della popolazione portoghese è stata vaccinata.

READ  Le fluttuazioni in politica estera provocano polemiche e costringono il governo a fare chiarezza

Grecia

Il conto alla rovescia è iniziato prima che la Grecia riapra al turismo, prevista per il 15 maggio. Athena sta scommettendo su una massiccia campagna di vaccinazione nelle isole. Secondo le autorità, tutti gli anziani delle isole con meno di mille persone hanno già ricevuto le vaccinazioni e nelle più grandi si sta accelerando la strategia.

Ad Alimos, vicino ad Atene, le spiagge hanno riaperto questo sabato
Ad Alimos, vicino ad Atene, le spiagge hanno riaperto questo sabatoYorgos Krahalis – AP

In un paese in cui il settore turistico rappresenta il 20% del PIL, la mancanza di raffinatezza è vitale. Il 19 aprile Atene ha revocato la quarantena obbligatoria di sette giorni per i turisti stranieri. Il 3 maggio, bar e ristoranti hanno potuto iniziare a raccogliere sul balcone dopo sei mesi di chiusura. Finalmente, a partire dal 15 maggio, i greci potranno spostarsi tra le diverse regioni. È stato messo in atto un protocollo rigoroso per hotel e ristoranti, i cui dipendenti devono effettuare autotest settimanali. Il 23% della popolazione ha già ricevuto almeno una dose.

Spagna

Il governo spagnolo non prolungherà lo stato di emergenza sanitaria fino a dopo lunedì. In questo modo, ci sarà una maggiore mobilità tra società autonome e una rivitalizzazione del viaggio. Sebbene non vi sia alcun obbligo di quarantena per entrare in Spagna, lo Stato chiede ai passeggeri di 65 paesi a rischio di presentare un test PCR negativo. Da giugno i turisti che presentano il Certificato Sanitario Europeo potranno entrare senza essere messi in quarantena o sottoporre a test PCR negativi.

Madrid, dove tutto è aperto, ha riposto la sua fiducia nella futura certificazione verde europea, che da giugno dovrebbe segnare una “svolta nella mobilità internazionale”. Più del 28% degli spagnoli ha ricevuto almeno una dose.

READ  Video | "Non sai cosa viviamo qui": esplode Alvaro Uribe durante un'intervista

Gran Bretagna

Gli inglesi, incarcerati per la terza volta all’inizio di gennaio, hanno visto un netto miglioramento della loro salute in poche settimane grazie a una massiccia campagna di vaccinazioni. Il paese registra meno di 3.000 nuovi casi e 50 morti al giorno.

Il primo ministro Boris Johnson spera di tornare a una vita quasi normale quest’estate. Gli alunni sono tornati gradualmente in classe a marzo e dal 29 marzo in Inghilterra sono stati consentiti eventi sportivi all’aperto e incontri sociali. Attività non core, parrucchieri, terrazze e bar hanno aperto il 12 aprile, mentre l’accesso agli stabilimenti è previsto per il 17 maggio. Nel frattempo riapriranno hotel, gallerie e stadi, con capienza limitata. La Gran Bretagna ha già vaccinato il 52% della popolazione con una singola dose.

È entrato in Argentina

Data la situazione epidemiologica in Argentina, Cile e Brasile, e al fine di mantenere i voli tra il Sud America e l’Unione Europea (UE), i paesi del blocco hanno deciso di applicare una quarantena obbligatoria di dieci giorni per tutte le persone autorizzate ad entrare nello spazio europeo. Possono farlo solo per coloro che hanno la residenza o un passaporto da alcuni dei 27 paesi della regione e che viaggiano per motivi di forza maggiore (previa richiesta). Per questi passeggeri, è obbligatorio un test PCR negativo inferiore a 36 ore o un test PCR negativo di 72 ore combinato con un test antigene – anche negativo – inferiore a 24 ore. All’arrivo in Europa e prima di lasciare l’aeroporto, devono sottoporsi a un nuovo test antigene.

Intanto, dal 15 gennaio, i voli diretti dall’Argentina – inclusa nella lista “rossa” – alla Gran Bretagna sono stati sospesi. Secondo le autorità britanniche per l’immigrazione, solo gli argentini con passaporto britannico o residenza nel paese possono entrare nel paese. In questo caso, i passeggeri devono prelevare il tampone il secondo e l’ottavo giorno dopo l’arrivo.

Sono inoltre tenuti ad acquistare un cosiddetto “pacchetto di quarantena”, che comprende, tra le altre cose, sistemazione in albergo e pasti, che costa 1750 sterline. Le sanzioni pecuniarie per inadempienza vanno da £ 5.000 a £ 10.000 più pene detentive.

Konosah The Trust Project