Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo attende un gesto del Club di Parigi per ritardare il rimborso dei 2,4 miliardi di dollari dovuti in 10 giorni

Il governo sta accelerando i colloqui Trova un accordo che le permetta di evitare il default con il Club di Parigi. A 10 giorni dalla scadenza del termine per il pagamento di 2,4 miliardi di dollari, crescono le aspettative al Palacio de Hacienda, in attesa di un gesto che protegga il Paese.

“Stiamo andando bene”, ha predetto ieri una fonte molto importante del governo nazionale che ha familiarità con i negoziati condotti dal ministro dell’Economia. Martin Guzman. A Casa Rosada si spera che nei prossimi giorni, prima del 31 maggio, ci siano notizie su cosa significhi per l’Argentina entrare nel periodo di grazia di due mesi previsto dall’accordo.

“Stiamo bene, abbiamo tempo”. Un funzionario ha spiegato in un dialogo quotidiano con il presidente: “L’importante è avere chiarezza su ciò che accadrà quel giorno”. Alberto Fernandez.

Dopo che il tour europeo ha contribuito a raccogliere il sostegno internazionale, questa settimana il team economico è avanzato nelle trattative con i vari leader del club parigino che guida Emmanuel Mullen Con il quale il ministro si è incontrato poco più di un mese fa.

In mezzo alla crisi economica e con le elezioni legislative incombenti, eludere le scadenze del debito in dollari darà un’aria al capo di stato.

Il ministro dell’Economia Martin Guzman a Casa RosadaHernan Zentino – The Nation

Mentre Guzmán si sta attivando per ottenere un’estensione che gli consenta un “ponte temporale” in attesa del completamento della rinegoziazione del debito con il Fondo monetario internazionale (FMI), d’altra parte, il responsabile del discorso a favore dell’argentino posizione davanti ai 20 creditori che compongono il club è il presidente francese, Emmanuel Macron. Questo è stato l’impegno assunto dal presidente francese nel suo incontro con Alberto Fernández 10 giorni prima al Palazzo Eliseu.

READ  L'epidemia impedisce le manifestazioni di massa durante il Labor Day

Mercoledì prossimo, il presidente e Guzmán terranno una videoconferenza con il cancelliere tedesco, Angela Merkel, Per chiudere il Capitolo Europeo. Se il sostegno è importante, secondo fonti ufficiali, nonostante la loro ammissione che non sarà “decisivo”. Ma c’è ancora la fase più complicata, per ottenere il sostegno degli Stati Uniti. La verità è che i negoziati con il Fondo monetario internazionale oggi, dopo i colloqui, sono ancora lontani dal raggiungere una soluzione.

Il governo ha evidenziato la presenza a Roma del Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen E l’ex Segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry, Il presidente Joe Biden, l’inviato speciale per il clima, che una settimana fa ha partecipato al simposio organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze (PAC) in Vaticano.

Sebbene non ci sia ancora una data per il viaggio o per gli incontri programmati, una possibile opzione sarebbe la riunione annuale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre.

in modo da Rinegoziare il prestito di 44.000 milioni di dollari all’Argentina da parte del Fondo monetario internazionale, L’obiettivo del presidente del Palacio de Hacienda è realizzare un piano di riserva o un piano di rimborso – queste sono le linee che l’organizzazione di credito multilaterale ha pianificato oggi – Ma con una clausola che consente all’Argentina che se un’altra linea di credito fosse apparsa con condizioni migliori, potrebbe cambiare senza costi.

La scorsa settimana, in una corsa di sei giorni, il presidente e il ministro dell’economia hanno mantenuto un’agenda internazionale molto tesa, assicurandosi l’approvazione di attori mondiali, come Papa Francesco. Amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva; Primo Ministro d’Italia, Mario DraghiE il Presidente della Spagna, Pedro Sanchez. Tutti loro hanno apertamente offerto il loro sostegno per risolvere il problema del debito.

Martín Guzmán in Vaticano
Martín Guzmán in Vaticano

Inoltre, durante il tour che includeva Portogallo, Spagna, Francia e Italia, Fernandez e Guzmán hanno spiegato ad ogni riunione la necessità per le principali potenze di trasferire i diritti speciali di prelievo (SDR) a paesi di medie dimensioni e riscuotere costi aggiuntivi, che rappresentano circa 950 milioni di dollari all’anno per l’Argentina. Entrambi i problemi verranno affrontati nei prossimi mesi.

READ  Philip Gamour: "Con Caser, la Spagna rappresenta già il 20% dei profitti dell'Helvetia" | Aziende

Tutto questo, addirittura, faceva parte della polemica avvenuta tra lo studente del Premio Nobel per l’Economia, Joseph Stiglitz Si è tenuto in un seminario tenutosi una settimana fa in Vaticano in cui, oltre al Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, Yellen e Kerry, il Direttore Generale delle Operazioni della Banca Mondiale, Axel van Trotsenberg, il Ministro dell’Economia della Germania, Wolfgang Schmidt, tra gli altri, ha partecipato.

L’idea di “costruire nuove regole” di governo del pluralismo è stata al centro dei colloqui durante il simposio e durante la cena svoltasi venerdì sera all’Ambasciata argentina a Roma. “Tutte le forme di supporto sono molto importanti”. Hanno spiegato vicino a Guzmán, “Tutti questi viaggi fanno parte della costruzione”.

Konosah The Trust Project