Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G20 sta tornando in vita con la sfida del controllo dell’epidemia e della ripresa economica

Sono le 5:30 ora dell’Argentina Al Centro Congressi La Nuvola di Roma è iniziata la cerimonia di benvenuto ai capi di Stato del Gruppo dei Venti (G20). Questo è il primo incontro faccia a faccia dopo la pandemia in cui tre sfide saranno presentate questo fine settimana: ridurre le disparità causate dal coronavirus che ora si riflette nei livelli di vaccinazione in diversi paesi; andare verso la ripresa economica; e lotta al cambiamento climatico. Il governo di Alberto Fernandez affronta anche la sfida di garantire che una raccomandazione al FMI sia inclusa nel documento finale per facilitare la rinegoziazione dei paesi debitori a questo organismo.

Il calo dei contagi fa sì che i capi delle 20 potenze mondiali che concentrano l’80% della ricchezza e il 60% della popolazione possano ritrovarsi questo sabato con l’Italia come scenario che registra una media giornaliera di 4.500 casi. Le delegazioni si sono mescolate ai turisti che erano tornati a Roma per il lungo weekend da Halloween.

In questo vertice, 2.000 poliziotti e 500 soldati sono stati schierati per controllare l’area del centro congressi dove i leader sono stati fotografati insieme e sono stati presidiati edifici governativi e ambasciate straniere.

Il Presidente Alberto Fernandez, saluta il Presidente del Consiglio Mario Draghi al suo arrivo al Vertice del G20 a Roma.

Il presidente Alberto Fernandez è entrato nel centro congressi alle 5:45 ed è stato accolto da Mario Draghi, il primo ministro italiano che guida l’accoglienza dei capi di stato. In precedenza, si è unito il primo ministro britannico Boris Johnson. Le assenze faccia a faccia questa volta sono l’assenza del presidente russo Vladimir Putin e del presidente cinese Xi Jinping. Entrambi parteciperanno in videoconferenza.

6.45 (ora argentina) La capolista ha scattato la foto in comune. Alberto Fernandez era in prima fila ed era accanto al capo di stato brasiliano, Jair Bolsonaro. Durante questo sabato, il presidente argentino terrà un discorso di tre minuti in una sessione plenaria su economia e salute.

READ  La spesa al supermercato in dieci minuti

Una delle sfide che verranno presentate dai massimi leader mondiali è raggiungere un accordo internazionale che garantisca la disponibilità di vaccini contro il coronavirus in tutto il mondo.

In una precedente riunione dei ministri della salute e dell’economia del G20, avevano promesso di vaccinare il 70% della popolazione mondiale entro la metà del prossimo anno. Controllare l’epidemia e recuperare l’economia sono i due obiettivi.

I leader del G20 si preparano alle deliberazioni a Roma.
I leader del G20 si preparano ad avviare le deliberazioni a Roma. (foto G20)

Alberto Fernandez suggerirà inoltre di poter tradurre il documento finale che i maggiori leader mondiali firmeranno una raccomandazione al Fondo Monetario Internazionale per l’attivazione di una terza linea di credito con periodi più lunghi di quelli attuali. Agirebbe come un “fondo di flessibilità” che fungerebbe da chiave per l’Argentina per estendere i termini di pagamento oltre i dieci anni attualmente consentiti.

* Editor della politica del diario del profilo. Posta: [email protected]

Potrebbe piacerti anche