Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il futuro delle università: lauree brevi, studenti adulti e comunicazione

Il futuro delle università: lauree brevi, studenti adulti e comunicazione

L’università può smettere di rappresentare una “tappa” nella vita delle persone e iniziare ad accompagnarle nella vita L’apprendimento permanente. Allora i giovani che finiscono la scuola secondaria cesseranno di essere i principali beneficiari dell’istruzione superiore: e ci saranno Altre opzioni di volo breve, focalizzandosi su competenze specifiche in base alle esigenze del contesto locale. Flessibilità, velocità e collaborazione emergono come caratteristiche chiave delle istituzioni universitarie in questo scenario.

Come saranno le università nel 2030? Questa domanda ha riunito questa settimana più di 200 leader universitari dell’America Latina e di altri paesi nel campus principale dell’università TEC di Monterey, nel nord del Messico. È stato implementato Summit sul futuro dell’istruzione superiore e del lavoroorganizzato dal TEC Institute for the Future of Education e HolonIQ.

IL spacco Tra le competenze fornite dalla formazione universitaria e quelle richieste dal mercato del lavoro, Trasformazione educativa per la formazione universitaria, Impatto della tecnologia – Sia in classe che in amministrazione – e Modelli futuri per l’istruzione superiore Sono stati questi i principali argomenti di discussione durante i due giorni dell’evento.

Fine del “bonus demografico” e invecchiamento della popolazione In America Latina, ciò significherà che sempre più persone avranno bisogno di aggiornare le proprie competenze a 40, 50 o 60 anni per poter continuare a lavorare. In questo senso, gli specialisti lo hanno confermato Le università devono prepararsi ad accogliere gli studenti che studiano per tutta la vitae ampliando la propria offerta di “mini-cap”, ovvero percorsi formativi più brevi, che possono durare da settimane a qualche anno.

José Escamillacapo Istituto per il futuro dell’istruzione Da TEC ho sottolineato alcuni punti sul rapporto tra istruzione e lavoro. Ha spiegato: “Le persone vivono più a lungo e l’età pensionabile è stata posticipata: bisognerà aggiornarci costantemente”.

L’America Latina è la regione con il maggiore divario di competenze“Esistono divari persistenti tra la domanda nel mercato del lavoro e la formazione fornita dalle università”, ha affermato Escamilla. Questo scenario implica che le istituzioni della regione debbano dare priorità alla “crisi”. Integrazione tra istruzione e lavoroHa aggiunto che si adatta alle esigenze locali del suo ambiente.

José Escamilla, Direttore dell’Istituto per il Futuro dell’Educazione, in apertura dell’incontro a Monterrey.

L’invecchiamento della popolazione e il divario di competenze richiedono anche “di pensare all’apprendimento permanente e di offrire percorsi diversi: Un CV non dura più 4 anni, ma 60“Considerare le università come alleate dello studente nell’apprendimento permanente”, ha spiegato Escamilla. informazione. Ritiene che sarà sempre più necessario “stabilire programmi di apprendimento permanente”. Allo stesso livello delle gare tradizionali“.

READ  I talebani giustiziati 900 nell'offensiva per riconquistare l'Afghanistan: "La brutalità è imperdonabile"

Maria spiaCo-CEO di HolonIQconcorda con questa previsione: “Le università stimano che nel prossimo futuro le micro-credenziali Saranno più richiesti delle corseCiò è stato confermato sulla base dei risultati di un sondaggio condotto tra le istituzioni di tutto il mondo. In questo senso, ha sottolineato, è più importante che mai per le università Segui i tuoi laureati: Sapere dove si trovano e di cosa hanno bisogno in termini di formazione.

Questo scenario in realtà significa a Le priorità sono cambiate in molte istituzioni“Soprattutto in paesi come Singapore, Malesia e Australia, ma anche nell’Unione Europea”, ha detto Spies. informazione: “La maggior parte delle università lo ha sempre fatto Dipartimento di formazione continuaChe offriva corsi brevi e aveva un ruolo alquanto marginale. Negli ultimi due o tre anni questi dipartimenti hanno iniziato a diventare più importanti, perché conoscono questa logica aziendale I microcertificati mirano a fornire opportunità di lavoro“.

Per le spie, il processo di adattamento a queste nuove esigenze richiede da un lato “comprendere ciò che già facciamo ed espanderlo”, ma anche “iniziare ad espandersi”. Chiarire con le facoltà quali dipartimenti che offrono corsi brevisicché all’interno delle professioni esistono anche micro-credenziali che attestano le diverse fasi di formazione degli studenti in cerca di laurea.

L’Institute for the Future of Education ha presentato all’evento un rapporto dal titolo “Short Course Programs: Effective Responses to Business Needs through Educational Innovation” (attualmente disponibile solo in inglese), che evidenzia con precisione il valore dei microcertificati come forma di formazione scolastica. A Rispondere alle esigenze in rapida evoluzione del settore,Aggiornamento delle competenze di chi ha già completato la propria formazione universitaria.

Queste alternative garantiscono l’accesso all’istruzione superiore anche a fasce di popolazione che in molti casi non hanno potuto conseguire un titolo di studio tradizionale. Pertanto, i programmi brevi consentiranno “Riduci rapidamente il divario di competenze “E fornire una rapida specializzazione per aumentare le opportunità di lavoro e migliorare la mobilità sociale”, ha affermato Escamilla.

Maria Spies, co-CEO di HolonIQ, è stata una delle responsabili dell’apertura dell’evento.

Nel 2055 non sarà necessario più del 50% dei posti di lavoro attuali“, ha sottolineato Ignacio de la Vega, Vicerettore per il mondo accademico, facoltà e internazionalizzazione presso il Tecnológico de Monterrey. Pertanto, i rapidi cambiamenti nel mercato del lavoro richiederanno risposte rapide. Secondo de la Vega, viviamo Tempi di cambiamento esponenzialeSoprattutto da fattori come il progresso tecnologico, la rimodellamento dei talenti, la crisi di fiducia nelle istituzioni, l’incertezza geopolitica e il cambiamento climatico.

READ  Un corteo impunito di assassini del cartello di Sinaloa: sono addirittura entrati in un venditore di verdure

Anche la sfida della formazione continua è al centro del lavoro premio tk, un concorso di questa università che ogni anno riunisce attorno alla sfida imprenditori da tutto il mondo. Il bando è aperto Fino al 5 ottobre; Il vincitore riceverà $ 100.000. “La questione principale quest’anno è come garantire che gli adulti – dai giovani agli anziani – possano continuare ad apprendere e acquisire competenze che consentano loro di godere di una migliore qualità di vita. Le soluzioni proposte saranno valutate da una giuria internazionale”, ha spiegato. Sara IICoordinatore dell’iniziativa.

All’incontro svoltosi a Monterrey hanno partecipato anche alcuni rappresentanti del settore pubblico messicano. Ivan Rivas RodríguezIl Ministro dell’Economia di Nuevo Leon ha sottolineato l’urgente necessità di colmare il divario di competenze nella regione e ha affermato che l’istruzione è la chiave per attrarre capitale produttivo. Investire nella scienza è stato un altro punto di consensoCon frequenti riferimenti ai modelli di Corea del Sud, Cina e India.

Le aziende investono nel capitale umano. Per colmare il divario, progettare Programmi di specializzazione e Riqualificazione (Riqualificazione) è più semplice che cambiare il curriculum della professione, che è un processo che richiede tempo e richiede l’approvazione del ministero o del Ministro dell’Istruzione. In questo senso le università sono alleati essenziali per lo sviluppo economico.

Come suggerisce l’economista Rivalutare le professioni non universitarie: “A Nuevo Leon abbiamo bisogno di più ingegneri e più tecnici. Dobbiamo elevare la personalità del tecnico“A volte sono più richiesti e guadagnano più degli ingegneri, ma non c’è orgoglio nell’essere tecnici”.

Alfonso Bomba PadillaIl Ministro dell’Innovazione, della Scienza e della Tecnologia dello Stato di Jalisco ha espresso un punto di vista simile: “Non tutti i giovani vogliono conseguire un titolo di studio completo, ci sono molti abbandoni universitari. Il problema principale è dare loro Formazione che consente loro di ottenere alcuni certificati se completano uno o due anni. Le università devono essere più aperte alla realtà degli studenti di oggi. Le normative comportano molta inerzia: Non è necessario convertire tutto, ma è necessario essere più flessibili“.

Più di 200 leader universitari della regione si sono riuniti a Monterrey per discutere del futuro dell’istruzione e del lavoro.

Su questo i relatori hanno concordato La pandemia di COVID-19 ha segnato un punto di svolta nei processi di digitalizzazione Dalle università. Ciò che è iniziato come “Didattica a distanza in situazioni di emergenza“Qui per restare.” Prima della pandemia, sentivamo gli insegnanti dire: “La mia materia non può essere insegnata online”. Ora la situazione è cambiata e la preoccupazione è come avanzare più rapidamente nell’ambiente digitale. Cesare ChávezPresidente della società di consulenza AP LATAM.

READ  Morte scioccante del 23enne argentino Tic Toker in Brasile

Chavez ha osservato che la digitalizzazione va oltre il semplice rimodellamento del modo in cui viene svolto l’insegnamento: Implica cambiamenti fondamentali nella gestione quotidiana. “Adesso avviene tutto molto velocemente: se uno studente ti trova online, vorrà registrarsi e iniziare subito a studiare. Se vai online, è necessario velocizzare i processi di registrazione e ammissione.

Le sfide odierne richiedono anche nuove forme di cooperazione. “Il futuro è collaborativo. “È importante che le università collaborino con altre istituzioni e reti”, ha affermato Maria Spies. E ha aggiunto:Il primo passo è la collaborazione interna: A volte le persone non si conoscono all’interno della stessa organizzazione. “Si parla sempre di apprendimento collaborativo in classe, ma deve esserci anche una cultura della collaborazione tra chi lavora all’università”.

Di fronte all’avvento delle nuove tecnologie, competenze trasversali” – come la collaborazione, la comunicazione o l’empatia – sono più importanti che mai, concordano gli esperti. Ci sono state anche riflessioni sulle competenze necessarie per trarne beneficio intelligenza artificialeSia in classe che nei processi amministrativi, ad esempio nella progettazione di sistemi di allarme rapido che lo consentano Individuare gli studenti a rischio di abbandono degli studi e fornire loro il sostegno necessario Affinché possano continuare.

Dal punto di vista educativo, Competenza informativa La capacità di valutare criticamente le informazioni, confrontare le fonti e valutare la credibilità di un testo continuerà ad essere molto importante. Ma gli ultimi strumenti di intelligenza artificiale generativa stanno già chiarendo le fonti delle loro risposte. Quindi la cosa più importante oggi è Impara a porre buone domande“, considerate spie.

Cosa significa saper porre la domanda giusta? “È un’abilità che significa poter scomporre un problema nelle sue parti e analizzarlo nelle sue diverse dimensioni”, ha spiegato Spies. Saper chiedere cosa significa La capacità di guardare le cose da diversi punti di vista; Insomma, è un esempio di qualcosa che l’università conosce bene perché glielo ha sempre insegnato: pensiero critico“.