Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il controverso accordo UE sull’immigrazione sta giocando la sua ultima possibilità a Granada

Il controverso accordo UE sull’immigrazione sta giocando la sua ultima possibilità a Granada

Quando si tratta di attribuire le colpe, è facile puntare il dito sui governi più estremisti. Soprattutto sui temi dell’immigrazione. In questa occasione sottolineo lo scetticismo dell’Italia, anche se solitamente i responsabili lo sono di più quando si tratta di fallimenti così prolungati. Lui Il Patto europeo su migrazione e asilo ha vacillato nuovamente Giovedì scorso quando era più avanti che mai durante la Legislatura.

Definirla una questione in sospeso sembra già un eufemismo, perché questo accordo, vitale per l’armonizzazione delle norme dei paesi dell’UE di fronte all’accesso strutturale per migranti e rifugiati, è stato un fallimento per otto anni, prima dell’attuale mandato, che scade la prossima estate.

clicca per ingrandire

Ritirarsi.

La presidenza spagnola del Consiglio dell’Unione europea ha proposto, se non di revocare il divieto, di lasciarlo in pista alla prossima e ultima presidenza della sessione, quella belga, in attesa delle elezioni europee di giugno.

Le prossime due presidenze sono quelle di Ungheria e Polonia, che fin dall’inizio hanno ostacolato la realizzazione di questo accordo. Vengono considerati Spagna e Belgio I “facilitatori” dell’accordo Ciò ha generato e continua a causare grandi contraddizioni tra gli Stati membri, ma il tempo scorre più velocemente degli accordi.

L’ascesa dell’estrema destra

Fonti comunitarie spiegano che se non verrà approvata adesso, sarà quasi impossibile andare avanti nella prossima legislatura. E con questo accordo, soffocò È in gioco Tuttavia, non solo il management è un fenomeno cruciale Credibilità nelle istituzioni In un momento in cui una svolta di estrema destra e nazionalista è in agguato nelle prossime elezioni per il Parlamento europeo.

Gli ultras xenofobi avanzano sullo sfondo di un’ondata reazionaria che sa sempre alimentarsi del cosiddetto “problema immigrazione” che già È stato ferito Una delle politiche che contraddicono l’accoglienza di gran parte dei paesi del Club europeo negli ultimi anni.

Casa a tre piani

“Ora o mai più”, ha avvertito due settimane fa il vicepresidente della Commissione europea. Margaritis SchinasIn Seminario organizzato dal CIDOB A Barcellona: “Il 25% dell’accordo deve ancora essere raggiunto, se non lo raggiungiamo prima delle elezioni [junio de 2024]”Faremo un grande regalo ai populisti e agli euroscettici.”

Schinas parla dell’accordo come di una “casa a tre piani”. Il primo è il rinforzo Rapporti con i paesi di origine e di transito“Non per contenere la migrazione, ma per migliorare le condizioni di vita lì”.

Il secondo è Controllo delle frontiere dell’Unione EuropeaChe “non possono spettare a Italia, Grecia, Spagna, Malta e Cipro in un’Europa a 27”. A questo scopo, più presenze Frontex controversoL’Agenzia europea per il controllo delle frontiere e i controlli per separare i potenziali rifugiati dai migranti economici. Il terzo piano è Solidarietà tra paesi Negli scenari di crisi migratoria. E quella era una battaglia continua.

“Se i progressi non si ottengono facilmente è perché non è chiaro dove stiamo andando”.

Da quando la Commissione europea ha presentato la proposta originale nel 2020, i tentativi di negoziare e raggiungere un accordo su di essa nel suo insieme sono caduti nel vuoto. Andando avanti, anche se a singhiozzo, è stato suddiviso in parti. Due assi principali sono stati aperti lo scorso giugno, ma non sono stati ancora pienamente concordati nei cosiddetti Trilaterali, che sono colloqui tripartiti tra le tre istituzioni europee: la Commissione, il Consiglio e il Parlamento.

READ  La nascita di un prototipo di aereo ipersonico in Italia - Scienza e Tecnologia

L’accordo è lungi dall’essere considerato un successo, secondo gli esperti consultati generale E organizzazioni per i diritti umani. Il diritto di asilo è limitato e vengono fatti sforzi per trattenere i migranti e dare priorità alla loro espulsione, anche verso paesi che non sono i loro paesi di origine.
“Se i progressi non si ottengono facilmente è perché non è del tutto chiaro dove stiamo andando o a causa delle proposte Essi contraddicono i principi normativi della stessa Unione Europeaafferma Gemma Piñol, dottoressa in Scienze politiche e relazioni internazionali ed esperta di migrazione presso la Fondazione Alternativas.

Riconosce che non è chiaro nemmeno agli esperti cosa verrà concordato e soprattutto come verrà attuato una volta approvati i regolamenti e le direttive di questo accordo, se così sarà. “Molte questioni finiranno nelle mani della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo”, afferma Piñol.

Solidarietà a richiesta

Per quanto riguarda la solidarietà con i Paesi in prima linea – soprattutto Italia, Grecia e Spagna – è già chiaro se sarà “selettiva” oppure non sarà tale. Per coloro che non accettano di trasferirsi nel proprio Paese, i richiedenti asilo che arrivano in Paesi considerati “saturi” dovranno fornire fondi affinché questi Paesi possano far fronte alle pressioni migratorie a cui sono esposti. Tipo Una multa di circa 20mila euro per rifugiato Che si rifiutano di accogliere.

La crisi del 2015 ha dimostrato che l’UE non è stata in grado di imporre quote di accoglienza

La crisi dei rifugiati del 2015 ha reso chiaro che l’Unione Europea non ha il potere di imporre quote di accoglienza obbligatorie per i richiedenti asilo che arrivano nei paesi del sud dall’Africa o dal Medio Oriente. Queste quote non furono mai raggiunte nonostante il più grande esodo umano verso il continente dalla Seconda Guerra Mondiale, e non ci furono conseguenze per gli stati erranti – soprattutto quelli dell’Europa orientale – né per gli stati meno impegnati, che erano praticamente tutti.

Era anche chiaro Regolamento Dublino Perché le frontiere interne dell’Unione Europea non possono essere imposte ai migranti all’interno di un progetto politico che difende la libertà di movimento delle merci e delle persone.

Ma nonostante ciò, ciò accade perché i flussi secondari di migrazione irregolare (che si verificano tra i paesi dell’UE una volta sbarcati i migranti) sono diventati un problema serio. Un grosso ostacolo per Francia e GermaniaÈ qui che preferiscono andare i migranti che arrivano in Spagna, Italia o Grecia. La guerra in Ucraina e l’accoglienza massiccia di rifugiati non hanno fatto altro che mettere a dura prova i sistemi di accoglienza, soprattutto in Germania, mentre l’accordo vacillava.

Il percorso ancora discutibile di questo accordo ha dimostrato i presunti aspetti di politica comune e un enorme divario nelle risorse disponibili da alcuni paesi e da altri per gestire gli arrivi, come riassunto Carmen González Enriquezricercatore principale del Reale Istituto Elcano, in un ampio articolo.

È stato generato Scontri tra Paesi del Nord e del Sud Riguardo a chi è responsabile di chi arriva, come e per quanto tempo. Ma ha anche portato a Conflitti con i paesi dell’Estpiuttosto riluttante ad accogliere persone provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente.

READ  Simone Biles e un esercizio di storia | Due anni dopo il suo crollo, la ginnasta ha inventato un salto che porta il suo nome

Accelerazione della presidenza spagnola

Giovedì scorso, la presidenza spagnola del Consiglio ha dato all’accordo l’accelerazione promessa, con una proposta che genera il consenso necessario su una delle sue gambe, che è l’ultima da risolvere. Questi sono i ventisette meccanismi per affrontare gli scenari di crisi migratoria, le cause di forza maggiore e lo “sfruttamento” della migrazione come meccanismo per fare pressione sui paesi.

È Scenario attuale dell’ItaliaQuest’anno l’Italia ha accolto finora più di 130.000 persone, il doppio rispetto al 2022, e sono numeri che possono essere paragonati solo a quelli del 2016. È proprio l’Italia che ha sospeso l’accordo.

Secondo fonti comunitarie, l’accordo non andrà avanti se non sarà all’interno di questo organo legislativo

Il tempo è essenziale, forse Questa settimana è la chiavedurante Vertice dell’Unione Europea a Grenada Venerdì, che sarà preceduto il giorno precedente da una riunione ad alto livello della Comunità politica europea. Ministro degli Interni spagnolo, Fernando Grande MarlaskaGiovedì scorso ha sottolineato che la questione è “una questione di giorni” e di “sfumature” fino al raggiungimento di un accordo in seno al Consiglio.

La Germania, uno dei paesi che accolgono il maggior numero di richiedenti asilo, ha aderito alla proposta e si è congratulata con la Spagna per la sua gestione, nonostante questa bloccasse da tempo la parte finale dell’accordo a causa delle tensioni interne alla coalizione di governo tedesca.

Ma Piñol avverte che “le sfumature sono molto importanti nelle questioni relative all’immigrazione”. Poiché queste sfumature poco conosciute incidono direttamente sulle persone che rischiano la vita, “sembrano essere le ultime a cui pensare quando si progettano le politiche”, dice l’esperto.

Come rivelato PaeseLa bozza presentata prevede un regolamento che consentirebbe ai paesi che attraversano crisi migratorie Smettere di accettare domande di asilo (La maggior parte degli immigrati lo richiede perché è l’unico modo per garantire uno status legale, anche se temporaneo.)

Estende inoltre il tempo in cui queste domande devono essere elaborate e analizzate, e quindi il periodo in cui i richiedenti possono farlo Rimangono detenuti nei centri di accoglienza Cercare di deportarli Questo punto preoccupa molto le organizzazioni specializzate in migrazione e asilo.

La migrazione è un’arma di “guerra ibrida”

Ma oltre alle potenziali violazioni dei diritti, Piñol sottolinea le “contraddizioni” quando parla di “sfruttare” l’immigrazione per “destabilizzare” gli Stati membri. Ciò significa che l’Unione Europea si sta preparando per una “guerra ibrida” da parte di alcuni paesi che utilizzano i migranti come arma di pressione politica.

“L’UE continua a nutrire i paesi che possono poi esercitare pressioni sulla migrazione”.

La proposta si riferisce ai fatti accaduti in Il confine tra Bielorussia e Polonia Nel 2021. Ma non menziona quello che è successo con la Turchia, che ha permesso a migliaia di profughi di passare in Grecia in pochi giorni, o il caso del Marocco, che ha fatto lo stesso a Ceuta due anni fa. Questi ultimi sono i Paesi ai quali l’Unione Europea stanzia ingenti somme di denaro per fermare i flussi migratori verso l’Europa. “A lungo termine, è l’UE stessa a creare queste situazioni e continua ad alimentare lo Stato, che può poi esercitare pressioni su di esso in questo modo”, afferma.

READ  Come faccio a sapere se ho la malattia, secondo gli esperti?

La Tunisia è un nuovo candidato per l’immigrazione europea

L’Unione Europea ha promesso fino a Un miliardo di euro Alla Tunisia investimenti, più di un centinaio destinati al controllo dei flussi migratori nel Mediterraneo. Ma la crisi a Lampedusa si è aggravata dopo l’annuncio dell’accordo lo scorso luglio, perché questa crisi covava da mesi nel paese del Maghreb, da dove salpa la stragrande maggioranza delle barche che arrivano sull’isola italiana.

Nel pieno della crisi migratoria, l’Italia ha rifiutato l’accordo e ha chiesto inoltre più carta bianca per inasprire le proprie politiche Mi riferisco alle organizzazioni non governative Che salva vite umane nel Mediterraneo, ad esempio Uno di quei fattori destabilizzanti. La sua approvazione non è necessaria per raggiungere la maggioranza necessaria, ma nessuno in Consiglio ha ritenuto opportuno procedere senza il sostegno del Paese che accoglie il maggior numero di migranti irregolari e rifugiati.

Il problema è che l’Italia, governata da due partiti di estrema destra, è quella che ha fatto questo La battaglia contro l’immigrazione Irregolare la sua rubrica Campagna elettoraleMa la realtà ha dimostrato che una mano forte nella retorica e in alcune politiche non è sufficiente per fermare i movimenti di persone che fuggono dalla povertà, dalle persecuzioni o dai conflitti armati.

Fonti diplomatiche consultate indicano che la suspense aggiunta dall’Italia è solo ricercata Dimensioni del palco Si trovano di fronte a un accordo che dovranno giustificare ai loro elettori. “Stanno dimostrando di non volersi arrendere in questo modo”, alcune voci sono fiduciose che la questione andrà avanti senza grandi cambiamenti.

Anche se lo spirito dell’accordo non è lontano dalle ultime politiche messe in atto da Giorgia Meloni: estendere i periodi di detenzione per i migranti, anche per i minori sotto i 16 e i 17 anni, e aumentare la rete dei centri di detenzione per aumentare il numero dei migranti espulsi. .

“Abbiamo ideato un modello irrealistico, che non parla alla maggioranza della popolazione straniera che arriva in Europa e lo fa regolarmente”, riassume Peñol. Ha aggiunto: “Con questo accordo, stiamo complicando le poche vie di accesso legali all’Europa e all’Europa Trasformiamo l’immigrazione irregolare in qualcosa di strutturale. “Non stiamo generando possibilità per un altro modello, a causa del discorso sulla migrazione come minaccia che domina l’Europa da molto tempo”.

questa settimana, Capi di Stato e di governo dell’Unione EuropeaSi sono incontrati nella città dell’Andalusia Bomba a manoL’Unione Europea, sotto la presidenza spagnola, deve fare un passo avanti per chiarire dove sta andando la politica europea in materia di migrazione e asilo, tra grandi dubbi sul percorso politico e ideologico che prenderà il vertice del G27.