Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sia lodato Dio per averlo diretto e trasformato in uno specialista in chirurgia cardiovascolare e toracica

Accompagnato dalla moglie e dalle due figlie, lo specialista è cresciuto spiritualmente e professionalmente.

Dr. Eugenio Murillo Portela, chirurgo cardiovascolare toracico e direttore del programma di chirurgia cardiovascolare presso il Mayagüez Medical Center (MMC).

Con poco più di 25 anni di cure dedicate ai pazienti con problemi cardiovascolari, il Dott. Eugenio Molero Portela, Chirurgo cardiovascolare E il mio petto, a conferma di ciò Esclusivamente per la salute medica e pubblica Possa Dio guidarlo a decidere su questa specialità.

Attraverso studi medici presso l’Università Nazionale Pedro Henríquez Ureña nella Repubblica Dominicana e la sua specializzazione presso il Newark Beth Israel Medical Center nel New Jersey, dopo quel lungo viaggio, è oggi Direttore del Programma di Chirurgia Cardiovascolare presso il Mayagüez Medical Center (MMC), dal scomparsa di uno dei cardiologi più importanti Specialisti in chirurgia toracica Dr. Raul García Rinaldi.

“Dico che Dio me l’ha messo sulla strada, perché non avevo intenzione di diventare un chirurgo ed è stato grazie a un invito il mio amico chirurgo Malattie cardiovascolari a Porto Rico, che mi ha invitato a questo programma di specialità che ha iniziato la mia carriera”, ha spiegato eccitato mentre ricordava quei giorni.

La sua carriera è stata accompagnata da sua moglie e due figlie, poiché ama praticare sport e leggere le parole di Dio. Ha ammesso di essere lontano da alcuni parenti, ma al termine del suo ricovero a metà intervento ha potuto incontrare i suoi parenti, e ha scoperto che alcuni di loro sono medici e da allora hanno una forte amicizia.

Ha sottolineato che non tutto è medicina e che risparmia tempo per la sua famiglia, i suoi hobby e hobby, i più importanti dei quali sono leggere le parole di Dio, giocare a quattro e praticare alcuni sport.

READ  Filmus ha visitato Salta per promuovere la scienza e l'industria della conoscenza | Procede l'installazione del telescopio Qubic e rivitalizza il progetto Llama

“Per hobby faccio sport, ho sempre amato lo sport. Adesso gioco a golf, mi piace anche il Paddle Board in spiaggia e imparo a giocare il quattro. Carico le mie energie studiando la parola di Dio, mi piace per leggere la parola nel pomeriggio, e al mattino prendo il tempo Quindi anche se sono occupato.”

La sua qualità professionale gli ha fatto passare momenti difficili per i pazienti per i quali ha dato tutto il supporto.
La cura dei suoi pazienti è la priorità del dottor Moliro.
La perseveranza del dottor Moliro lo ha reso un chirurgo di prim’ordine.
Un sorriso ti accompagna sempre.

Sfide assistenziali a Porto Rico

Per uno specialista, la sfida più grande nel soddisfare le condizioni che vede ogni giorno nel suo studio sono i casi di malattia coronarica nei pazienti con diabete.

“Capacità di gestirlo caso di malattia coronarica Per i diabetici è molto diverso da quello che si pratica negli Stati Uniti. Nel nostro programma di residenza non c’erano molti diabetici, mentre qui la malattia è più avanzata ed è a Una sfida per ogni chirurgo cardiovascolare Cosa vuoi che sia Successo nella malattia coronarica“, è da spiegare.

Ha aggiunto che sebbene fosse difficile affrontare questa sfida, è stata l’esperienza e l’apprendimento che gli hanno permesso di dare risultati positivi a questa popolazione durante tutta la sua carriera.

Abbiamo avuto molti casi interessanti e pazienti con i quali abbiamo una buona amicizia. Ricordo con affetto un paziente che abbiamo operato, ero un nuovo arrivato, cioè circa 20 anni fa, aveva un tumore del mediastino in fase avanzata che ha invaso il polmone, e abbiamo dovuto rimuoverlo completamente. Con lui abbiamo subito una seconda operazione, durata 15 anni, ed è in buona salute”.

READ  Usi della realtà virtuale in medicina

Outlook ed evoluzione della tua pratica clinica

Per il Dottore, nel corso di 25 anni, alla Gilda erano successe molte cose positive, vedendo progressi che avevano permesso loro di salvare molte vite.

“Nel complesso, la morbilità e la mortalità sono migliorate molto e ne siamo molto contenti perché competiamo con i migliori centri degli Stati Uniti. Inoltre, l’esperienza che ci hanno dato ci permette di andare a casi più complessi, ma con più certezza che le cose possano andare bene.” disse eccitato.

Tuttavia, ha spiegato che in questo momento sono stati riscontrati casi in pazienti più giovani, “l’età media era tra i 70 e gli 80 anni. Ora vediamo persone tra i 40 e i 50 anni con complicazioni mediche, anche se in ogni una volta possiamo aiutarli di più .”

Scopri di più sulla vita di questo specialista nel seguente video: