Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il consigliere capo per la sicurezza nazionale di Joseph Biden arriverà a Buenos Aires per proporre “relazioni moderne” al governo Alberto Fernandez

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden con il suo consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan durante il vertice del G7 nel Regno Unito nel giugno di quest’anno (Doug Mills/Paul via Reuters)

L’Argentina potrebbe essere preoccupata per la sua politica estera e non convincerà il Brasile del suo impegno per la protezione dell’ambiente, ma il governo di Joe Biden non ha intenzione di togliersi di mezzo: Insisterà per approfondire le sue relazioni diplomatiche con Buenos Aires e Brasilia Per evitare che la regione affronti una crisi istituzionale a causa della crisi economica globale e degli impatti sanitari e sociali del COVID-19.

“Vogliamo mostrare alla regione che non la stiamo dividendo in stati pro o contro di noi, e vogliamo dimostrare che troveremo sempre aree costruttive per lavorare insieme”, spiegare a Informazioni Un alto funzionario della Casa Bianca.

La conversazione dà il contesto al viaggio che Jake Sullivan, capo del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, e Juan Gonzalez, capo dell’emisfero occidentale dell’organizzazione, faranno questa settimana in Argentina e Brasile. Sullivan e Gonzalez conoscono l’agenda geopolitica di Jair Bolsonaro e Alberto Fernandez, e il loro tour vorticoso – insieme ad altri funzionari della Casa Bianca – mira a rendere più fluidi i rapporti con Washington.

Quando Biden nominò Jacob Jeremiah Sullivan alla posizione strategica, uno dei più vicini alla presidenza, c’era accordo nei circoli di potere a Washington: Il veterano democratico aveva scelto una delle menti più brillanti e uno degli uomini più promettenti. Sullivan ha solo 44 anni.

Gonzalez, anche lui giovane, aveva già consigliato Biden sulle questioni latinoamericane quando l’incumbent era il vicepresidente di Barack Obama, e durante la campagna elettorale era già chiaro che si sarebbe fermato al Consiglio di sicurezza nazionale. In quelle settimane di campagna, Gonzalez ha parlato con Informazioni Spiega come Biden affronterà l’America Latina Se diventa presidente: Funzionerà con paesi che sono pronti a partire e che sono ambiziosi. I paesi che sono pronti avranno un alleato naturale in Joe Biden”. Previsione del clima.

READ  La prima foto di Cleo Smith dopo essere stata salvata dalla polizia in Australia

L’esecuzione avrà luogo prima della fine dell’elenco della tua domanda. Gonzalez era già a Buenos Aires ad aprile, in tournée in altri paesi della regione, dove ha pranzato virtualmente con il presidente, Isolato in quei giorni in cui si stava riprendendo dal COVID-19.

Già a giugno il colombiano-americano ha ricevuto a Washington Sergio Massa, il presidente della Camera dei Rappresentanti. Quattro mesi dopo torna a Buenos Aires, ma questa volta accompagnato dal suo diretto superiore, assicura che il piano per sedurre l’Argentina rimane fermo, nonostante le esitazioni e gli strani zigzag in politica estera che il governo del Fronte Todos mostra ripetutamente.

Alberto Fernandez durante un pranzo virtuale nell'aprile 2021 con il direttore dell'emisfero occidentale del Consiglio di sicurezza nazionale, Juan Gonzalez
Alberto Fernandez durante un pranzo virtuale nell’aprile 2021 con il direttore dell’emisfero occidentale del Consiglio di sicurezza nazionale, Juan Gonzalez

Dal punto di vista diplomatico e tecnico, il tour si presenta come una visita ai “leader dei maggiori paesi alleati in America, non affiliati alla Nato”.

Washington considera Brasilia e Buenos Aires “una delle economie più importanti non solo a livello regionale, ma anche a livello globale”. Vede entrambe le capitali nel contesto del G-20 e spera che i colloqui non si limitino a livello bilaterale ma anche regionale e globale.

“Vogliamo stabilire una cooperazione a medio e lungo termine con entrambi i paesi che vada oltre gli sforzi congiunti per sconfiggere la” pandemia di COVID-19Aggiunto l’alto funzionario della Casa Bianca che lavora al fianco di Biden.

È una proposta importante e ovvia perché non esiste da molto tempo ed è anche e ovviamente progettata per contenere l’influenza della Cina nella regione. “Stiamo parlando con paesi di destra e di sinistra, non importa chi è al potere”, Rivendicato membro influente dell’Amministrazione Democratica.

READ  Joe Biden ha dimenticato di aver già ricevuto un senatore e ha aggiunto un altro momento imbarazzante

Potrebbe essere Fernandez Anormale nella sua politica nei confronti dei regimi di Venezuela, Nicaragua e Cuba Oppure potrebbe suggerire di sostituire l’OEA con la Comunità latinoamericana e caraibica, ma sa che svolgere i suoi compiti sul tema del cambiamento climatico fa guadagnare molti punti alla Casa Bianca. Non è esattamente il caso di Bolsonaro, accusato dall’opposizione nel suo paese e dalle organizzazioni ambientaliste globali di mettere in pericolo la regione amazzonica.

Sullivan e Gonzalez Olivus visiteranno il Palazzo Planalto per vedere i capi, Ma nelle ore che passano in Brasile, nientemeno che un gesto: oltre a parlare di cambiamento climatico con Bolsonaro, gli americani hanno convocato i governatori che compongono la Federazione internazionale della foresta amazzonica.

Mano nella mano, e senza la presenza del governo federale, gli inviati di Biden discuteranno con i governatori “Deforestazione amazzonica e meccanismi di finanziamento internazionale per progetti di protezione della biomassa”.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ascolta l'inno nazionale con un indigeno nella riserva della tribù Yanomami, al confine con il Venezuela, a São Gabriel da Cachoeira, nello stato dell'Amazzonia.
Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ascolta l’inno nazionale con un indigeno nella riserva della tribù Yanomami, al confine con il Venezuela, a São Gabriel da Cachoeira, nello stato dell’Amazzonia.

“Vogliamo il nostro impegno oltre il governo federale sulla questione Amazon”, hanno detto fonti a Washington. Informazioni. La cooperazione militare ed elettronica sarà un altro tema che verrà discusso, con particolare interesse per il 5G e cosa sta facendo Brasilia con le pressioni di Pechino su Huawei per fornire quella rete. Ecco perché anche il direttore della tecnologia e della sicurezza nazionale del Consiglio di sicurezza nazionale, Tarun Chhabra, il direttore della cibernetica, Amit Mittal, e il direttore dell’Ufficio dell’emisfero occidentale del Dipartimento di Stato, Ricardo Zuniga, fanno parte del tour.

READ  Bolsonaro: Tra isolamento e scherno | Opinione

Il funzionario che lavora alla Casa Bianca ha affermato che, a differenza del Brasile, l’Argentina “ha compiuto passi molto concreti sulla questione del cambiamento climatico”. La questione sarà discussa, ma anche Venezuela, Bolivia e Nicaragua saranno temi importanti, oltre alla lotta all’epidemia (“che è di grande importanza per il governo argentino”) e alla “crescita economica comune”. Traduzione? La rinegoziazione del debito con il Fondo Monetario Internazionale e la necessità del sostegno di Washington su questa strada.

Cosa vuole allora Biden da Fernandez? Che i due paesi mantengano “relazioni moderne, riconoscendo sempre che saranno gli argentini a decidere del loro futuro”. E in questo concetto nuovo e flessibile, quello delle “relazioni moderne”, c’è un’opportunità per l’Argentina davanti alla Casa Bianca, a cui non è chiesto di scegliere tra Stati Uniti e Cina, ma di scegliere e decidere in altri ambiti dove c’è molto in comune e deve essere fatto.

Continuare a leggere: