Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | I combattimenti continuano nel Donbass

Dall’Ucraina accusano la Russia di aver violato le promesse di armistizio all’acciaieria Azovstal

Il comandante del battaglione Azov che difende il sito ha detto giovedì che “i russi hanno violato la loro promessa di tregua” presso le acciaierie di Azovstal (sud-est), l’ultima roccaforte della resistenza ucraina in questa città portuale bombardata. .

“I russi hanno infranto la loro promessa di tregua e non hanno permesso l’evacuazione dei civili”, che si trovano ancora in un rifugio militante nella parte sotterranea del complesso industriale, ha detto il vice comandante di battaglione Svyatoslav Balamar in un videomessaggio al telegramma. Poco prima, il Cremlino aveva confermato che i corridoi umanitari “funzionavano” nell’acciaieria e che i militari stavano rispettando un cessate il fuoco concordato giovedì.

Il presidente dell’Ucraina lancia una campagna di finanziamento globale per aiutare il suo paese

Giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lanciato una campagna di finanziamento globale per aiutare il suo paese a vincere la guerra contro la Russia e ricostruire le infrastrutture danneggiate dal conflitto.

“Con un clic, puoi donare denaro per aiutare i nostri difensori, salvare i civili e ricostruire l’Ucraina”, ha detto Zelensky, in inglese, in un video pubblicato sulla sua pagina Twitter, annunciando il lancio della piattaforma, chiamata United24. “Ogni donazione significa vittoria”, ha aggiunto.

Il Cremlino afferma che il sostegno occidentale all’Ucraina ha impedito alla Russia di fermare “rapidamente” l’offensiva

Aiuti militari e mediatici forniti dai paesi occidentali Ucraina Giovedì, il Cremlino ha affermato che avrebbe impedito alla Russia di completare rapidamente la sua offensiva, sottolineando che avrebbe raggiunto tutti i suoi obiettivi.

READ  L'omicidio di Gabi Pettito mette in evidenza la "sindrome della donna bianca scomparsa" | Persone scomparse non denunciate negli Stati Uniti

“Gli Stati Uniti, il Regno Unito e la NATO nel suo insieme scambiano costantemente informazioni con le forze armate ucraine. In combinazione con le consegne di armi (…) queste misure non consentono al processo di concludersi rapidamente”, ha detto ai giornalisti un portavoce del Cremlino . , Dmitrij Peskov.

Il Vaticano ha lamentato la “paralisi” delle Nazioni Unite e ha chiesto una fine “urgente” della guerra in Ucraina.

Il Vaticano ha lamentato la “paralisi” delle Nazioni Unite in alcune delle sue regioni chiave e ha chiesto una “fine urgente” della guerra in Ucraina, che vedeva come “il risultato di anni di relazioni internazionali fratturate”.

Lo ha detto il sottosegretario della Santa Sede per le Organizzazioni internazionali, Francesca Di Giovanni, in dichiarazioni alla stampa ufficiale vaticana.

Per Di Giovanni, a livello internazionale, «il problema più grande è renderlo comprensibile, fissarne le conseguenze in situazioni concrete, affinché la Carta non sia interpretata secondo la posizione politica più allettante, ma alla luce di quanto accaduto in gli anni prima che fosse firmato, dopo la seconda guerra mondiale, per preservare i posteri dal flagello della guerra”, tra i suoi scopi originari.

L’Ucraina annuncia progressi militari nel sud e afferma di aver respinto gli attacchi russi a est

Le forze armate ucraine (FFAA) hanno confermato oggi di aver compiuto progressi ai confini di due province meridionali e di aver respinto diversi attacchi russi nella regione orientale nota come Donbas, che la Russia intende lanciare con una nuova offensiva.

Le autorità locali hanno detto che almeno cinque persone sono state uccise e più di 20 ferite nei bombardamenti russi su diverse città del Donbass, che hanno anche distrutto dozzine di case e una scuola.

READ  L'Inghilterra analizza le nuove restrizioni come "ultima risorsa" di fronte ai numeri allarmanti di Covid-19

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine, nel suo aggiornamento quotidiano mattutino, ha affermato che l’esercito russo “ha perso il controllo di diversi insediamenti ai confini delle regioni di Mykolaiv e Kherson”.

Nella sua dichiarazione, lo stato maggiore ha aggiunto che le forze ucraine hanno anche respinto 11 attacchi nelle regioni di Donetsk e Lugansk, i due attacchi che compongono il Donbass.

Più di 300 civili sono stati evacuati da Mariupol e dalle città vicine nell’Ucraina meridionale

Secondo quanto riferito dalle Nazioni Unite, più di 300 civili sono stati evacuati dalla città di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, e da altre quattro città controllate o sotto attacco dalla Russia, e si sono trasferiti in un territorio ancora sotto il controllo dell’Ucraina, nella seconda operazione riuscita nel suo genere.

Osnat Lubrani, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per l’Ucraina, ha affermato ieri sera in una dichiarazione che molti civili evacuati ieri da Mariupol, Manush, Berdyansk, Tokmak e Vasilivka “non indossavano abiti diversi da quelli che indossavano”.

Ha aggiunto che le persone stavano ricevendo aiuti umanitari e “un disperato bisogno di supporto psicologico” nella sua città di destinazione di Zaporizhia, 230 chilometri a nord-ovest di Mariupol, secondo quanto riportato da Europe Press.