Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno trovato più di 500 chilogrammi di cocaina in una fabbrica Nespresso in Svizzera

Dalle analisi è emerso che si trattava di cocaina (Polizia Cantonale Friburgo / Dispensa via REUTERS)

Più di 500 chilogrammi di cocaina, per un valore di oltre 50 milioni di franchi svizzeri ($ 50,65 milioni) In un contenitore di sacchi di caffè in grani per lo stabilimento Nestlé Nespresso di Romont, Nella Svizzera occidentale, lo ha annunciato giovedì la polizia cantonale.

Nespresso ha denunciato questo alla polizia lunedì sera Il personale ha trovato una sostanza bianca non identificata mentre disimballava sacchi di chicchi di caffè appena arrivati ​​dal BrasileLo ha detto la polizia in una nota.

Le analisi hanno mostrato che la sostanza Era cocaina.

“La sostanza in questione non è entrata in contatto con nessuno dei nostri prodotti o con le apparecchiature di produzione utilizzate per realizzare i nostri prodotti”, ha affermato Nespresso in una dichiarazione inviata via e-mail.

“Dato che le indagini della polizia sono in corso, non possiamo condividere altri dettagli. Vogliamo assicurare ai consumatori che tutti i nostri prodotti sono sicuri da consumare.”, ha affermato il produttore delle singole capsule di caffè.

La polizia di Friburgo ha detto che i funzionari della macchina per capsule di caffè, che è di proprietà del gigante alimentare svizzero Nestlé, hanno affermato di aver trovato una “sostanza bianca non identificata quando hanno aperto sacchi di chicchi di caffè appena consegnati”.

La polizia lo ha concluso
La polizia ha concluso che “tutti i farmaci erano destinati al mercato europeo” (Reuters/Denis Balibouse)

.aggiunse La cocaina sequestrata è pura all’80% e ha un valore di mercato di oltre 50 milioni di franchi svizzeri (51 milioni di dollari 48 milioni di euro).

READ  Mercati: il mercato azionario cileno crolla tra i dubbi sul futuro del paese

Lo ha detto la polizia Durante l’operazione è stato allestito un perimetro di sicurezza attorno allo stabilimento, al quale ha partecipato un gruppo di funzionari doganali.

La polizia ha concluso che “tutti i farmaci erano destinati al mercato europeo”.

“Il centro del mercato della cocaina in Europa si è spostato a nord” Europol ha sottolineato nel suo ultimo rapporto di 27 pagine insieme all’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) con sede a Vienna.

Il mercato della cocaina in Europa È stato sostenuto dall’aumento delle forniture, in particolare dalla Colombia, dove un accordo di pace del 2016 con i combattenti delle FARC ha lasciato il mercato diviso. E aperto a più concorrenza.

La polizia ha detto che un perimetro di sicurezza è stato installato intorno alla fabbrica durante l'operazione, che ha coinvolto un gruppo di funzionari doganali (Reuters/Denis Balibouse)
La polizia ha detto che un perimetro di sicurezza è stato installato intorno alla fabbrica durante l’operazione, che ha coinvolto un gruppo di funzionari doganali (Reuters/Denis Balibouse)

Le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC) hanno preso il controllo di parte dell’area di coltivazione della coca e hanno regolamentato l’accesso alla fornitura di cocaina a disposizione di intermediari e trafficanti internazionali.secondo il rapporto.

L’accordo di pace ha posto fine alla struttura di comando integrata delle FARC E l’emergere di diversi gruppi scissionisti che esercitano il controllo su diverse regioni e producono cocaina in esse”, secondo Europol.

Questo a sua voltaAumentare la possibilità di formare nuove alleanze e associazioni, Aggiungi il rapporto. Parallelamente, i cartelli della droga europei hanno cambiato strategia, stringendo alleanze con questi gruppi “eliminando così l’intermediario” e acquistando cocaina direttamente dalla fonte.

Julia Vidma, Head of Analysis and Operations Center di Europol ha dichiarato: “Il contrabbando di cocaina è una delle principali preoccupazioni per la sicurezza che dobbiamo affrontare in questo momento nell’Unione europea. Circa il 40% dei gruppi criminali attivi in ​​Europa sono coinvolti nel traffico di droga e il traffico di cocaina genera profitti criminali per miliardi di euro. Una migliore comprensione delle sfide che dobbiamo affrontare ci aiuterà a contrastare in modo più efficace la minaccia violenta che le reti del traffico di cocaina rappresentano per le nostre comunità”.

READ  Lavrov, l'irresistibile ministro degli Esteri di Putin, la chiave dell'immagine oscura della Russia nel mondo di oggi

dopo la canapa, La cocaina è oggi la seconda droga più diffusa nell’Europa centrale e occidentale. Le ultime stime stilate dal rapporto indicano che ci sono circa 4,4 milioni di consumatori l’anno scorso.

(Con informazioni da AFP e Reuters)

Continuare a leggere: