Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina: bombardamenti russi, ansia globale e più sanzioni occidentali | Scoppia la guerra nell’Europa orientale e Kiev afferma che i suoi alleati l’hanno lasciata in pace

da Parigi

Gli ultimi bastioni ancora in guerra in Europa si trasformarono improvvisamente in un enorme conflitto laterale. Il Invasione dell’Ucraina Dalle forze russe, finorail più alto livello di conflitto che ha opposto la Russia e l’Occidente per più di tre decenni Sia sull’espansione della NATO, sul conflitto nelle regioni separatiste situate nell’Ucraina orientale o sulla formazione politica del mondo.

Si tratta anche di La più grande offensiva militare in Europa dalla fine della seconda guerra mondiale (1939-1945). Non è più la Guerra Fredda o il Dopo Guerra Fredda, ma una guerra frontale, frontale, una visione del mondo contro una visione del mondo, senza parole gentili che incapsulano le intenzioni. Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’inizio dell’offensiva, dicendo: “Chiunque voglia ostacolarci o minacciare il nostro Paese o la nostra gente dovrebbe sapere che la risposta russa sarà immediata e avrà conseguenze senza precedenti nella nostra storia”.

progresso russo

Insieme a “Superiorità aerea assoluta”Giovedì l’esercito russo si stava avvicinando alla capitale ucraina, Kiev, con l’intenzione di farlo “Decapitare il governo” Per mettere in atto un regime filo-russo, secondo fonti militari occidentali. Dopo aver lanciato più di 160 missili contro obiettivi militari ucraini, le forze russe avanzarono rapidamente dalla Bielorussia a sud e “Vicino a Kiev” Per tutto il giorno, ha detto un alto funzionario del Pentagono.

“In pratica hanno intenzione di tagliare fuori il capo del governo e installare la propria forma di governo”, ha aggiuntoIl che spiega questa prima avanzata verso Kiev”. Le difese aeree ucraine sono state spazzate via e non hanno più una forza aerea per proteggersi.

Volodymyr Zelensky ha preso di mira la NATO

Presidente ucraino Volodymyr Zelensky Venerdì si è lamentato del fatto che il suo Paese è stato lasciato “solo” a difendersi dall’invasione russa che ha ucciso almeno 137 persone nelle prime 24 ore. “Ci hanno lasciati soli a difendere il nostro Paese”Zelensky ha detto in un video clip pubblicato sull’account presidenziale. “Chi è disposto a combattere con noi? Non vedo nessuno.. Chi è pronto a dare all’Ucraina una garanzia di adesione alla NATO? Tutti hanno paura”.

Sanzioni USA e NATO

Ore prima del presidente degli Stati Uniti Joe Biden Aveva riconosciuto la mancanza di unità tra le potenze occidentali per rispondere con forza all’attacco russo, mentre annunciava nuove sanzioni economiche che avrebbero trasformato la sua controparte russa in un “paria”.

In un discorso della Casa Bianca, Biden ha detto che l’Occidente avrebbe punito altre quattro banche russe, e così via Le restrizioni alle esportazioni taglieranno “più della metà delle importazioni russe di tecnologia. Ciò imporrà un costo elevato all’economia russa, sia nell’immediato che nel lungo periodo”.“Ma ha aggiunto che non avrebbe inviato truppe in Ucraina.

READ  Un gruppo di vigilanti brucia 35 autobus pubblici a Rio de Janeiro e scatena il caos

A Londra, il Primo Ministro Boris Johnson ha detto che lui Il Regno Unito ha congelato i beni di gruppi bancari e produttori di armi, ha imposto sanzioni ad altri cinque oligarchi e ha chiuso il suo spazio aereo alla compagnia aerea russa Aeroflot.. Vice Cancelliere della Germania, Robert HabeckHa sottolineato che le sanzioni occidentali”Isolerà l’economia russa dal progresso industriale, attaccherà e congelerà beni e proprietà finanziarie e limiterà gravemente l’accesso ai mercati europei e americani“.

Nel suo discorso televisivo, che fino a soli tre giorni fa era il principale aspetto dell’opzione diplomatica della crisi, ovvero il negoziato con la Russia, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha ammesso che il momento è stato un salto nel vuoto: “Si è un punto di svolta nella storia dell’Europa e del nostro Paese”. Macron ha definito l’invasione un “atto di guerra”, ha avvertito che avrebbe risposto “senza debolezza ea sangue freddo” e ha accusato il leader russo di un errore imperdonabile.: “per me annulla la tua parolaRifiutando la via diplomatica e scegliendo la guerra, Vladimir Putin non solo ha attaccato l’Ucraina, ma ha deciso di lanciare l’attacco alla pace più pericoloso degli ultimi decenni in Europa”.

Vertice Europa

Non sono mancate le parole per condannare l’invasione e le azioni di restituzione devono ancora concretizzarsi. L’Unione europea si è riunita in un vertice urgente dei capi di Stato e di governo per concordare una nuova serie di sanzioni da aggiungere a quelle concordate tre giorni fa quando Putin ha riconosciuto con decreto l’indipendenza delle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk, in il Donbass. Il capo della Commissione Europea ha affermato che le sanzioni sarebbero “pericolose e con conseguenze disastrose”, Ursula von der Leyen chi l’ha aggiuntoIl presidente Putin sta cercando di tornare ai tempi dell’impero russo“.

Lane ha anche definito la doppia regola delle penalità: primo, Mira a mettere in ginocchio la Russia entro “la fine della crescita, l’aumento dei finanziamenti e dell’inflazione, nonché l’accelerazione della fuga di capitali”.; In secondo luogo, ha interrotto l’accesso di Mosca alle tecnologie. Tuttavia, va ricordato che le sanzioni adottate contro la Russia dal 2014 non hanno mai scoraggiato Mosca dal mantenere le sue ambizioni in Ucraina. Inoltre, queste sanzioni sono state “misurate”, cioè calcolate in modo da non arrecare danni significativi a Mosca e, di conseguenza, alle economie dei paesi che le hanno adottate.

La doppia faccia delle democrazie occidentali appare sempre a causa di alcune lotte in cui i loro interessi sono messi alla prova. Per quanto riguarda l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico militare occidentale, l’organismo si è riunito giovedì 25 per attivare l’articolo 5 del trattato di alleanza, che prevede la risposta militare della Nato in caso di attacco dall’estero.r contro uno qualsiasi dei suoi membri. Finora non è stato così. L’Ucraina non è membro della NATO.

READ  Le 16 foto più scioccanti della bufera di neve che ha coperto lo stato di New York

La reazione della Cina

Nel frattempo, la Cina ha adottato un fascicolo La posizione è equidistante. Il suo consigliere, invece, Wang Yi, Egli ha detto “Comprende le ragionevoli preoccupazioni della Russia In materia di sicurezza, “ma d’altra parte”.La Cina rispetta sempre la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i paesi.disse il diplomatico. “Il caso ucraino ha una storia speciale e complessa”, ha concluso Wang.

L’origine del conflitto tra Russia e Ucraina

L’Ucraina è un’ex repubblica sovietica che ha ottenuto l’indipendenza nel 1991, un paese articolato di 44 milioni di persone situato tra la Russia e l’Europa. Il paese è diviso in una regione filo-occidentale a ovest – maggioranza – e separatisti filo-russi a est che rifiutano di essere assorbiti dall’Occidente. Il 17% della popolazione è di origine russa e la parte orientale è prevalentemente russofona. Gli attuali attriti derivano da questa formazione, in particolare dall’elezione di un leader filo-occidentale nel 2005, Victor Lushchenko. È stato lui a dare il via al passaggio dell’Ucraina verso l’Europa e la NATO.

Nel 2010 è stato selezionato il professionista russo Viktor Yanukovich Ciò ha posto fine al riavvicinamento e si è inclinato di nuovo verso la Russia. Ciò ha portato a massicce manifestazioni in Piazza dell’Indipendenza (Maidan) a Kiev, poiché i filoeuropei hanno chiesto le dimissioni di Yanukovich. Quella rivoluzione, che ha provocato la morte di 80 persone, ha accelerato le dimissioni del capo di stato nel febbraio 2014 e l’annessione della Crimea. Putin lo ha deciso.

Il confronto tra Russia e Occidente era incentrato sull’Ucraina. Gli europei hanno visto il paradiso per i loro valori e per l’intrusione di Putin in una regione centrale. La rottura è avvenuta nel Donbass, in particolare nelle province Donetsk e LuganskMosca ha riconosciuto la sua indipendenza a febbraio, pochi giorni prima dell’invasione dell’Ucraina.

Gli intensi combattimenti hanno spinto l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a intervenire come mediatore (2015) e poi, nel 2016, Francia e Germania, che hanno riattivato i negoziati in arbitrato. Nel 2015 è stato concordato un cessate il fuoco e sono stati firmati gli accordi di Minsk. La cessazione delle ostilità è durata appena 10 giorni e In questi otto anni di conflitto sono morte più di 15.000 persone..

Le guerre di Putin

La guerra è il sole più nero che può illuminare l’Europa ei suoi leader la scacciano come una maledizione. Due guerre mondiali, 1914-1918 e 1939-1945, Dieci milioni di morti nella prima e 50 morti il ​​giorno successivoHa lasciato un’impronta profonda sui leader che, almeno in Europa, la guerra non potrebbe mai essere un’opzione.

READ  Nonostante le proteste contrarie, il governo di Macron avvierà il processo di riforma del sistema pensionistico francese

L’occupazione dell’Ucraina è una versione certificata di quanto accaduto anche in Georgia nel 2008, quando la Russia ha riconosciuto due repubbliche separate, Abkhazia e Ossezia del Suddopo Georgia Attacca brutalmente l’Ossezia del Sud. Quindi, Mosca occupava il 20% del territorio della Georgia. Il contesto stupefacente del conflitto odierno, infatti, nasconde altre ostilità armate lontane dal teatro europeo attraverso il quale l’Occidente e la Russia hanno condotto scontri successivi.

Durante i suoi 22 anni al potere, il presidente russo Vladimir Putin è stato in prima linea in molti conflitti, a cominciare da quello che ha stabilito la sua influenza e aura, la guerra in Cecenia (Fase 2, 1999, quando Putin era primo ministro), la repubblica indipendente a maggioranza musulmana situata nel Caucaso settentrionale. Siria E il Finanziario Sono i due teatri in cui, nel XXI secolo, l’intervento russo ha respinto l’Europa e gli Stati Uniti.

Nel 2015, la Russia si è schierata militarmente in Siria a sostegno del presidente Bashar al-Assad. Il capo di stato stava affrontando una ribellione interna emersa dalla primavera araba ed era sostenuto da armi e consiglieri dagli Stati Uniti e dall’Europa. Putin ha ordinato l’intervento del suo aereo, e con esso e con esso i 63.000 uomini che hanno prestato servizio nella campagna siriana, la coalizione locale e internazionale che ha affrontato il potere di Assad è stata sconfitta.

Un altro “faccia a faccia” è l’ultimo. Questo è il Mali, dove i mercenari russi del gruppo Wagner si sono affrettati a porre fine alla presenza militare francese ed europea in quel paese. Nel 2014, la Francia è intervenuta in Mali attraverso l’operazione Barkhane con il supporto secondario degli Alleati per combattere lì i gruppi armati salafiti Al Qaeda e il Paese islamico Installato nella regione del Sahel, nella cosiddetta “regione dei tre confini” dove si incontrano Mali, Burkina Faso e Niger.

Di tutte quelle guerre tra i due nemici, nessuna cambierà il corso della storia con la stessa forza dell’occupazione dell’Ucraina. Potremmo essere al confine di quella che Cina e Russia hanno definito una “nuova era” nel documento firmato dai due paesi il 4 febbraio. Emmanuel Macron ha chiamato ieri sera Vladimir Putin per chiedere “l’immediata fine delle operazioni militari in Ucraina”. Putin lo ha già tradito due volte. Di certo un terzo non lo sentirà.

[email protected] com. vedere

Continuare a leggere