Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il bilancio delle vittime del crollo dell’edificio di Miami sale a 11.150 dispersi

I parenti delle vittime lamentano la lentezza delle operazioni (AFP).

Il bilancio delle vittime del crollo di un condominio di 12 piani a Surfside, in Florida, è salito a 11 dopo che è stato scoperto un altro corpo, ha detto il sindaco di Miami-Dade Daniela Levine Cava, mentre 150 persone sono ancora disperse, tra cui nove argentini.

“Nelle ultime ore i soccorritori hanno tirato fuori un’altra vittima. In totale, le persone trovate sono ora 136. Con 150 dispersi. Il numero delle morti accertate è 11. Tragicamente, 11,” ha detto il sindaco in una conferenza stampa. Miami. – Agence France-Presse ha riferito Daniela Levine Cava della contea di Dade.

Andy Alvarez, il capo dei vigili del fuoco di Miami-Dade, ha detto all’ABC che si sono incontrati Buchi all’interno dell’edificio dove sono stati trovati i sopravvissuti. “Ci stiamo aggrappando alla speranza di poter salvare qualcuno vivo”, ha detto.

Dopo che 55 appartamenti sono crollati nel complesso delle Champlain Towers giovedì scorso, i vigili del fuoco della contea di Miami-Dade li hanno sostenuti con rinforzi da tutta la Florida, Hanno lavorato per iniziare lo sforzo di salvataggio.

Secondo i parenti delle vittime, l’Afp ha aggiunto che le operazioni tra scorie di ferro e cemento procedono a rilento.

Andy Alvarez, capo dei vigili del fuoco di Miami-Dade, ha detto alla ABC che “sono stati trovati dei buchi all’interno dell’edificio” dove sono stati trovati i sopravvissuti. “Ci stiamo aggrappando alla speranza di poter salvare qualcuno vivo”, ha detto.

Secondo le informazioni fornite, sono 29 i latinoamericani di cui non si hanno notizie: Nove dall’Argentina, sei dalla Colombia, sei dal Paraguay, quattro dal Venezuela, tre dall’Uruguay e uno dal Cile.

READ  Il governo tace sulla delicata situazione a Cuba e sulla repressione della dittatura

“Sembra lento, ma ci stiamo muovendo il più velocemente possibile”, ha detto Maggie Castro, membro dell’unità di ricerca e salvataggio n. 1 dei vigili del fuoco di Miami-Dade.

Sono 29 i latinoamericani per i quali non si hanno notizie: nove di loro provengono dall'Argentina (AFP).

Sono 29 i latinoamericani per i quali non si hanno notizie: nove di loro provengono dall’Argentina (AFP).

Ha aggiunto che si è trattato di un “processo difficile” interrotto da temporali regolari e da un incendio che ha impiegato molto tempo per essere controllato.

“Dobbiamo cercare attraverso un enorme mucchio di detriti in modo metodico e strategico”, ha detto Castro, 52, 17 anni, come membro dei vigili del fuoco di Miami, aggiungendo che “ci sono aree con potenziali sacche d’aria dove potrebbero esserci sopravvissuti . Se ci precipitiamo forte tra le macerie, distruggiamo “quegli spazi”.

Lo ha spiegato il sindaco del surf Charles Burkett C’è una “probabile ragione” per credere che ci possa essere un problema con l’edificio gemello crollato, che era già stato evacuato volontariamente, ha informato il DPA.

Nel frattempo, il governatore della Florida Ron DeSantis ha annunciato che i ricercatori del National Institute of Standards and Technology (NIST, per il suo acronimo inglese) si sono recati nell’area per indagare sulle possibili cause del crollo dell’edificio.

I primi soccorritori arrivati ​​poco dopo il disastro, Sono riusciti a salvare un adolescente da sotto le macerie. Nel frattempo, i resti umani non sono stati ancora identificati.

Dato il lento aumento delle vittime nonostante l’enormità della tragedia, Castro ha affermato che “le persone potrebbero essere state a letto quando è successo”, quindi ci sono poche possibilità di trovarne molte contemporaneamente.

Ha spiegato che venerdì sono stati schierati macchinari pesanti, due gru e un escavatore, ma quando viene sollevata una lastra di cemento, i soccorritori “lavorano a mano, scavando le macerie con dei secchi”.

READ  Il Congresso di El Salvador ha separato i giudici costituzionali della Corte Suprema

Andy Alvarez, capo dei vigili del fuoco di Miami-Dade, ha detto all’ABC che gli equipaggi stanno utilizzando varie attrezzature e tecnologie, inclusi sistemi sonar sotterranei in grado di rilevare le vittime e autogru in grado di rimuovere enormi lastre di cemento dalle macerie.

"Sembra lento, ma ci stiamo muovendo il più velocemente possibile"Dicono nell'unità di ricerca e soccorso (AFP).

“Sembra lento, ma ci stiamo muovendo il più velocemente possibile”, hanno detto all’unità di ricerca e soccorso.

Tra i 50 ei 60 bagnini e unità cinofile lavorano costantemente sul posto, aiutati dalla tecnologia dell’immagine e del suono per identificare gli spazi aerei.

Moises Soffer, un volontario ebreo latinoamericano con Cadena International, condivide con Oreo, Il suo cane, Pomski, di circa due anni, è stato appositamente addestrato per trovare sopravvissuti.

“L’ho lasciata andare e lei è andata dove voleva – racconta la messicana di 36 anni – Negli spazi vuoti, luoghi in cui gli adulti non possono andare, in luoghi precari grazie al suo peso”.

Se il Soffer rileva un pericolo, l’identificazione avviene al guinzaglio e il cane firma una “direzione” da seguire.

Oreo può lavorare dalle cinque alle sei ore di fila, con una pausa di 20 minuti, e al Surfside lavora la mattina presto e il tardo pomeriggio a causa del caldo e dell’umidità.

Soffer non è autorizzato a dire se il suo cane ha individuato dei sopravvissuti, anche se ha assicurato che rimarrà “tutto il tempo necessario”.

Durante i soccorsi, Castro ha detto di aver sentito “detriti metallici contorti cadere, ma nessun rumore umano”.

“È difficile, estenuante ed emotivamente pesante quando lavoriamo per ore senza trovare nessuno”., ammesso.

“Questa è una ricerca frenetica per continuare a vedere questa speranza, quel miracolo, per vedere chi possiamo uscire vivi da questo edificio”, ha detto Alvarez.

READ  Cuba sta vivendo il momento peggiore dell'epidemia: un forte aumento dei contagi e una preoccupante carenza di medicinali e prodotti essenziali

Ha detto che le condizioni erano “povere” e “non ideali” per i soccorritori a causa del caldo, dell’umidità e della pioggia.

“Ora che abbiamo queste enormi gru, stiamo sollevando (dalle macerie) un bel po’. Ci aiuterà a placcare questo edificio quasi come cipolle, così possiamo entrare di nuovo e trovare quei vuoti che sappiamo essere probabilmente lì e salva quelle Persone”.

Il numero degli scomparsi è arrivato a 151 (Afp).

Il numero dei dispersi ha raggiunto 151 (AFP).

Di fronte all’impazienza delle famiglie delle vittime, tra cui molti membri della comunità ebraica, la provincia ha ricevuto una squadra di specialisti israeliani, dieci esperti che si sono uniti alle squadre di soccorso che lavorano sul posto.

Castro ha notato che la sua unità ha esperienza: È stato coinvolto in attività di ricerca e soccorso dopo il terremoto del 2010 ad Haiti e New Orleans dopo l’uragano Katrina nel 2005.

Alcuni membri della sua squadra hanno anche partecipato alle operazioni di soccorso dopo gli attacchi dell’Oklahoma nel 1995 e l’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle a New York.