Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I tre fattori che riducono il rischio di deterioramento cognitivo e quelli che lo aumentano

Circa due persone su 10 di età superiore ai 65 anni hanno un lieve deterioramento cognitivo, come un marcato cambiamento nella memoria, nella capacità di risolvere i problemi o nell’attenzione.

Questo deterioramento è causato, in parte, dagli stessi cambiamenti cerebrali che si verificano nella demenza.

Mentre il deterioramento cognitivo lieve ha spesso scarso effetto sullo stile di vita di una persona, tra il 5% e il 10% di coloro che ne soffrono sviluppano la demenza.

Perché alcune persone con decadimento cognitivo lieve sviluppano la demenza mentre altre no è stato un mistero a lungo termine.

Ma un recente studio della Columbia University di New York Sono stati identificati diversi fattori che determinano se una persona ha più o meno probabilità di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo.

Questi risultati possono darci un’idea di quali persone hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza.

I ricercatori hanno esaminato 2.903 persone di età pari o superiore a 65 anni e hanno monitorato la loro funzione cerebrale per nove anni.

Per rilevare il deterioramento cognitivo, è stato osservato se i partecipanti a cui non era stata diagnosticata la demenza avevano problemi con l’esercizio della memoria o se riferivano difficoltà con determinate attività quotidiane (come l’uso del telefono).

All’inizio dello studio, tutti i partecipanti avevano una normale funzione cerebrale. Dopo sei anni, 1.805 partecipanti avevano una normale funzione cognitiva, 752 avevano un lieve deterioramento cognitivo e 301 avevano demenza.

Le persone più attive fisicamente o socialmente hanno un rischio leggermente inferiore di sviluppare un lieve deterioramento cognitivoGetty Images

I ricercatori hanno poi seguito il gruppo con deficit cognitivo per altri tre anni.

Poiché alcuni dei partecipanti “hanno perso il follow-up”, i ricercatori sono stati in grado di esaminare solo 480 persone del gruppo originale con lieve deterioramento cognitivo.

Mentre 142 persone avevano ancora un lieve deterioramento cognitivo, hanno scoperto che 62 persone in questo gruppo ora avevano la demenza.

I ricercatori hanno anche scoperto che 276 persone non soddisfano più i criteri per il deterioramento cognitivo moderato, il che ci mostra che Il deterioramento cognitivo lieve non sempre e non sempre porta alla demenza.

Diamo prima un’occhiata ai fattori associati a un minor rischio di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo.

1. Istruzione

Il tempo dedicato all’istruzione è un fattore che riduce il rischio di MCI.

Le persone che hanno studiato per una media di 11,5 anni avevano il 5% in meno di probabilità di avere un lieve deterioramento cognitivo rispetto a quelle che avevano studiato per 10 anni.

L'istruzione aiuta il cervello a costruire più neuroni e connessioni
L’istruzione aiuta il cervello a costruire più neuroni e connessioniGetty Images

Lo studio non fa distinzione tra il tipo di istruzione (istruzione primaria o istruzione superiore).

Una teoria per questa associazione è che un lungo periodo di istruzione è correlato a uno status socioeconomico più elevato, il che può significare che una persona ha Accesso a uno stile di vita più sano e una migliore assistenza sanitaria.

Un’altra teoria è che L’istruzione aiuta il cervello a costruire più neuroni e connessioni. Questo può aiutare il cervello a compensare eventuali cambiamenti che si verificano a causa di un lieve deterioramento cognitivo, come la perdita di memoria.

2. Fare attività ricreative

Le persone che erano più attive fisicamente o socialmente avevano meno probabilità di avere un lieve deterioramento cognitivo.

Per misurare quanto fossero sociali o attivi i partecipanti, hanno completato un questionario sul tipo e la frequenza delle attività che avevano svolto, come camminare o andare al cinema.

I ricercatori hanno assegnato ai partecipanti un punteggio massimo di 13. Più alto è il punteggio, più attivo è il partecipante.

L'attività fisica di moderata intensità (come il nuoto) durante la mezza età o la vecchiaia può ridurre il rischio di MCI
L’attività fisica di moderata intensità (come il nuoto) durante la mezza età o la vecchiaia può ridurre il rischio di MCIGetty Images

Quelli senza MCI hanno ottenuto una media di 7,5, mentre quelli con MCI hanno ottenuto un punteggio leggermente inferiore, 7,4.

Le persone con demenza hanno ottenuto un punteggio di 5,8.

studi Come ha mostrato il precedente L’attività fisica di moderata intensità (come il nuoto) durante la mezza età o la vecchiaia può ridurre il rischio di MCI.

L’effetto protettivo dell’esercizio può essere spiegato cambiamenti strutturali Benefico che si verifica nel nostro cervello a seguito dell’attività fisica. Vi sono anche prove crescenti che la partecipazione ad attività sociali può aiutare a mantenere la salute del cervello e ridurre il rischio di morte prematura.

3. Accedi

Le persone che guadagnavano più di $ 36.000 all’anno avevano il 20% in meno di probabilità di avere un lieve deterioramento cognitivo rispetto a quelle che guadagnavano meno di $ 9.000 all’anno.

Il reddito può essere associato a un minor rischio di declino cognitivo per ragioni simili all’istruzione. Le persone ad alto reddito hanno È più probabile che tu paghi per una migliore assistenza sanitaria e hai una dieta e uno stile di vita più sani.

Possono anche vivere in aree in cui i fattori ambientali, come l’inquinamento, hanno un impatto minore su di loro.

Questo è importante, poiché esiste sempre più guida Questa contaminazione può essere collegata a condizioni come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

I ricercatori della Columbia University hanno anche identificato diversi fattori associati a un aumento del rischio di MCI.

Questi fattori includono:

1. Genetica

scoperto che l’esistenza di AP0E E4 .allele (una di due o più copie del gene) aumenta il rischio di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo del 18%.

Questo risultato è coerente con prove precedenti che mostrano anche che questo allele può aumentare il rischio di demenza.

Le persone con AP0E E4 hanno circa tre volte più probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto a quelle con un diverso tipo di gene AP0E.

Gli scienziati pensano che sia perché questa alternativa rende le persone Hanno maggiori probabilità di accumulare depositi di proteine ​​tossiche nel cervelloUna caratteristica della malattia di Alzheimer.

I ricercatori ritengono inoltre che questo gene causi danni solo in età avanzata.

L'importanza del reddito è spiegata perché può influenzare l'accesso a una dieta sana e a servizi sanitari migliori
L’importanza del reddito è spiegata perché può influenzare l’accesso a una dieta sana e a servizi sanitari miglioriGetty Images

2. Problemi di salute alla base

Secondo i ricercatori della Columbia University, le persone con una o più condizioni di salute croniche, come malattie cardiache, depressione o diabete, hanno un rischio maggiore del 9% di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo.

L’aumento del carico di varie condizioni di salute può rendere una persona meno coinvolta nelle normali attività quotidiane o nella vita sociale. Entrambi i cambiamenti nel comportamento possono accelerare il declino della salute del cervello.

È noto che anche altre condizioni, come le malattie cardiache, aumentano il rischio di declino cognitivo.

Questo studio ce lo ricorda Il deterioramento cognitivo lieve non è necessariamente un precursore della demenza.

In effetti, alcuni partecipanti allo studio con lieve deterioramento cognitivo sono tornati alla normale funzione cerebrale.

L'effetto protettivo dell'esercizio può essere spiegato dai cambiamenti strutturali benefici che si verificano nel nostro cervello a seguito dell'attività fisica
L’effetto protettivo dell’esercizio può essere spiegato dai cambiamenti strutturali benefici che si verificano nel nostro cervello a seguito dell’attività fisicaGetty Images

Non è del tutto sicuro del perché, ma Potrebbe essere dovuto a cambiamenti nello stile di vita dopo la diagnosi (come fare più esercizio) che potrebbe aver migliorato i risultati.

Alcuni partecipanti potrebbero anche essere stati erroneamente diagnosticati all’inizio dello studio, ma ciò è improbabile data l’ampia gamma di strumenti utilizzati per confermare la loro diagnosi.

Il nostro cervello è dinamico Mantenerli attivi per tutta la vita è importante per mantenere una buona funzione cerebrale.

Sebbene ci siano alcuni fattori di rischio, come i nostri geni, che non possiamo cambiare, Rimani attivo e segui uno stile di vita sano Potrebbe essere un modo per ridurre il rischio di sviluppare lieve deterioramento cognitivo e demenza.

*Questo articolo è apparso originariamente su The Conversation. Puoi leggere la versione originale e vedere i link a tutti gli studi scientifici citati qui.

Mark Dallas è Professore Associato di Neuroscienze Cellulari presso l’Università di Reading nel Regno Unito.

READ  La guerra e la scienza non hanno morale