Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoprono il DNA che impedisce l’ingresso del coronavirus nelle cellule umane

Questa scoperta fa parte di un’indagine congiunta dell’Istituto Italiano di Tecnologia, della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università degli Studi di Milano (Europa Press)

Il COVID-19 è un virus altamente contagioso trasmesso principalmente da goccioline trasportate dall’aria e caratterizzato da un’ampia gamma di danni a vari organi vitali, inclusi polmoni, cuore, vasi sanguigni, sistema nervoso centrale e intestino.

Tutte le diverse varianti di SARS-CoV-2 identificate finora condividono lo stesso meccanismo di infezione mediato dall’interazione di picco della glicoproteina. Ora una nuova strategia per Fermare l’infezione e la sua rapida diffusione tra le cellule proviene da a lavoro congiunto accedere Istituto Italiano di Tecnologia, la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università degli Studi di Milano, che è appena stato pubblicato sulla rivista ricerca farmacologica.

Gli effetti potrebbero essere davvero importanti, in quanto potrebbero portare alla sperimentazione di nuove cure e quindi, se la ricerca progredisce, rappresentare un’alternativa ai vaccini con anticorpi monoclonali con un farmaco che può essere assunto in qualsiasi stadio della malattia.

Il team di ricercatori ha sviluppato una precisa tecnologia che impedisce l’ingresso del virus SARS-CoV-2 nell’organismo. In Italia è già stato depositato un brevetto. I tre gruppi di ricerca hanno spostato la loro attenzione dalle caratteristiche del virus alle caratteristiche della cellula umana bersaglio.

Sono ancora necessari ulteriori studi per valutare se i risultati di laboratorio possono diventare parte del trattamento (Getty Images)
Sono ancora necessari ulteriori studi per valutare se i risultati di laboratorio possono diventare parte del trattamento (Getty Images)

Paolo Siana, Professore di Farmacologia presso l’Università degli Studi di Milano; Vincenzo Leonetti, professore di anestesiologia alla Scuola Superiore Sant’Anna e Angelo Reggiani, farmacologo all’Istituto Italiano di Tecnologia, hanno avviato un’indagine utilizzando strategie di pensiero laterale.

Per essere infettato, SARS-CoV-2 deve legarsi a una proteina situata all’esterno della cellula ospite.. Questa proteina si chiama Ghiaccio 2Agisce come recettore per il virus e gli permette di entrare nella cellula. Si chiedevano se fosse appropriato La capacità di prevenire la progressione dell’infezione con alcuni tipi di SARS-CoV-2, mascherando la parte del recettore ACE2 (un amminoacido chiamato «K353») che il virus utilizza per entrare nelle cellule dell’organismo..

READ  Il diritto all'identità: la scuola di medicina come ponte nella ricerca dei nipoti

Guarda da un’altra prospettiva

Gli scienziati, a seguito delle loro ricerche, hanno brevettato il primo anello di quello che potrebbe diventare un farmaco, Basato sull’utilizzo di un aptamero di DNA, ovvero un singolo filamento di oligonucleotidi, in grado di legarsi in modo specifico al K353, rendendo il picco proteico irraggiungibile per qualsiasi coronavirus e prevenendo così l’infezione cellulare. In breve: annullare la capacità del virus di entrare nelle cellule.

Per essere infettato, SARS-CoV-2 deve legarsi a una proteina situata all'esterno della cellula ospite.
Per essere infettato, SARS-CoV-2 deve legarsi a una proteina situata all’esterno della cellula ospite.

Secondo i ricercatori, hanno affermato nel loro documento “Grazie a questo studio sarà possibile sviluppare Un preciso nuovo approccio terapeutico per prevenire l’infezione grave da coronavirus, senza stimolare il sistema immunitario o causare effetti collaterali importanti“.

Sulla base dei dati rivelati nella ricerca, il farmaco può creare una sorta di schermo protettivo attraverso il quale Nascondi il portale dei virus. In questo modo, non potendo infettare la cellula bersaglio, il virus muore. “Abbiamo identificato due tipi di aptameri che sono in grado di legarsi efficacemente ai recettori ACE2 e di mascherarli”, afferma Angelo Reggiani.

Grazie agli aptameri sarà possibile bloccare la porta di accesso del virus (K353), che è contenuto nella proteina ACE2. “Gli aptameri non entrano nel nucleo cellulare e non possono interagire con il nostro DNA”, continua Reggiani.

Per condurre la ricerca, gli specialisti hanno riprodotto un frammento di ACE2 contenente K353 su un computer e hanno condotto un esame di laboratorio di milioni di aptameri (o frammenti di DNA creati artificialmente), trovandone due che si legano bene a questa regione di ACE2. presenza del virus.

READ  Real Madrid: Mbappe: "Il calcio oggi non lascia nulla al caso"

“Abbiamo fatto lo studio su linee cellulari”, continua Reggiani, “usando prima un pezzo della proteina appuntita e poi sviluppando l’effettiva infezione del coronavirus nelle cellule”. I risultati hanno mostrato che l’idea di partenza è corretta: Grazie agli aptameri, il virus non si è unito alle cellule e non ha trovato ciò che sapevamo del cancello come K353″.

“Il grande vantaggio è che l’aptamero è indipendente dalla presenza di mutazioni, quindi può funzionare con tutte le varianti”, hanno spiegato i ricercatori.

Il prossimo passo per gli scienziati per sviluppare un nuovo trattamento contro il COVID-19. Ciò richiede due fasi. Il primo è trovare una formula che permetta al farmaco di arrivare dove deve agire.. “Gli aptameri, una volta introdotti nel sangue, sono molto instabili, quindi è necessario prevenirne il deterioramento”, analizza lo specialista.

La seconda fase sarà la conferma che questo potenziale trattamento non è tossico per l’uomo. “Sappiamo che gli aptameri non sono immunogeni, cioè non innescano una risposta immunitaria, ma non possiamo prevedere in anticipo se, come sostanze chimiche, possono causare effetti collaterali”, ha aggiunto.

Il fatto rilevante è che nell’ambito di questo sviluppo della ricerca, le variabili non sono interessate. “lamaUn grande vantaggio è che l’aptamero è indipendente dalla presenza di mutazioni, quindi può funzionare con tutte le varianti. Infatti, le mutazioni non indicano la porta d’ingresso alla cella. In teoria, il farmaco potrebbe essere efficace contro qualsiasi tipo di coronavirus che utilizza la proteina spike per infettare le cellule umane attraverso il recettore ACE2″.

Continuare a leggere:

Quanto dura l’immunità dai vaccini COVID-19?
I 3 motivi per cui è necessaria una terza dose del vaccino COVID-19
Il CEO di Pfizer ha avvertito che “Micron potrebbe richiedere una quarta dose del vaccino”.