Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I sondaggi in Cina confermano che fino al 60% della popolazione in varie località ha già contratto il COVID

Un operatore sanitario che indossa una tuta protettiva registra le informazioni sui pazienti all’ingresso di una clinica della febbre presso il Wuhan Central Hospital, in mezzo allo scoppio della malattia del coronavirus (COVID-19), a Wuhan, provincia di Hubei, Cina, 31 dicembre 2022. REUTERS/Tingshu Wang

alcuni Sondaggi Attuato dalle autorità sanitarie indicano che anche Il 60% della popolazione di alcune città cinesi ha contratto il coronavirusScegli il metodo oggi Tempi di saluteuna filiale di Quotidiano del Popoloil giornale ufficiale del Partito Comunista Cinese.

Il centro regionale per il controllo e la prevenzione delle malattie nella provincia del Sichuan (al centro) questa settimana ha pubblicato i risultati di un’indagine basata su un sondaggio di oltre 158.500 persone Il che indica che la percentuale di persone infette dal virus Corona supera 63%.

governatorato Sichuan È una delle regioni più popolose della Cina con una popolazione di oltre 80 milioni di persone e la sua capitale, Chengduè stata una delle prime città colpite da un’epidemia su larga scala dopo l’inizio della malattia Smantellamento della politica zero COVID All’inizio di dicembre.

L’agenzia ha confermato che il numero di contagi ha raggiunto il suo massimo il 23 dicembre ed era già “in calo”.

I viaggiatori si allineano per salire a bordo di un aereo all'aeroporto internazionale di Chengdu Shuangliu in mezzo a un'ondata di infezioni da coronavirus (COVID-19), a Chengdu, provincia di Sichuan, Cina, 30 dicembre 2022. REUTERS/Tingshu Wang
I viaggiatori si allineano per salire a bordo di un aereo all’aeroporto internazionale di Chengdu Shuangliu in mezzo a un’ondata di infezioni da coronavirus (COVID-19), a Chengdu, provincia di Sichuan, Cina, 30 dicembre 2022. REUTERS/Tingshu Wang

Da parte loro, hanno annunciato le autorità dell’isola Hainanche ha una popolazione di 9,2 milioni, ha annunciato venerdì che il tasso di infezione stimato nella provincia era stato raggiunto cinquanta%Anche se la sua capitale haikuil picco delle vittime era già passato, secondo i suoi calcoli.

Due città nel governatorato costiero Zhejiang (est), Quzhou e Zhoushansi stima che tra 30 e 40% dei suoi residenti ha contratto il virus.

READ  La pericolosità degli alimenti ultra-lavorati, due nuovi studi confermano la loro relazione con lo sviluppo di tumori e malattie cardiovascolari

Capo epidemiologo presso il Centro cinese per il controllo delle malattie, Wu ZunyuQuesta settimana ho annunciato che l’ondata di infezioni da coronavirus che affligge il paese “ha raggiunto il picco” In posti come PechinoE il Tientsin (Nordest) e Chengdu menzionati sopra.

Wu ha affermato che la diffusione in alcune aree come Pechino e dintorni, le regioni centrali del Sichuan e Chongqing e le province meridionali è stata “molto rapida”.

“In luoghi come Shanghai (est), Hubei (centrale) o Hunan (centrale), l’epidemia è ancora in una fase di rapida diffusione”, ha affermato l’epidemiologo.

Le persone che indossano maschere facciali camminano lungo una strada, mentre lo scoppio della malattia del coronavirus (COVID-19) continua a Shanghai, Cina, 13 dicembre 2022. REUTERS/Ali Song/file
Le persone che indossano maschere facciali camminano lungo una strada, mentre lo scoppio della malattia del coronavirus (COVID-19) continua a Shanghai, Cina, 13 dicembre 2022. REUTERS/Ali Song/file

E la National Health Commission ha annunciato lunedì scorso che, a partire da 8 gennaioIl COVID cesserà di esistere Malattia di classe A In Cina livello massimo di rischio E per contenerlo bisogna prendere le misure più severe, per diventare uno dei Classe Bche considera un controllo più lassista, segnando così in pratica il La fine della politica “zero COVID”. che sono in vigore da quasi tre anni e che le autorità hanno disarmato nelle ultime settimane.

La rapida diffusione del virus in tutto il paese ha messo in dubbio L’attendibilità dei dati ufficialiche ha riportato pochi decessi recenti a causa della malattia nonostante le località e le province stimassero che un’ampia percentuale della loro popolazione fosse stata infettata.

Secondo un esperto riportato dai giornali governativi, i decessi per malattie sottostanti nei pazienti con coronavirus non sono conteggiati come decessi per COVID.

Gli ospedali di grandi città come Pechino o Chongqing sono stati esposti a A Grande pressione E hanno avuto difficoltà a prendersi cura di tutti i pazienti, secondo le testimonianze raccolte sui social network del Paese.

Un medico del Chaoyang Emergency Rescue Center spiega le condizioni del paziente al personale ospedaliero quando arriva in ambulanza, in mezzo all'epidemia di coronavirus (COVID-19) a Pechino, Cina, 29 dicembre 2022. cnsphoto via REUTERS
Un medico del Chaoyang Emergency Rescue Center spiega le condizioni del paziente al personale ospedaliero quando arriva in ambulanza, in mezzo all’epidemia di coronavirus (COVID-19) a Pechino, Cina, 29 dicembre 2022. cnsphoto via REUTERS

Il regime cinese ha affermato all’inizio di questo mese che ci sono “condizioni” affinché il Paese adegui la sua rigorosa politica “zero COVID” di fronte alla “nuova situazione” in cui il virus provoca meno morti.

READ  Scoperta sorprendente: una foresta con una profondità di 192 metri

I cambiamenti sono arrivati ​​dopo Stufo delle restrizioni cristallizzato dentro proteste In diverse parti del Paese dopo che dieci persone sono morte in un edificio che sembrava essere confinato a Urumqi (nord-ovest), sono stati diffusi slogan come “Non voglio la PCR, voglio mangiare” o “Ridammi la mia libertà” .

il Organizzazione mondiale della Sanità (Chi) è stato introdotto di recente “Molto preoccupato” dello sviluppo di COVID in Cina ha affermato “maggiori informazioni”a cui Pechino ha risposto di aver condiviso i suoi dati in “modo aperto, tempestivo e trasparente” dall’inizio della pandemia.

il Commissione sanitaria nazionale cinese E ha tenuto un incontro con l’Organizzazione mondiale della sanità, “durante il quale le due parti si sono scambiate opinioni sulla situazione epidemiologica”, dopo che diversi Paesi hanno imposto misure ai viaggiatori provenienti dal Paese asiatico.

I passeggeri attendono in fila, dopo che l'Italia ha ordinato il test dell'antigene del coronavirus (COVID-19) e le sequenze virali per tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina, dove i casi sono in aumento, all'aeroporto di Malpensa a Milano, Italia, 29 dicembre 2022. REUTERS/Jennifer Lorenzini
I passeggeri attendono in fila, dopo che l’Italia ha ordinato il test dell’antigene del coronavirus (COVID-19) e il sequenziamento del virus per tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina, dove i casi sono in aumento, all’aeroporto di Malpensa a Milano, Italia, 29 dicembre 2022. REUTERS/Jennifer Lorenzini

Le autorità sanitarie cinesi e l’Organizzazione mondiale della sanità hanno parlato in videoconferenza di “cure mediche, vaccini e altre questioni tecniche”, secondo una dichiarazione pubblicata ieri sera dalla commissione sul suo sito web.

L’agenzia ha dichiarato che le due parti hanno concordato di “continuare gli scambi tecnici per aiutare il mondo a porre fine all’epidemia il prima possibile”, senza fornire ulteriori dettagli.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha annunciato venerdì che le politiche di prevenzione anti-COVID dovrebbero essere “basato sulla scienza”essere “proporzionato” e “Non influisce sul viaggio normale”riferendosi alle misure adottate da Stati come Spagna, Stati Uniti, Italia, India, Taiwan, Corea del Sud, Malesia o Giapponeche richiederà test PCR per i viaggiatori provenienti dal Paese asiatico.

READ  L'Istituto Nazionale di Statistica ha approvato gli adeguamenti del suo budget per attuare la de-autorizzazione

Di recente, il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom GhebreyesusHa detto: “In assenza di informazioni più ampie dalla Cina, si può capire che i paesi di tutto il mondo si comportano in modi che credono di poter proteggere le loro popolazioni”.

    Direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, a Ginevra, Svizzera, 14 dicembre 2022. REUTERS/Dennis Balibus/File
Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, a Ginevra, Svizzera, 14 dicembre 2022. REUTERS/Dennis Balibus/File

In risposta all’esperto etiope, il ministero degli Esteri cinese ha confermato che “esperti medici di diversi paesi hanno affermato che le restrizioni all’ingresso per i viaggiatori provenienti dalla Cina non sono necessarie”.

Leader del team di esperti della China Health Commission, Liang WannianGiovedì, ha annunciato che la nazione asiatica avrebbe continuato ad “analizzare, sequenziare e segnalare varianti del coronavirus” e che nel caso in cui le autorità trovassero “una nuova variante che causa cambiamenti di patogenicità, virulenza o trasmissibilità”, L’Oms verrà avvisato “immediatamente”.

(con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: