Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID prolungato: i sintomi variano a seconda della variante che ha causato la prima infezione

Molti riescono a superare i sintomi del virus dopo pochi giorni o settimane, ma un altro gruppo di pazienti continua a soffrirne per un periodo più lungo (Getty)

Sebbene la maggior parte delle persone con COVID-19 migliori in poche settimane, alcune continuano ad avere sintomi che possono persistere per mesi dopo la dimissione dall’ospedale o possono sviluppare sintomi nuovi o ricorrenti in seguito.. Questo può accadere anche se la malattia iniziale era lieve. Si stima che più della metà di quelli con diagnosi di COVID-19 abbia avuto sequele note come COVID prolungato o COVID prolungato.

Lo studio è stato condotto su Università di Firenze e Policlinico Universitario di Careggi in Italia Si suggerisce cheI sintomi a lungo termine correlati al COVID-19 nelle persone infette possono variare a seconda della variabile. La ricerca sarà presentata dal 23 al 26 aprile alla Conferenza europea sulla microbiologia clinica e le malattie infettive (ECCMID), che si terrà quest’anno a Lisbona, in Portogallo.

Molti dei sintomi riportati in questo studio sono stati misurati, ma questa è la prima volta che sono stati collegati a diverse varianti di COVID-19.″, ha affermato il dottor Michele Spinicci, investigatore principale della relazione.

L'Office for National Statistics ha riferito che il 64% delle persone che si è autodichiarato che il prolungato coronavirus ha influenzato le loro attività quotidiane (Foto: Kristen Klose/dpa)
L’Office for National Statistics ha riferito che il 64% delle persone che si è autodichiarato che il prolungato coronavirus ha influenzato le loro attività quotidiane (Foto: Kristen Klose/dpa)

come da ricerca, I pazienti con COVID-19 prolungato infetto con la variante alfa hanno manifestato sintomi neurologici ed emotivi diversi rispetto a quelli infettati con la forma originale di SARS-CoV-2.

I ricercatori hanno svolto Studio osservazionale retrospettivo su 428 pazienti quando SARS-CoV-2 e la variante alfa erano prevalenti nella popolazione. Dei pazienti osservati, 254 uomini e 174 donne sono stati curati in un servizio ambulatoriale post COVID presso l’Ospedale Universitario di Careggi tra giugno 2020 e giugno 2021.

READ  In che modo i robot DNA possono cambiare la medicina?

Ai pazienti, ricoverati in ospedale con COVID-19 e dimessi tra 4 e 12 settimane, è stato chiesto di compilare un questionario sui sintomi persistenti durante la visita clinica ambulatoriale, circa 53 giorni dopo la dimissione. Inoltre, dalle cartelle cliniche elettroniche sono stati ottenuti dati sulla storia medica, sul decorso microbiologico e clinico di COVID-19 e sui dati demografici dei pazienti.

Il 76% dei pazienti ha riportato almeno un sintomo persistente. I sintomi più comuni riportati sono stati mancanza di respiro (37%) e affaticamento cronico (36%), seguiti da problemi di sonno (16%), problemi visivi (13%) e nebbia cerebrale (13%).

I sintomi esatti del COVID prolungato variano da paziente a paziente, ma l'affaticamento è comune (Getty)
I sintomi esatti del COVID prolungato variano da paziente a paziente, ma l’affaticamento è comune (Getty)

Le analisi indicano che le persone che avevano condizioni più gravi che richiedevano farmaci immunosoppressori come il tocilizumab avevano sei volte più probabilità di riportare sintomi COVID prolungati. Considerando che, coloro che ricevevano un supporto di ossigeno ad alto flusso avevano il 40% in più di probabilità di riscontrare problemi persistenti. Tuttavia, Le donne hanno il doppio delle probabilità di avere sintomi COVID prolungati rispetto agli uomini.

D’altro canto, I diabetici di tipo 2 sembrano avere meno probabilità di avere sintomi COVID prolungati. Gli autori affermano che sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio questo risultato inaspettato.

I ricercatori hanno eseguito una valutazione più dettagliata Confronto dei sintomi Segnalato da pazienti infetti tra marzo e dicembre 2020quando il SARS-COV-2 originale era dominante, con pazienti infetti tra gennaio e aprile 2021, quando era dominante la variante alfa, e Ha scoperto che c’era un cambiamento sostanziale nel modello dei problemi neurologici e cognitivi/emotivi.

Quando la variante alfa era il ceppo dominante, c’era una prevalenza di dolori muscolari (mialgia), insonnia, confusione mentale e ansia e depressione significativamente aumentate, mentre la perdita dell’olfatto (anosmia), difficoltà a deglutire (disfonia) e problemi di udito erano meno comune. .

Le donne con COVID per periodi prolungati hanno battiti cardiaci irregolari in risposta allo sforzo fisico (Foto: Kristen Close/dpa)
Le donne con COVID per periodi prolungati hanno battiti cardiaci irregolari in risposta allo sforzo fisico (Foto: Kristen Close/dpa)

Secondo Spences, “La lunga durata e l’ampia gamma di sintomi ci ricordano che il problema non andrà via e che dobbiamo fare di più per sostenere e proteggere questi pazienti a lungo termine. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sui potenziali effetti delle varianti e sullo stato di vaccinazione”.

READ  Tre donne messicane furono le prime a studiare legge, medicina e architettura

in conversazione con Infobaecardiologo Mario Bosques, della Società Cardiologica Argentina ha spiegato che “Molte persone che si stanno riprendendo da COVID-19 si consultano con noi in merito a sintomi persistenti, come affaticamento, mancanza di respiro, dolori articolari o disturbi cognitivi. La parola più frequente è che Sento che non sono la stessa persona che erano prima dell’infortunio. La sfida ora è trovare una relazione causale tra virus e sintomi. La sua assenza nei test diagnostici fa pensare ad una reazione infiammatoria, causata da un virus e persistente per diversi mesi.

Ci sono molti studi in corso per cercare le cause della sindrome post-COVID, “ma nel frattempo È importante ascoltare il paziente che soffre, escludere una diagnosi differenziale e offrire il miglior trattamento possibileha detto Buskis. Le autorità sanitarie del nostro Paese dovrebbero cominciare a riconoscere questo problema. Molti pazienti non vengono trattati entro una settimana. Speriamo che la storia di ignorare le conseguenze di epidemie ed epidemie passate non si ripeta per il bene di tutti”.

“COVID-19 e le sue conseguenze hanno evidenziato le conseguenze a lungo termine di alcune infezioni e L’urgenza di ottenere risposte dalle cure mediche e riabilitative e dalle politiche pubbliche‘, disse Infobae il dottore Karina RamacciottiDottorato di ricerca in Scienze Sociali presso l’Università di Buenos Aires e Ricercatore Principale di Conicet presso l’Università Nazionale di Quilmes.

Il mal di testa è uno dei sintomi più frequenti in questi pazienti che hanno sofferto della malattia di Covid-19 (Europe Press)
Il mal di testa è uno dei sintomi più frequenti in questi pazienti che hanno sofferto della malattia di Covid-19 (Europe Press)

Dal momento che la scienza lo ha dimostrato Gli effetti in corso di COVID-19,Sono state riportate fino a 200 presentazioni in 10 sistemi di organi, inclusi pelle, cervello, cuore e intestino. Il suo nucleo frequente include perdita di mobilità, anomalie polmonari, affaticamento e problemi di salute cognitiva e mentale.

READ  Dion batterà Shang Chi al botteghino?

COVID persistente o prolungato è un termine che include molte sindromi post-virali. nella devozione, Non esiste un semplice test per rilevarlo. La diagnosi si basa su sintomi clinici, precedente infezione da COVID-19 e nessuna chiara causa alternativa per i sintomi che causano nuove malattie fisiche o mentali.

Continuare a leggere:

Il rischio di infarto aumenta del 63% dopo l’infezione con il virus Corona
L’effetto del coronavirus sul nervo vago può essere una causa di coronavirus prolungato
1 persona su 3 di età superiore ai 65 anni sperimenta un supplemento dopo il COVID-19