Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I quattro lavori che sono diventati ad alto rischio presso Daniel Ortega in Nicaragua

Diversi medici sono stati perseguitati per aver curato i feriti durante le proteste del 2018 in Nicaragua. (foto La Stampa)

In un popolare cartone animato, un prigioniero urlava dietro la finestra della sua cella sbarrata: Voglio parlare con il mio avvocato! Il suo avvocato ha risposto da un’altra cella: Sono qui!

Questa foto non è una caricatura nicaraguense. Puoi dare loro nomi veri. Un prigioniero politico che cerca assistenza legale può essere un candidato presidenziale Medardo Marina e da un’altra cella della Direzione dell’Assistenza Legale della Polizia del Nicaragua, nota comeil nuovo chipot, Il suo avvocato gli risponderà, Maria Oviedo. NS Felix Maradija, prigioniero di un’altra speranza presidenziale, e il suo avvocato, Roger ReyesDa un’altra cella nello stesso complesso della polizia, dicevo: Eccomi!

L'avversario, Felix Maradiaga, insieme al suo avvocato, Roger Reyes, ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti l'8 giugno dopo che i pubblici ministeri se ne sono andati.  Entrambi sono stati arrestati in momenti diversi.  (Foto EFE)
L’avversario, Felix Maradiaga, insieme al suo avvocato, Roger Reyes, ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti l’8 giugno dopo che i pubblici ministeri se ne sono andati. Entrambi sono stati arrestati in momenti diversi. (Foto EFE)

avvocati

Il destino di Oviedo e Reyes ha qualcosa a che fare con questo Il grande rischio che corrono gli avvocati quando difendono i prigionieri politici nel regime di Daniel Ortega. Non è l’unica professione la cui pratica è diventata pericolosa. Sulla stessa linea ci sono difensori dei diritti umani, giornalisti e persino medici. La prigionia e l’esilio divennero frequenti per queste professioni.

L’avvocato Maria Oviedo è un funzionario del Consiglio permanente dei diritti umani del Nicaragua (CPDH) e difensore dei leader contadini Medardo Mairena, Freddy Navas e Pedro Mena, arrestati dalla polizia il 5 luglio con l’accusa di “tradimento”. contro la patria.” Fino a questo mercoledì, né i loro parenti né i loro avvocati hanno potuto vederli. Al contrario, Oviedo è stato arrestato il 29 luglio con le stesse accuse e anche tenuto in isolamento.

L'avversario, Felix Maradiaga, insieme al suo avvocato, Roger Reyes, ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti l'8 giugno dopo che i pubblici ministeri se ne sono andati.  Entrambi sono stati arrestati in momenti diversi.  (Foto EFE)
L’avversario, Felix Maradiaga, insieme al suo avvocato, Roger Reyes, ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti l’8 giugno dopo che i pubblici ministeri se ne sono andati. Entrambi sono stati arrestati in momenti diversi. (Foto EFE)

Roger Reyes ha accompagnato il suo cliente, il candidato presidenziale dell’opposizione, Felix Maradiaga, l’8 giugno alla data fissata dalla Procura. Quel giorno, dopo il colloquio, Maradiaga è stato fermato violentemente dalla polizia mentre stava tornando a casa con l’avvocato. Reyes, a sua volta, è stato arrestato la notte del 20 agosto in una stazione di servizio a Managua. Sia Maradiaga che Reyes sono membri dell’unità di opposizione Blu e Bianco (UNAB).

READ  Ha tre anni e ha un QI come Albert Einstein

Avvocato Elton Ortega, che difendeva i suoi avversari imprigionati Juan Sebastian Chamorro e Arturo Cruz, andò in esilio dopo essere stato minacciato per il suo lavoro.

“Fare l’avvocato in Nicaragua è pericoloso”, Dice l’avvocato e difensore dei diritti umani Pablo Cuevas. Ha aggiunto che “gli abusi contro gli avvocati esistevano, ma sono stati amplificati dall’aprile 2018 quando un cittadino viene privato della sua difesa e lo stato considera un avvocato che difende vigorosamente il diritto del suo cliente come un nemico”.

difensori dei diritti umani

Cuevas, che è anche consigliere della Commissione per la protezione dei diritti umani, afferma di non aver trovato alcun motivo legale per giustificare l’arresto della sua collega, Maria Oviedo. “Abbiamo esaminato ciascuna delle dichiarazioni che lei (Oviedo) ha fatto prima della sua prigionia e non abbiamo trovato nulla relativo alla Legge 10-55 di cui la accusano. Cioè!”

L'avvocato Maria Oviedo ha difeso tre prigionieri politici con i quali ora condivide una prigione, detenuta in incommunicado in celle diverse, nello stesso complesso di polizia.  (foto La Stampa)
L’avvocato Maria Oviedo ha difeso tre prigionieri politici con i quali ora condivide una prigione, detenuta in incommunicado in celle diverse, nello stesso complesso di polizia. (foto La Stampa)

L’arresto di Oviedo, dice, è un messaggio per i difensori dei diritti umani. Vogliono spaventarci e impedirci di fare il nostro lavoro”.

Cinque difensori dei diritti umani del CPDH sono stati incarcerati negli ultimi tre anni. Quattro di loro sono stati condannati e un altro è stato imprigionato per tre mesi senza essere portato davanti a un giudice. Un altro organismo, il Centro nicaraguense per i diritti umani (CENIDH) è stato bandito dal regime di Ortega A dicembre 2018e I loro uffici sono stati confiscati e un gran numero di loro funzionari è fuggito in esilio per evitare l’arresto e continuare a lavorare da altre organizzazioni.

“Ogni momento devo pensare alla possibilità di mettermi in prigione, spararmi o collegarmi a qualsiasi cosa”.Pablo Cuevas, 52, 14 anni, è un riconosciuto promotore dei diritti umani. “La gente ci guarda con rammarico. Recentemente stavo accompagnando un cittadino e il posto era circondato dalla polizia. Mi ha detto: come fai a sopportarlo? E la stessa cosa sta accadendo nelle nostre case. I vicini ci stanno guardando. I civili stanno pattugliando la nostra zona. Mio figlio mi dice: papà, camminare con te è pericoloso”.

giornalisti

Sergio Marin Cornavaca, 58 anni, giornalista nicaraguense e gestisce il portale digitale “Tavolo circolare”. A metà giugno andò in esilio prima dell’imminente arresto. “C’è paura. Sapevo che c’era un assalto contro la stampa in arrivo. Tra l’altro è uscito un video in cui appariva con altre persone e chi era vicino a Ortega ci chiedeva di andare in galera. Ora tutti nel video sono dentro carcere, tranne me».

READ  Ristrutturò la sua casa e trovò una lettera inquietante scritta nel 1975 sotto la carta da parati.

Marin è membro dell’Associazione nicaraguense dei giornalisti e dei comunicatori indipendenti (PCIN) e lo ha apprezzato negli ultimi tre mesi Circa 45 giornalisti nicaraguensi sono andati in esilio, principalmente nel vicino Paese del Costa Rica. Altre destinazioni sono Panama, Spagna, Stati Uniti, El Salvador e Colombia.

“La stampa è un criminale, non c’è il libero esercizio della stampa. La chiusura dei media fa parte della criminalizzazione del giornalismo. Ci chiamano golpisti e questo crea uno stigma. Solo la stampa ufficiale svolge il suo lavoro senza che nessuno tenti contro il suo dirittodice Marino.

Circa 45 giornalisti nicaraguensi sono andati in esilio negli ultimi tre mesi.  Carlos Fernando Chamorro, nella foto, è uno di questi.  (Foto di AFP)
Circa 45 giornalisti nicaraguensi sono andati in esilio negli ultimi tre mesi. Carlos Fernando Chamorro, nella foto, è uno di questi. (Foto di AFP)

da giugno, Almeno trenta giornalisti sono stati convocati dalla Procura per rispondere delle fonti di finanziamento del loro lavoro e minacciarli di reati. Si presume che saranno commessi in conformità con la legge sulla criminalità informatica recentemente approvata. Quattro dei 36 detenuti politici in questo momento sono giornalisti o hanno legami con la stampa.

Giornale quotidiano la stampa, il più antico e ultimo supporto cartaceo rimasto in Nicaragua, è stato sequestrato dalla polizia il 13 agosto e il suo direttore generale, Juan Lorenzo Holman, è stato incarcerato e accusato di frode doganale e riciclaggio di denaro.

Dall’esecutivo nicaraguense c’è l’esclusione permanente della stampa, che non è sotto il suo controllo. CHACALACOS, golpisti e terroristi sono alcuni degli attributi che il vicepresidente Rosario Murillo di solito fa riferimento ai giornalisti.

Sergio Marin Cornavaca, giornalista con più di 20 anni di esperienza, vive in esilio dopo aver ricevuto minacce sul suo lavoro.  (Foto per gentile concessione)
Sergio Marin Cornavaca, giornalista con più di 20 anni di esperienza, vive in esilio dopo aver ricevuto minacce sul suo lavoro. (Foto per gentile concessione)

“Lo dicevamo l’altro ieri, il terrore della comunicazione è finito con il caso del Covid. Questo è imperdonabile, è un sacrilegio, un attentato all’amore di Dio, essere sempre innovativi, volenterosi. Lo volevano, lo volevano” Murillo ha detto questo martedì nei suoi tradizionali monologhi a mezzogiorno.Questo.” “Per questo motivo, i terroristi della comunicazione vengono semplicemente ignorati, in qualsiasi momento, e ancora di più quando si tratta di un attentato alla vita, un attentato alla vita buona”.

i dottori

Un altro sindacato che si sente perseguitato sono i medici. La polemica è iniziata dopo la ribellione del 2018 quando alcuni medici hanno deciso di curare i feriti usciti dalle proteste e che non si sono recati negli ospedali pubblici per diffidenza o perché le porte gli sono state chiuse in faccia.

READ  Raphael Correa è arrivato in Venezuela mentre la Corte Nazionale dell'Ecuador si è avvicinata all'Interpol per rintracciarlo

Un caso emblematico è quello dell’adolescente Alvaro Conrado (Alvaretto) morto il 20 aprile 2018 dopo essere stato colpito da un’arma da fuoco durante una protesta. L’ospedale in cui è stato portato in caso di emergenza non è stato ammesso.

In questa foto d'archivio, i medici nicaraguensi protestano contro i licenziamenti di massa del loro sindacato a causa delle cure fornite ai manifestanti feriti durante la ribellione del 2018 (Foto La Prensa)
In questa foto d’archivio, i medici nicaraguensi protestano contro i licenziamenti di massa del loro sindacato a causa delle cure fornite ai manifestanti feriti durante la ribellione del 2018 (Foto La Prensa)

Il dottor Carlos Quandt, un famoso scienziato infettivo nicaraguense, ricorda che il personale dell’ospedale privato dove lavorava era un organizzatore per curare i feriti in quel momento. “Fa parte del giuramento di Ippocrate che i malati siano curati, e purtroppo questo è diventato un problema”, dice.

La pandemia di Covid è diventata anche un punto di scontro tra il sistema e i medici indipendenti.

Un altro medico, che ha chiesto di non essere nominato per paura, racconta che prima dell’imminente arrivo del Covid in Nicaragua, era stato organizzato un “comitato scientifico multidisciplinare”, composto tra gli altri da epidemiologi, malattie infettive, operatori sanitari, pediatri e pneumologi per guida La popolazione e il sindacato sulle precauzioni da prendere.

Siamo in disaccordo con il governo per quanto riguarda i dati. Non c’è stata accettazione, c’è stata anche una bocciatura e abbiamo già visto come è andata a finire. Abbiamo dovuto sciogliere il gruppo, è iniziata la persecuzione di alcuni colleghi, che hanno finito per confiscare la ONG guidata dal Dr. (Lionel) Arguelo, e molti colleghi sono stati costretti all’esilio o messi a tacere. La fonte dice.

era il dott. Quandt era tra i convocati dal ministero della Salute. “Ci hanno chiamato per dirci che non potevamo continuare a parlare della pandemia perché rischiavamo di perdere la nostra licenza per esercitare la professione medica o l’applicazione della legge sulla criminalità informatica”.Fa notare e si scusa per non poter parlare di altri argomenti. Ti senti minacciato.

continuerò a leggere: