Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti inizieranno l’implementazione della terza dose del vaccino contro il COVID-19 il 20 settembre

Nella foto è un record del principale consigliere per l’epidemiologia del governo degli Stati Uniti, Anthony Fauci, a Washington, DC (USA) EFE / Shawn Thwe / Archive

Il massimo esperto di malattie infettive del governo degli Stati Uniti afferma di ritenere che le consegne di booster del vaccino COVID-19 potrebbero iniziare il 20 settembre agli americani che hanno ricevuto dosi da Pfizer, mentre Moderna potrebbe terminare due settimane dopo.

Il dottor Anthony Fauci ha detto domenica in “Face the Nation” della CBS. Il piano dell’amministrazione Biden è ancora quello di iniziare ad applicare le terze dosi nella settimana del 20 settembre, in attesa dell’approvazione della FDA. L’amministrazione Biden si aspettava all’epoca il lancio dei vaccini booster Pfizer e Moderna, ma ha avvertito che era “concepibile” che Moderna sarebbe stata ritardata “di qualche settimana”, mentre la società fornisce più dati alla Food and Drug Administration sul l’efficacia del booster.

Il 18 agosto, il presidente Zhou Biden ha descritto i richiami come protezione contro la variante delta più trasmissibile del virus e ha affermato che gli americani dovrebbero considerare di ricevere un richiamo otto mesi dopo una seconda vaccinazione.

piano, cosa? Si applica solo ai vaccini Pfizer e Moderna, mi aspettavo che Tutti gli americani ricevono una dose di richiamo otto mesi dopo aver ricevuto la seconda iniezione. Anche i funzionari dell’amministrazione Biden hanno affermato di sperare in una Vaccino di richiamo per le persone che hanno ricevuto Johnson & JohnsonMa stanno ancora esaminando i dati e annunceranno i piani nelle prossime settimane.

Ad oggi, la Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato la terza dose di Pfizer e Moderna per Persone con sistema immunitario indebolitoNon hanno risposto ai vaccini così come la popolazione generale, che è stimata al 3% della popolazione del paese.

READ  Come è stato scoperto il corpo dell'argentino accusato di aver ucciso suo figlio a Barcellona?

Durante l’estate, negli Stati Uniti è emersa un’ondata di nuovi casi guidati dalla variante delta più contagiosa. L’aumento dei casi ha sollevato preoccupazioni sulla ripresa economica e ha spinto la Casa Bianca a espandere i suoi sforzi per far vaccinare i non vaccinati.

Carlos Anacleto chiude gli occhi mentre riceve un vaccino Pfizer COVID-19 dall'infermiera Jorge Tassi, mentre altri aspettano il loro turno, mercoledì 4 agosto 2021, a Miami Beach, in Florida (AP)
Carlos Anacleto chiude gli occhi mentre riceve un vaccino Pfizer COVID-19 dall’infermiera Jorge Tassi, mentre altri aspettano il loro turno, mercoledì 4 agosto 2021, a Miami Beach, in Florida (AP)

Pronti per un’altra pandemia?

Lo ha annunciato venerdì scorso la Casa Bianca Un ambizioso piano da 65,3 miliardi di dollari, progettato per preparare gli Stati Uniti a una nuova pandemia Con la stessa dedizione con cui il programma Apollo della NASA ha inviato un uomo sulla luna.

Il piano propone investimenti significativi in ​​sviluppi medici e tecnologici in modo che gli Stati Uniti non subiscano improvvisi attacchi di armi biologiche, incidenti di laboratorio o una nuova epidemia, che potrebbe verificarsi nel prossimo decennio ed essere peggiore del decennio in corso, secondo la Casa Bianca .

“Crediamo fermamente che questa missione sia di grande importanza e debba essere gestita con la stessa serietà, impegno e responsabilità del programma Apollo del presidente John F. Kennedy”, ha affermato il dott. Eric Lander, direttore dell’Ufficio politico degli Stati Uniti. Corrispondenti governativi per la scienza e la tecnologia.

Lander ha anche paragonato il nuovo piano al Progetto Genoma Umano, da lui guidato e che tra il 1990 e il 2003 ha mappato con successo tutti i geni umani.

Il progetto si basa su cinque pilastri. Il primo è trasformare le “difese mediche” del Paese in modo che ci sia un vaccino autorizzato contro ogni nuovo virus solo 100 giorni dopo la sua scoperta. Inoltre, la Casa Bianca vuole investire nello sviluppo di test diagnostici e trattamenti contro un’ampia gamma di agenti patogeni.

READ  La controversia sui 200 animali domestici evacuati dall'Afghanistan da migliaia di civili

Il secondo pilastro è stabilire meccanismi all’interno di ospedali e altri centri per rilevare i virus che possono causare una pandemia e allertare rapidamente il mondo.

In terzo luogo, la Casa Bianca propone di modernizzare il sistema sanitario degli Stati Uniti e affrontare i fallimenti esposti durante la pandemia di COVID-19, in particolare la carenza di personale medico in alcune regioni e la disuguaglianza sociale e razziale. A questo proposito si propone anche di creare sistemi internazionali che permettano di coordinare la ricerca di nuovi patogeni e la distribuzione dei vaccini.

Il quarto punto chiave del piano è aumentare la capacità degli Stati Uniti di produrre maschere e altri dispositivi di protezione individuale, nonché migliorare la costruzione degli edifici per consentire la ventilazione e approvare nuove normative che possano prevenire incidenti nei laboratori.

Infine, per raggiungere tutti gli obiettivi, la Casa Bianca vuole creare un “controllo di missione solido e unificato” che coordini le attività delle varie agenzie governative.

Secondo Lander, questo controllo centrale dimostrerà che il piano per combattere le epidemie non è meno importante del programma Apollo, che Kennedy annunciò nel 1961 per inviare un uomo sulla luna, avvenuto nel 1969. Il progetto costerà oltre 65,3 miliardi di dollari. 10 anni. Da anni il governo ha già chiesto al Congresso di approvare 15.000 milioni quest’anno.

La pandemia di Covid-19 ha causato 4,5 milioni di vittime in tutto il mondo, mentre gli Stati Uniti hanno registrato 643.000 morti, secondo un conteggio indipendente della Johns Hopkins University.

Continuare a leggere: