Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I lettori di media professionisti hanno più conoscenza politica di quella di rr.ss.

Un’indagine che analizza il consumo di notizie politiche e la qualità dei media attraverso un sondaggio su 28.000 persone in diciassette paesi europei

Le persone che si informano attraverso i media tradizionali, con processi di produzione di notizie altamente professionali, tendono ad avere più conoscenze politiche rispetto ad altri consumatori di notizie

Lo studio identifica cinque profili di consumatori di notizie: minimalisti, tradizionalisti, motori di ricerca di notizie online, consumatori attraverso i social network e “super consumatori”.

Troppe fonti negli ambienti digitali rendono difficile l’elaborazione delle informazioni

Barcellona, ​​​​21 settembre 2021. – L’emergere di social network, portali Internet e la possibilità di accesso permanente alla rete tramite telefoni cellulari, tablet e computer ha portato a un consumo costante di notizie e informazioni che possono compromettere la qualità di contenuto. Informazioni ricevute dagli utenti, soprattutto in ambito politico.

Questa è una delle principali conclusioni di una recente indagine che ha coinvolto esperti dell’Università Internazionale della Catalogna (UIC Barcelona) e dell’Università Aperta della Catalogna (UOC). Questo lavoro analizza il consumo e la qualità mediatica delle notizie politiche in diciassette paesi europei e mette in guardia dai potenziali danni che il vasto numero di fonti può causare negli ambienti digitali e le difficoltà che creano nell’elaborazione delle informazioni.

*La qualità conta più della quantità, motivo per cui gli individui che si informano attraverso i media tradizionali, come i giornali o i principali canali televisivi, con produzioni di notizie altamente professionali, tendono ad avere più conoscenze politiche rispetto ad altri consumatori di notizie*, separati autori del lavoro Laya Castro, Professore presso la Scuola di Scienze della Comunicazione presso l’UIC di Barcellona e Ricercatore post-dottorato presso l’Università di Zurigo, in Svizzera, e Ana Sofia Cardinal, Professoressa di Studi Giuridici e di Scienze Politiche presso l’UOC e Principal Investigator per la Spagna nel progetto del Consorzio NORFACE “Threats and Opportunità in un ambiente politico-mediale in evoluzione” con altri ricercatori.

READ  Cosme Argerich. Il primo assistente didattico e insegnante di medicina

* Non tutte le diete delle notizie sono “sane” e informative. Infatti, in un contesto informativo, più non è necessariamente sinonimo di meglio*, afferma Castro.

Notizie profili dei consumatori

Inoltre, in questo articolo, gli autori descrivono cinque tipi di profili dei consumatori di notizie nel contesto europeo, dopo aver analizzato più di 28.000 persone in diciassette paesi. Questi profili possono essere classificati come minimo, coloro che sono occasionalmente consumatori di notizie e informazioni politiche; consumatori di notizie attraverso i social network; Tradizionalisti, persone che si rivolgono ai media tradizionali e alla televisione pubblica per informarsi; Motori di ricerca di notizie online, quegli utenti che cercano attivamente notizie sia nelle reti sia accedendo direttamente ai mezzi di informazione online in modo selettivo, super consumatori di notizie, persone che sono esposte molto frequentemente a tutti i tipi di media.

*Gli utenti che dimostrano la conoscenza più politica sono quelli che ottengono informazioni attraverso i media tradizionali e con team di professionisti consolidati, ma anche persone che cercano attivamente e accedono selettivamente alle informazioni online*, spiegano gli esperti. Coloro che sono considerati *consumatori di notizie*, invece, non sembrano aver finito di incorporare tutto ciò che leggono o le informazioni che ricevono, e quindi i loro livelli di conoscenza politica sono inferiori.

In questo modo, la probabilità di appartenere al gruppo dei tradizionalisti è maggiore nei paesi dell’Europa settentrionale e centrale rispetto ai paesi dell’Europa meridionale e orientale, regione in cui il profilo dei motori di ricerca delle notizie è più frequente. *Gli utenti tradizionali tendono ad avere più conoscenze politiche rispetto al resto dei consumatori di notizie praticamente in tutta Europa, mentre nei paesi con più motori di ricerca di notizie online, come Grecia, Spagna, Italia, Polonia, Romania, ecc. _ , Questi tipi di “diete di notizie” online sono meno informativi, quindi sono associati a individui con meno conoscenze politiche*, spiegano gli esperti.

READ  Navi volanti e altri incredibili miraggi marini

Nel caso della Spagna, la tendenza principale è che ci sono molti più consumatori di notizie online che in altri paesi. * Il consumatore medio in Spagna non mostra livelli di conoscenza politica più elevati rispetto ad altri utenti, poiché i più informati in Spagna sono i tradizionalisti. Inoltre, la Spagna ha un gruppo di consumatori di notizie più ampio rispetto ad altri paesi, ma questi consumatori non assorbono tutto ciò che leggono*, afferma Castro.

Il cambio di paradigma dei social media
Un altro punto forte di questa ricerca è che la pervasività e la divulgazione dei social network ha generato *un torrente di informazioni* e un flusso costante di notizie che possono avere effetti negativi su alcuni consumatori. Inoltre, le persone che utilizzano una miriade di fonti e sfruttano appieno questo nuovo ecosistema digitale hanno difficoltà a elaborare le informazioni.

Cardinal afferma che l’enorme volume di informazioni fa sì che i consumatori di notizie imparino e si istruiscano meno e forse peggio di altri utenti di notizie*.

In questo senso, gli autori di questo articolo concludono che i media che forniscono una buona informazione devono avere un *impatto ambientale* su altri media e sulla qualità delle notizie nel contesto di ciascun paese.

* Nei paesi con servizi televisivi pubblici forti, ben finanziati e indipendenti o nei paesi con molti abbonamenti ai giornali tradizionali e al giornalismo di interesse pubblico, i consumatori di notizie tendono ad essere più informati rispetto ad altri paesi del Mediterraneo, un’area in cui giocano i media online gratuiti un ruolo più importante, come la Grecia, la Spagna o l’Italia*, secondo l’analisi di Castro.

READ  Almagro: una clinica segreta chiusa

Pertanto, i consumatori che tendono a utilizzare i media tradizionali non solo hanno più conoscenze politiche, ma hanno anche più interesse politico, istruzione o fiducia nei media rispetto a quelli che sono principalmente informati attraverso i social network. *Questo contesto può riferirsi alla maggiore qualità delle informazioni fornite dai media tradizionali rispetto alla qualità di molte notizie percorse attraverso i social network*, concludono gli autori di questo lavoro.

Lavoro di riferimento:

Publicado en International Journal of Journalism/Politics. https://doi.org/10.1177/19401612211012572

Se sei interessato a un colloquio con questo specialista, puoi contattare:

Nestor è completo
ncumplido@uic.es
Facoltà di Comunicazione Campus Barcellona
Tel. +34932541800 (interno 4251) o 657751133 Immaculada, 22 08017 Barcellona

Informazioni sull’UIC Barcellona
L’Università Internazionale della Catalogna (UIC Barcelona) è nata nel 1997 con l’obiettivo di fornire una formazione universitaria di alta qualità e promuovere la ricerca come servizio alla società. Legato al mondo degli affari e con una spiccata personalità internazionale, insegna 16 gradi, 8 doppi gradi, una trentina di doppi gradi internazionali e un’ampia gamma di programmi post-laurea in due campus* situati a Barcellona e Sant Cugat.