Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Human Rights Watch ha descritto le promesse dei talebani di rispettare i diritti umani come “parole vaghe”.

HRW: “I talebani devono dimostrare il loro impegno per i diritti umani con l’azione”

Lo ha riferito al momento l’ONG Human Rights Watch (HRW) I talebani hanno offerto solo “parole vaghe” sul rispetto delle libertà e dei diritti umani in Afghanistan Li ha esortati a rispettare pubblicamente i trattati applicabili e a consentire la presenza delle Nazioni Unite e di osservatori internazionali indipendenti.

John Sifton, direttore delle campagne per l’Asia per Human Rights Watch, crede che “I talebani devono mostrare in azione il loro impegno per i diritti umani”, in interviste successive e persino in una conferenza stampa organizzata martedì a Kabul, due giorni dopo che i miliziani hanno preso il controllo della capitale afghana.

Guadagnare la fiducia del Paese e del mondo Richiederà alle autorità talebane di tutto il Paese di rispettare i diritti umani di tutti”.Ha aggiunto, consapevole dei rischi per i gruppi vulnerabili come donne, funzionari governativi o collaboratori militari stranieri.

Infatti, Human Rights Watch e Altre organizzazioni hanno già raccolto informazioni su presunte esecuzioni extragiudiziali di funzionari da parte di terroristi nelle ultime settimane.

Human Rights Watch ha descritto le promesse di rispettare i diritti umani in Afghanistan come
Human Rights Watch ha descritto le promesse di rispettare i diritti umani in Afghanistan come “parole vaghe”.

Nel caso delle donne, Sefton ha sottolineato che “I talebani non possono affermare che donne e uomini abbiano gli stessi diritti mentre usano un linguaggio discriminatorio”. “Sono state proprio questo tipo di visioni misogine che hanno raggiunto gli estremi della brutalità la prima volta che i talebani avevano avuto il potere”, ha avvertito, riferendosi al regime deposto nel 2001.

Presidente di Human Rights Watch ritiene “essenziale” che le Nazioni Unite siano in grado di mettere in atto un meccanismo per indagare sui diritti umani in Afghanistan e riferire pubblicamente sulla situazione reale, A prescindere dalle promesse. Martedì prossimo è prevista una riunione urgente del Consiglio per i diritti umani e Human Rights Watch spera che venga adottata una risoluzione che apra le porte a un’indagine.

READ  Il governo prevede una carenza di dollari e cerca di adottare misure per evitarla

difensore della protezione

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e altri 19 paesi hanno firmato mercoledì Una dichiarazione congiunta che chiede rispetto I diritti delle donne e delle ragazze in Afghanistan.

“noi profondamente preoccupato per le donne e le ragazze afghane, I tuoi diritti all’istruzione, al lavoro e alla libertà di movimento. “Chiediamo a coloro che ricoprono posizioni di autorità e autorità in tutto l’Afghanistan di garantire la loro protezione”, afferma il documento promosso dal Dipartimento di Stato americano.

Preoccupazione internazionale per la sorte delle donne e delle ragazze in Afghanistan (Foto: EUROPA PRESS)
Preoccupazione internazionale per la sorte delle donne e delle ragazze in Afghanistan (Foto: EUROPA PRESS)

La dichiarazione congiunta è stata firmata congiuntamente con Albania, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Unione Europea, Honduras, Guatemala, Macedonia del Nord, Nuova Zelanda, Norvegia, Paraguay, Senegal, Svizzera. il Regno Unito e gli Stati Uniti d’America.

Le donne e le ragazze afghane, come tutto il popolo afghano, meritano di vivere in condizioni di sicurezza e dignità. Va evitata ogni forma di discriminazione e abuso. Noi della comunità internazionale siamo pronti ad assisterli con aiuti umanitari e sostegno, per garantire che la loro voce sia ascoltata”, continua il testo.

I paesi firmatari Si è impegnata a monitorare “come ogni futuro governo garantisca i diritti e le libertà che sono diventati parte integrante della vita delle donne e delle ragazze in Afghanistan. negli ultimi vent’anni».

(Con informazioni da Europa Press)

Continuare a leggere: