Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra in Ucraina: entra in vigore il divieto dell’UE sul carbone russo tra le tensioni energetiche

aggiornato

Questa sanzione è stata approvata quattro mesi fa ed è la prima contro la Russia a pregiudicare il suo ruolo di fornitore di energia

Miniera di carbone sul suolo ucraino ma sotto il dominio russoSergej IlnitskyEFE
  • dritto Guerra Ucraina-Russia, vivi l’ultimo minuto
  • Sanzioni alla Russia L’UE dà il via libera alle sanzioni che impediranno al carbone russo dall’estate

Il divieto dell’Unione Europea sul carbone russo entrerà in vigore a mezzanotte di mercoledì, come parte di Sanzioni contro la Russia di Invasione dell’Ucraina In un momento in cui il blocco affronta tensioni a livello di forniture energetiche. L’applicazione di tale divieto inizia, come previsto,Quattro mesi dopo essere stato adottato ad aprile da 27 paesi dell’UEE il Come parte di una quinta serie di misure contro Mosca. Durante questo periodo possono essere adempiuti solo i contratti commerciali firmati prima del 9 aprile.

Questa è stata la prima sanzione dell’UE che ha colpito il settore energetico russo. Poi gli europei hanno deciso, a fine maggio, Embargo crescente entro la fine dell’anno sul petrolio russo.

Fino all’anno scorso, l’Unione Europea importava il 45% del proprio carbone dalla Russia, per un valore di 4.000 milioni di euro all’anno (4.130 milioni di dollari USA), e alcuni paesi, come Germania e Polonia, che lo utilizzavano per produrre elettricità, ne dipendevano fortemente mercato.

Il consumo annuo europeo di carbone, combustibile fossile inquinante, è sceso da 1.200 a 427 milioni di tonnellate tra il 1990 e il 2020 e la chiusura di molte miniere nei paesi del blocco ha aumentato la dipendenza dalle importazioni. Per il carbone, gli acquisti dell’UE dalla Russia sono aumentati da otto milioni di tonnellate nel 1990 (7% delle importazioni) a 43 milioni di tonnellate nel 2020 (54%).

READ  Gli attacchi ai giornalisti sono aumentati dell'11% in Italia

Di fronte al calo delle forniture di gas russo e alla minaccia di carenze, Diversi paesi (Germania, Austria, Olanda, Italia) hanno deciso negli ultimi mesi di ricorrere maggiormente alle centrali a carbone. Nei primi cinque mesi del 2022, l’elettricità generata dal carbone in Germania è aumentata del 20%, secondo il governo Rystad.

Il divieto del carbone russo ha fatto sì che gli europei provenissero da altre località come gli Stati Uniti (17,5% delle importazioni di carbone dell’UE nel primo semestre), l’Australia, il Sud Africa o l’Indonesia.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più