Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Governo e bande di vigilantes molestano la stampa alternativa e straniera |  Gruppi di estrema destra vanno a casa dei giornalisti per minacciarli

Governo e bande di vigilantes molestano la stampa alternativa e straniera | Gruppi di estrema destra vanno a casa dei giornalisti per minacciarli

Pagina / 12 in Perù

da Lima

Insieme al governo e alla destra parlamentare, i media dominanti stanno cercando di imporre una narrativa che criminalizzi le proteste, stigmatizzi i manifestanti antigovernativi come violenti e terroristi e nasconda la repressione che ha causato la morte di 48 persone sparando. Polizia, esercito e più di mille feriti. Per i morti e i feriti, i media mainstream giustificano e applaudono la repressione e chiedono di più. Si accusa di terrorismo senza prove, si promuove la persecuzione giudiziaria e si demonizza chi si discosta da questo singolare discorso. Il dramma, il dolore e le richieste di giustizia per le vittime sono diventate invisibili. Le bugie ufficiali, comprese quelle più ridicole, come l’affermazione del presidente Dina Boulwart secondo cui i manifestanti si sparavano e si uccidevano a vicenda, vengono ripetute come verità.

Piano multimediale

In questo oscuro panorama mediatico, i media alternativi in ​​rete e la stampa estera denunciano ciò che i tradizionali media locali – ad eccezione di La República e il settimanale Hildebrandt di Trece – tacciono: repressione spara per uccidere, arresti arbitrari, abusi e persecuzioni giudiziarie contro i social leader e manifestanti. Fanno spazio alle voci delle vittime. In risposta, l’estrema destra alleata con il governo li ha molestati e minacciati.

Il portale di giornalismo investigativo IDL Reporteros ha pubblicato un rapporto rivelatore che mostrava, con prove evidenti, che nelle Ande di Ayacucho, dove il 15 dicembre l’esercito ha ucciso dieci residenti, le forze di sicurezza hanno sparato ai manifestanti che non avevano attaccato l’esercito.Anche contro chi non ha partecipato alla protesta. Ciò ha smentito la versione ufficiale secondo cui i decessi sono avvenuti in risposta a un violento attacco della popolazione.

L’estrema destra sta tornando a casa

Il violento gruppo di estrema destra La Resistencia – popolarmente ribattezzato La Pestilencia – associato a Fujimorismo e al partito fascista Renovación Popular (RP) del sindaco di Lima Rafael López Aliaga, si è recato a casa del giornalista Gustavo Goretti, direttore di IDL Reporters, per molestare e minacciarlo. Per un’ora hanno gridato insulti e minacce di morte dagli altoparlanti davanti a casa sua. “Goretti non è peruviano, è ebreo” e Goretti, i tuoi giorni sono contati.Faceva parte del forte coro di aggressioni verbali.

READ  Covid: AstraZeneca ammette che il suo vaccino potrebbe avere 'rari effetti collaterali' | Lo ha fatto nell'ambito del processo che ha avuto luogo in Gran Bretagna

Non è la prima volta che Goretti, punto di riferimento del giornalismo investigativo che ha denunciato la portata della corruzione di Odebrecht in Perù e denunciato una mafia giudiziaria legata al Fujimorismo, è stato vessato da questo gruppo di estrema destra, ma è la prima volta che Avere. Fallo a casa. La resistenza ha anche molestato i pubblici ministeri che indagano su Keiko Fujimori, impunemente e le autorità elettorali che si sono rifiutate di avallare la falsa accusa di brogli elettorali da parte della destra per rubare la vittoria di Pedro Castillo.

Dalla casa di Goretti, l’estrema destra si è diretta verso l’abitazione della giornalista Rosa Maria Palacios, ripetendo la tumultuosa faida. Palacios è una giornalista di destra e sostenitrice del neoliberismo, ma la sua denuncia delle violazioni dei diritti umani da parte del governo Boulwart e le sue critiche al Fujimorismo le hanno procurato l’odio dell’estrema destra, che le urla contro il “comunismo”. la minaccia.

Lo ha detto a Página/12 il giornalista Gustavo Gorriti Questa cabala neofascista è “associata alle ideologie più primitive ed estreme dei gruppi di estrema destra e corrotti. La sua aggressività verbale è aumentata. L’esperienza ci insegna che arriva un momento in cui si superano tutti i gradini dell’aggressione verbale e si supera la violenza fisica. Penso che non siamo lontani da questo. Hanno già effettuato alcuni attacchi fisici. Il sindaco López Aliaga, se non è coinvolto, almeno è collusivo con questa banda. Il potere esecutivo è impantanato nel Congresso ed è debole. Di fronte alle fortissime proteste contro Boluarte, questi gruppi d’urto sono usciti per presentarsi come difensori e quasi ausiliari delle forze armate e della polizia. È molto probabile che prima qualche funzionario, dotato di un’indole benevola o tollerante, potesse diventare molto rapidamente complice dei neofascisti.

READ  Gli Stati Uniti hanno condannato le dichiarazioni antisemite del presidente turco sul conflitto tra Israele e il movimento terrorista di Hamas

La stampa estera è sotto tiro

I portavoce dei media di estrema destra hanno attaccato i giornalisti della stampa straniera per non aver seguito la trama ufficiale dei principali media nazionali. L’editorialista di estrema destra Aldo Mariátegui, che scrive per il quotidiano Perú 21 con minacce e calunnie, ha pubblicato le e-mail di diversi corrispondenti di media stranieri affermando di essere stato molestato, Chiedendo loro di scrivergli lamentandosi della copertura che stanno facendo, denunciando le violazioni dei diritti umani che il governo ei suoi partner stanno coprendo. Tra i giornalisti la figura di estrema destra che chiede molestie sono giornalisti che scrivono per il New York Times, il Washington Post, il Guardian e la ABC spagnola, che hanno ricevuto minacce.

Un portavoce dell’estrema destra, conduttore di un programma su Willax Tv, una fabbrica di notizie false, ha attaccato la giornalista Mitra Taj, collaboratrice del New York Times, nel suo programma, accusandola di promuovere la violenza. “Tienilo in archivio”, disse minaccioso, mentre mostrava la sua foto sullo schermo.

Parlando a questo giornale, lo ha detto Mitra Taj “È raro che ti nomino in uno show televisivo con la tua foto come hanno fatto a Willax. Ci attaccano perché ci concentriamo su questioni relative ai diritti umani”., i decessi avvenuti e la raccolta delle testimonianze dei parenti delle vittime, che non si sono viste molto sui maggiori media locali. C’è una grande resistenza a concentrarsi sui morti e voltare pagina, e al fatto che le indagini non abbiano prodotto nulla.

Durante le manifestazioni di protesta, giornalisti di media stranieri e alternativi sono stati attaccati dalla polizia. Durante una manifestazione a Puno, Il fotografo Aldair Mejía dell’agenzia di stampa EFE è rimasto ferito quando un agente di polizia gli ha sparato un carico di pallottole nella gamba dopo che si era identificato. La giornalista spagnola della ABC Paula Ugaz è stata presa a pugni contro un muro da un agente di polizia durante una manifestazione a Lima, dopo essersi identificata. Il fotografo freelance Walter Hobbio e i giornalisti del sito Wika sono stati picchiati dalla polizia mentre coprivano le proteste nella capitale.

READ  Economy ha incassato quasi $ 130.000 milioni nella sua prima offerta a dicembre

In un’intervista a Página / 12, Zuliana Lainez, presidente dell’Associazione nazionale dei giornalisti, ha dichiarato: “Quando ci sono stati casi in cui giornalisti dei principali media sono stati attaccati dai manifestanti, il presidente Boluarte è uscito per solidarizzare con loro e dire che per il bene del governo era importante garantire l’attività giornalistica. Ma sui gravissimi attacchi della polizia a giornalisti stranieri, alternativi o indipendenti, non dice una parola. Al contrario, parla del puro Polizia Stradale. Non c’è alcuna condanna da parte delle autorità per questi attacchi, che rivelano che non si tratta di eventi isolatiI sindacati dei giornalisti, le organizzazioni per i diritti umani e le ambasciate di Stati Uniti, Regno Unito e Canada hanno espresso preoccupazione e condanna per le minacce e gli atti di violenza contro i giornalisti.