Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La tragedia dei gemelli argentini di Salente ha riaperto il dibattito sui bambini transgender in Spagna

La tragedia dei gemelli argentini di Salente ha riaperto il dibattito sui bambini transgender in Spagna

Barcellona .- L’approvazione da parte della Camera la scorsa settimana della cosiddetta “legge trans”, che si basa sul principio dell’autodeterminazione di genere, sembra aver posto fine al dibattito sui diritti delle persone transgender che circondava la formulazione. Dalla legislazione legge alla base. Tuttavia, il tentativo di suicidio di due sorelle argentine di 12 anni nella cittadina catalana di Saliente, che ha provocato la morte immediata di una di loro e ha lasciato l’altra in condizioni critiche, ha riaperto la discussione sui social.

Secondo vari media come il Daily Newspaper il mondoNelle lettere di addio lasciate dai giovani si accennava a una mancanza di comprensione dovuta al fatto che Qualcuno voleva passare al genere maschile.

“Sono così stanca di essere vittima di bullismo a scuola, non lo sopporto”, si legge in una nota di Alana, la gemella che ha perso la vita dopo essere caduta nel vuoto e che ha chiesto a chi la circondava di chiamarla Evan, perché lei si sentiva un bambino. “Ne soffrirò per il resto della mia vita e ho preso la decisione di non continuare”, ha aggiunto la nota.

Nella sua lettera, la sorella Leila avrebbe scritto: “Chiedo scusa a tutti, sapete quanto amo mia sorella, ho visto tutte le prepotenze di cui soffre, farò quello che deciderà. L’accompagnerò ovunque vorrà”. .”

Le lettere sono in possesso di Mossos d’Esquadra, la Polizia Autonoma Catalanache non è stato confermato Nazione Correttezza del contenuto delle note.

In un’apparizione pubblica, il ministro dell’Istruzione nel governo del generale Josep González Cambrai ha annunciato ieri l’apertura di un’indagine parallela all’indagine condotta dalla famiglia Mossos dall’unità responsabile dei casi di violenza e bullismo. “In nessun modo il centro ha trovato un problema con il bullismo”, ha detto Gonzalez-Cambrai.

READ  Papa Francesco conferma l'intenzione di andare in Argentina: "La mia idea è l'anno prossimo, vediamo se è possibile"

Per ora la direzione della scuola frequentata dai gemelli, l’Institut Llobregat de Sallent, si è limitata a riferire che entrambi hanno ricevuto indicazioni dallo psichiatra del centro. Dal canto loro, l’ambiente dei ragazzi ha dichiarato che sono stati ridicolizzati anche per la loro condizione straniera e per il loro dialetto, ipotesi al vaglio delle autorità. La famiglia vive in Salento da oltre un anno e mezzo e ha anche un figlio minore.

Segni di lutto per la sventura apparvero unanimi in Salent, e l’ingresso del palazzo dove abitava la famiglia fu riempito di candele. Ieri pomeriggio c’è stata una manifestazione alla quale hanno preso parte parenti e compagni di classe: hanno sfilato per le vie del Salento, chiedendo giustizia.

Uno degli enti che ha reagito più rapidamente è stato l’Osservatorio contro l’omofobia. “La notizia ci spezza il cuore, bambino attraverso Una ragazzina di 12 anni si è suicidata a Salent. Una morte segnata dall’intolleranza bullismo e transfobia. Mandiamo tutto il calore all’ambiente di Evan e ci rendiamo disponibili nel caso in cui sia necessario un supporto psicosociale e legale”, si legge nella sua dichiarazione pubblica.

La tragedia è arrivata quando era appena entrata in vigore la “Legge Transgender” con la quale il governo guidato dal socialista Pedro Sanchez voleva venire incontro alle richieste delle comunità LGTBI e transgender. Con questa normativa, le persone di età superiore ai 16 anni possono recarsi autonomamente all’anagrafe e richiedere il cambio di sesso, senza dover presentare alcuna denuncia. Ciò significa che il fatto di non sentirsi a proprio agio con il sesso biologico è un fatto insoddisfacente.

READ  Il commerciante di schiavi che ha dato il suo nome a una delle università più prestigiose degli Stati Uniti.

Il tema che ha acceso uno dei dibattiti più accesi in Congresso è lo status dei minori di 16 anni. Infine, le persone di età compresa tra 14 e 16 anni devono presentare domanda accompagnate dai loro rappresentanti legali, mentre i bambini di età compresa tra 12 e 14 anni necessitano dell’autorizzazione del tribunale per farlo. I minori di 12 anni non possono effettuare il cambio di iscrizione, ma possono modificare il proprio nome sulla carta d’identità e trattare il nominativo che desiderano.

Era il principale promotore della legge Ministro per le Parità, Irene MonteroDalla festa “United We Can”. Ieri, in apertura dell’Incontro internazionale delle donne, Monteiro ha citato il caso Salente all’inizio del suo intervento: “Penso che la prima cosa che dico oggi sia: si chiama Ivan. E che nessun altro deve soffrire a causa di chi È.”

Quando la legge è stata approvata, Montero ha dichiarato in seduta plenaria che era effettivamente possibile “riconoscere l’infanzia trans e trovare una comprensione di dove trovassero il ridicolo”, così come impedire alle persone transgender o alle persone transgender di vedere come viene loro negato un appartamento in affitto a causa della loro identità di genere.

L’opposizione ha bocciato la legge e il leader del PP Alberto Núñez Figo ha promesso di abrogarla se avesse vinto le elezioni generali previste per la fine dell’anno. La portavoce del Partito popolare in plenaria, Pilar Moreau, ha accusato il governo di “sperimentare il popolo” e di prevedere che la legge avrebbe “conseguenze disastrose” ed “effetti irreversibili”.

Secondo gli psicologi, il rifiuto delle persone transgender provoca grandi sofferenze che possono portare a comportamenti suicidari, soprattutto tra gli adolescenti. “Con i dati disponibili, i giovani transgender, in particolare le ragazze, hanno un tasso di tentativi di suicidio più elevato rispetto agli altri giovani. Il rischio di suicidio è otto volte superiore tra gli adolescenti transgender che si sentono fortemente respinti dalle loro famiglie”, spiega Joanne Roa, psichiatra ed esperta nella prevenzione del suicidio.

READ  Putin ha ammesso che l’attacco è stato opera di estremisti islamici, ma aveva come obiettivo l’Ucraina Il presidente russo ha indicato che dietro il feroce attacco di Mosca c'è Kiev

Di fronte a questa realtà, il grande interrogativo che le indagini in corso devono far emergere è se il minore deceduto abbia ricevuto un trattamento adeguato da parte delle istituzioni pubbliche.

Ulteriori informazioni su The Trust Project