Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gol dolorosi hanno definito i classici del calcio argentino

Segnare un gol doloroso, come hanno detto centinaia di volte i campioni, è un momento davvero meraviglioso nella carriera di un giocatore professionista. Qualcosa come una trance da football. Per non parlare di farlo nel modo classico… C’è qualcosa di più soddisfacente che segnare contro il tuo vecchio rivale per pareggiare o vincere una partita del genere verso la fine?

Anche se non esiste una risposta definitiva, solo per sentirlo un po’ più vicino a te Data prevista: 7 partite di Coppa di Legaprossimo, Su primo Esaminiamo alcuni degli obiettivi più ricordati degli ultimi tempi.

Guarda anche

Ci sono diverse magliette per tutti i gusti. a testa in giù, tipo Funes Mori vince la Supercoppa alla Bombonera, nel 2014; E il visitatore, come Segnato da Walter Erfite al Monumental al ritorno dallo 0-2 L’uguaglianza è suggellata nell’ultima commedia, due anni fa in Monumental.

Ci sono partite, come quella che Wanchope Abella ha segnato nel 2016 per l’1-1 contro il San Lorenzo al Doku, e persino un calcio cileno! Sì, Dal Cile ha pareggiato la classica ad Avelanida Lisandro Lopez quando ha corso lo stesso anno. E nei classici succede di tutto, motivo per cui ci sono anche delle cose insolite, come Una vittoria di Maxi Rodriguez che ha regalato a Newell una vittoria su Central Court, anche nel 2016.

Guarda anche

Racing: una squadra perfetta senza cinque esordienti

C’è anche chi si è girato alla fine della festa. Questi, forse, hanno un valore aggiunto. Un chiaro esempio è la persona che è la protagonista Christian Sanchez Brett, ex studenti che hanno pareggiato con Gimnasia nel 2009 al 51esimo minuto. Memorabile per il popolo di Pincha, che ci ha provato con l’indisciplinato Sabella in panchina alternativa.

READ  Per / AC Milan ha firmato l'attaccante francese Olivier Giroud

I classici sono confronti speciali, motivo per cui spesso evocano sentimenti ostili. Euforia per alcuni, rabbia e disagio per altri. Ci sono differenze, ovviamente, come Dal calcio di rigore mal indirizzato al Racing, che Kobeti trasforma in gol al settimo minuto aggiunto. Quella sera al Cilindro, l’accademia approfittò di un errore di Vigliano per ottenere la vittoria nel finale di gara.

Guarda anche

Confessione di Toriko e Ortigoza prima dell'uragano

E se parliamo del classico Avellaneda, allora è impossibile non ricordare quello che fece Marcelo Diaz per quelli che poi furono diretti da Lucas Bucineri. Non tanto per il gol, che mancava solo a 5′ dalla chiusura, ma perché Acadé resisteva 0-0 con due uomini in meno.

Certo, ce ne sono molti. Candia al Ciclón, Reniero al Globo, Villa a River, solo per citarne alcuni più recenti. Anche se dopo il prossimo fine settimana, chissà? Potrebbe essere necessario ampliare l’elenco…

Guarda anche

Video virale: Il retro incrocio tra Francescoli e Macri

Video: obiettivi efficaci nei classici

Guarda anche

Il padre di Debo e perché suo figlio si è arrabbiato con i rigori in Copa America

Nokazu per la storia

Domenica è accaduto uno dei gol più dolorosamente ricordati e celebrati nella storia di El Clasico 29 settembre 1996, a Bombonera. Al sesto appuntamento di Apertura, Il fiume Boca ha ricevuto Ramon DiazChe era pieno di personaggi: Francescoli, Ortega, Salas, Gallardo, Burgos…

Avanzano gli uomini di Bilardo con un gol di Pompei. Matador Salas ha segnato 1-1. Con un rigore, Cedrés realizza il 2-1 per Xeneize… Tuttavia, il milionario pareggia ancora con un colpo di testa di Sorin.

Quando sembrava che la classica fosse finita 2-2 a Boca, Apparve Hugo Romeo Guerra. L’attaccante uruguaiano scomparso nel 2018. Dopo un calcio di punizione per il Boca, l’attaccante ha improvvisato un colpo di testa con le spalle alla porta di Mono e ha segnato il 3-2 al 45′ dell’ST. L’obiettivo è passato alla storia come “Nukazu” di Guerra.

READ  Omar de Felice, pronto per il primo giro in bici al mondo attraverso il Polo Nord

Ecco come visualizzare la storia dei classici

Clicca qui e scopri la timeline della settima data Dal campionato nazionale, la giornata delle classiche, che sarà l’ultima senza tecnologia VAR in prima divisione, secondo l’annuncio delle autorità AFA E gestione della formazione arbitrale. Pianifica il giorno, l’ora e tutto ciò che devi sapere sulla partita giocata dalla tua squadra.

I classici della storia 7.

I classici della storia 7.

Guarda anche

Video virale: è stato convocato per la prima volta in nazionale ed è così che ha reagito