Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa è successo alle vittime di Endorian?: Tony Romminger

Tony Rominger (Weigl, Danimarca, 60 anni) È stato uno dei migliori corridori della sua generazione negli anni ’90. Fantastico climber e migliore esperienza dell’epoca, tre vittorie consecutive alla Vueltas a España e al Giro d’Italia, Ma non poteva alzare le braccia come vincitore del Tour de France. la ragione? Il suo nome e cognome: Miguel Endurin. Nel grande palla Nel 1993 Navarrese poteva fermare solo il miglior Rominger di sempre, quindi è così buono Gli è stato permesso di vincere una sola cronometro Ad “extraterrestre” per questo metodo.

Rominger, nato in Danimarca, All’età di 13 anni si trasferì con la famiglia nella città svizzera di Zugo. Lì ha rafforzato il suo amore per lo sport. Dopo essersi dedicato per anni al calcio, tra le altre discipline, Tony ha scelto le due ruote in età un po’ tarda, uno stato di avanzamento, tra tante altre somiglianze, Somiglianze con la storia di Primus Roglic. Non era nemmeno 25 anni, nel 1986, quando Rumminger balzò professionalmente nei ranghi della squadra Cielo, Il fatto che non gli impedisse di brillare di luce negli anni successivi. La sua avanzata fu fulminea. Dopo i primi due anni di apprendistato, lo svizzero si è guadagnato il titolo Le prime prestigiose vittorie nel 1988, in gare come il Giro del Trentino, il Tour de Romandía e il Giro d’Italia, Una carriera in cui è meglio conosciuto a livello internazionale per i suoi primi successi in tournée di tre settimane.

Da lì, collega Tony A Massiccia catena di risultati in gare di livello superiore e prestigio storico, per concludere con un palmares invidiabile, alla portata di pochi: 94 vittorie e Conquiste come Tirreno Adriatico, Giro de Lombardia, Nizza Parigi, Tour dei Paesi Baschi… Un corridore molto completo per tutti i tipi di scenari, ma soprattutto per i round di tre settimane in cui ha mostrato segni della sua fenomenale qualità. Per la memoria del tifoso, pur dovendosi accontentare del secondo gradino della pedana, il Il Tour de France del 1993 è stata la sua opera migliore. Ha vinto due tappe in Alta Montagna, l’ultima volta nella prova, la maglia del miglior climber ed è stato l’unico che è stato in grado di mettere Migillon sotto pressione minima, soprattutto nella leggendaria 17a tappa di quella versione. Rominger attaccato alle pendici del primo Tourmalet, il primo porto della giornata, coronato di 50 secondi su Indurain. Lo svizzero si gettò in una fossa aperta al momento dell’atterraggio, tracciando le curve con tale forza e precisione che i capelli si rizzarono. L’organizzazione della corsa non ha esitato a concentrare la sua attenzione su un esercizio così abile, quindi non ci sono immagini di ciò che è successo alle sue spalle … Non era altro che l’uragano Navarrese, che non aveva ancora completato la sua discesa e non ha mostrato nulla a mettilo. Se stesso alle calcagna di Rominger, tenendo il guinzaglio con una mano mentre mangiava con calma.

READ  Perché i big decidono di lasciare l'Italia?

Endurin e Ruminger si salutano durante uno degli inizi del tour del 1994.

L’anno 1994 è stato un misto di contraddizioni per gli svizzeri. Toccava il cielo, ma lo era anche l’inizio della sua discesa. Da marzo Tony ha aggiunto una serie di vittorie da ubriacone di prima classe, con i generali a Parigi – Nizza, Itzulia e il Giro di Spagna (più sei tappe!), in cui molti analisti hanno piazzato primo posto, davanti allo stesso Indurain, per vincere il Tour de France. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità, perché lo svizzero ha lasciato un vero minuto con Navarrese dal primo giorno in alta montagna e ha finito per Si è ritirato nella tappa 13 (era secondo, ma a circa otto minuti da Migillon). Tra i lati positivi, vale la pena notare che nello stesso anno gli svizzeri chiamarono la “Rominger Classic” (una gara che si svolse dal 1994 al 2003, curiosamente, la stessa Endurane vinse l’edizione 1995), così come l’istituzione di il Nuovo record di clock sul circuito di Bordeaux Pochi giorni dopo fu raggiunto, ovviamente, dal suo famoso concorrente Indurine. Sebbene il livello stratosferico non sia stato mostrato lo scorso anno, Rumminger ha detto addio al professionismo ad un livello straordinario, vincendo il Giro nel 1996 A sospendere la moto l’anno successivo nelle fila del team Cofidis.

Questa è stata la storia sportiva di un grande campione, e va notato che non ha mai nascosto la sua relazione con il Dottore Michel Ferrari (Dober Lance Armstrong, tra molti altri ciclisti), con il quale ha lavorato dal 1992 in quella che era quasi una federazione medica e ciclistica leader. Attualmente dedica parte del suo tempo alla società da lui fondata in Svizzera, oltre a collaborare con IMG, società multinazionale di marketing e rappresentanza sportiva. Inoltre, Tony continua a visitare frequentemente la sua amata Spagna (Malaga, in particolare), dove parla correntemente lo spagnolo (oltre a parlare inglese, francese, tedesco e italiano). È anche utile per mantenere i contatti di tanto in tanto con Endurine, Con il quale ha coinciso con molteplici eventi ed eventi dal loro ritiro, oltre ad essere considerato un “amico fuoristrada”.

READ  Shock in Italia per la tragica morte di un campione del mondo giovanile che si è sparato accidentalmente