Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno concordato venerdì di vietare gli additivi coloranti alimentari ampiamente utilizzati

E171 contiene nanoparticelle di biossido di titanio ed è comunemente usato in un’ampia gamma di prodotti di consumo, inclusi prodotti farmaceutici e cosmetici. Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso venerdì di vietare questa colorazione artificiale perché mettono in dubbio la sua sicurezza..

Il divieto si riferisce all’uso dell’additivo negli alimenti, che agisce principalmente come agente sbiancante e schiarente in caramelle, gomme da masticare, salse bianche e glassa per torte.


Possibile danno al DNA

Il Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), con sede in Italia, ha scoperto a maggio che esisteva il rischio che le nanoparticelle potessero danneggiare il DNA e che non fosse possibile stabilire un livello sicuro per il loro consumo quotidiano.

La Francia ha sospeso il suo uso negli alimenti lo scorso anno, dopo che un’indagine ha indicato che diossido di titanio Può causare lesioni precancerose nei topi di laboratorio.

Senza ulteriori obiezioni da parte degli Stati membri o del Parlamento europeo entro la fine dell’anno, il divieto entrerà in vigore all’inizio del 2022, secondo una dichiarazione della Commissione europea.

C'è una cosa che inquina i nostri oceani più della plastica: i mozziconi di sigaretta

Attualmente, l’industria farmaceutica, che utilizza anche E171 nell’industria farmaceutica, non sarà interessato dal divieto, al fine di evitare la carenza di prodotti medici.

Nella maggior parte dei paesi europei, l’E171 è in gran parte scomparso dalla composizione dei prodotti alimentari, ma si trova ancora in alcune gomme da masticare, caramelle e decorazioni per torte.

READ  Scienziato italiano riceve lezione dall'Università Cubana (+ foto) - Prensa Latina