Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli esseri umani possono vivere più di 150 anni? La scienza sta esplorando le cause dei confini

Secondo lo studio pubblicato su Nature Communication, c’è un aspetto della longevità umana che può essere fondamentale se vuoi raggiungere il tuo massimo potenziale, e non si tratta di malattie o scelte di vita. È correlato alla resilienza delle cellule delle persone e alla loro predisposizione genetica

Quando pensi di estendere la vita, l’immaginazione vola nella convinzione che gli esseri umani rimarranno nelle celle frigorifere per molto tempo. Tuttavia, uno studio pubblicato ieri Nella rivista Nature Communications Indica che sarà possibile un aumento della longevità fino a 150 anni o più.

Lo studio combina i dati degli esami del sangue e le informazioni sull’esercizio fisico per determinare una nuova misura dell ‘”età biologica”. I risultati suggeriscono che c’è un aspetto della longevità umana che potrebbe essere fondamentale se vuoi raggiungere il tuo pieno potenziale e non ha nulla a che fare con le malattie o le scelte di vita.

“Quello che stiamo dicendo qui è che la strategia di ridurre la vulnerabilità, cioè ridurre il peso della malattia, ha solo un’ulteriore capacità di migliorare la vita”. Ha spiegato Peter Vidshev, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Istituto di fisica e tecnologia di Mosca. Lo scienziato è un co-fondatore di Gero.

Secondo Fedyshev e il suo team, l’umanità può andare oltre la cura della malattia. Afferma che se i suoi risultati sono convalidati da altre ricerche, È probabile che gli esseri umani vivano decenni in più rispetto all’età massima che hanno fissato: 150 anni.

Lo studio identifica i modelli di invecchiamento e malattia per estrarre la massima “vita biologica” possibile dagli esseri umani. Hanno raccolto dati dalle analisi di campioni di sangue di 544.398 partecipanti e li hanno combinati con i dati forniti attraverso l’uso di orologi intelligenti da un altro sottogruppo più piccolo di persone.

Gli autori del lavoro in Nature Communications sottolineano che la durata della vita biologica delle cellule deve essere affrontata come un modo per andare oltre il semplice trattamento delle malattie che le persone soffrono nel tempo.
Gli autori del lavoro in Nature Communications sottolineano che la durata della vita biologica delle cellule deve essere affrontata come un modo per andare oltre il semplice trattamento delle malattie che le persone soffrono nel tempo.

I ricercatori hanno quindi utilizzato i dati per prevedere l’emergere di diverse malattie e per identificare i modelli in cui l ‘”età biologica” delle persone cambia nel tempo. L ‘”età biologica” è fondamentalmente l’età delle cellule del tuo corpo, non la loro età cronologica. Per aumentare l’aspettativa di vita, è necessario ridurre la vita biologica rispetto alla vita cronologica.

READ  In assenza di seconde dosi, la Russia ha legalizzato il lieve vaccino Sputnik

Quali scelte di vita possono fare la differenza? Se inizi a fumare tabacco, inizi un nuovo regime di esercizio o ti trasferisci in una zona più rurale, la tua vita biologica potrebbe diminuire e aumentare nel tempo. Non restare statico. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che c’è un fattore che sembra guidare le fluttuazioni della vita biologica individuale. È un valore che i ricercatori chiamano un “indicatore quantitativo dinamico dello stato di un organismo”.

Spiegano che man mano che si invecchia, il tasso di recupero dallo stress rallenta (sia a causa di malattia, mancanza di sonno o anche di allenamento faticoso). In altre parole, ci vuole più tempo per riguadagnare il livello di flessibilità di base. Pertanto, la resilienza degli individui allo stress è la chiave per determinare la loro longevità. “Se la perdita di flessibilità non viene curata, qualsiasi intervento medico fallirà”, hanno scritto i ricercatori nello studio.

Lo studio potrebbe avere un impatto sulla gestione della malattia. Se la medicina avanza al punto da essere in grado di curare le malattie dell’invecchiamento, i ricercatori calcolano che gli esseri umani potrebbero invecchiare fino a superare il limite di vita che hanno fissato senza affrontare la resilienza. Tra 120 e 150 anni.

Oltre questo intervallo, la resilienza si deteriora oltre il punto di non ritorno. Anche le persone più sane che vivono più a lungo e combattono l’insorgenza di malattie croniche non possono aspettarsi di vivere oltre questa età perché la loro capacità di recupero sarebbe stata completamente esaurita.

L’approccio suggerito dai ricercatori è trovare un modo per affrontare la resilienza. Ci sono problemi che derivano dall’invecchiamento e influenzano gli esseri umani come organismi viventi. In altre parole, a livello individuale, I fattori dello stile di vita non sempre spiegano perché una persona vive fino alla vecchiaia o no. Ma la resilienza può accadere.

L'attività fisica e una buona alimentazione sono la chiave per mantenere una buona salute.  I ricercatori vogliono andare oltre e trovare le chiavi per aumentare la resilienza cellulare dopo aver vissuto diversi momenti di stress, come le malattie (Karina Hernández / Infobae)
L’attività fisica e una buona alimentazione sono la chiave per mantenere una buona salute. I ricercatori vogliono andare oltre e trovare le chiavi per aumentare la resilienza cellulare dopo aver vissuto diversi momenti di stress, come le malattie (Karina Hernández / Infobae)

Vidishev e colleghi non vogliono accreditare gli aumenti incrementali dell’emivita che possono derivare dai miglioramenti della salute. Ha osservato che le persone vivrebbero sicuramente più a lungo se seguissero una buona dieta, esercitassero regolarmente, fossero in grado di evitare le malattie e se avessero un alto status socioeconomico. Ma lo ha sottolineato Ci sono persone che vivono fino a età straordinarie e possono anche trasportare determinati geni che le rendono vulnerabili alla longevità. Questi geni possono influenzare la flessibilità. Per i ricercatori, se si potesse aumentare la flessibilità, la vita potrebbe estendersi oltre il limite.

READ  Il Gruppo dei Sette principali nazioni ha accettato di donare un miliardo di vaccini e ha chiesto un'indagine "trasparente" in Cina sulle origini del COVID-19.

Il team di ricercatori ha sviluppato un’app chiamata GeroSense, in grado di calcolare l’età biologica utilizzando i dati forniti dagli utenti. Sperano di utilizzare le informazioni raccolte per misurare la resistenza e trovare una soluzione per fermare definitivamente l’invecchiamento. Tra i fattori che vogliono esaminare più da vicino ci sono le scelte di vita riguardanti integratori, diete e marcatori genetici.

Continuare a leggere: