Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Milagro Sala: “Evita non lo permetterebbe” | Intervista al leader di Tupac Amaru, a 70 anni dalla morte di Eva Peron

Il 26 luglio 1952, all’età di 33 anni, passò all’immortalità Eva Peron, una donna che, in soli 7 anni di attività politica, ebbe un impatto senza precedenti nella vita culturale del nostro Paese, diventando un simbolo della lotta per i diritti di donne, bambini, anziani e “topless”.

Nel 1950 Evita visitò la provincia di Jujuy. Durante il suo soggiorno, lui e il governatore Alberto Iturbe hanno inaugurato la Hogar Escuela e la clinica di rianimazione pediatrica (attualmente Hotel Termas de Reyes) e hanno anche consegnato gli atti di proprietà delle case nell’attuale quartiere il 12 ottobre. A 70 anni dalla morte di Evita, riflettendo sul suo carattere, sul suo lavoro e sulla continuità di questa eredità in Jujuy, il riferimento inevitabile è un’altra donna: stanza dei miracoli.

Milagro è una peronista da quando aveva 16 anni, leader e fondatrice dell’Organizzazione Tupac Amaru, ed è stata arrestata nel 2016 per aver partecipato a un campo davanti alla sede del governo di Gogoi, pochi giorni dopo l’apertura Gerardo MoralesDa allora è stato imprigionato.

La conversazione si svolge con Milagro nella sua casa carceraria, mentre si sta riprendendo da un problema di salute. Nelle sue mani è una copia originale del libro la ragione della mia vita.

– “So che prenderai il mio nome e lo porterai come una bandiera per la vittoria”. Ricordi quando nella tua vita hai sentito il nome Evita e hai deciso di portarlo come una bandiera?

Bene, devo prima raccontarvi parte della mia storia. io Appartengo a una famiglia della classe media. Mio padre lavorava alla Gogoi National University come autista e guardia, e mia madre lavorava come supervisore in un ospedale pediatrico. Il nome di mio padre è Miguel Sala e mia madre è Desideria Leitón. Ci hanno portato a scuola in macchina. Stavamo andando in vacanza. All’età di sedici anni, ho lasciato casa, molto arrabbiato, quando ho scoperto che i miei genitori biologici erano diversi. I primi giorni sono andato a dormire all’ospedale Pablo Soria. C’era chi non aveva un posto dove vivere. Ho cominciato ad avere freddo e fame e mi sono reso conto che non solo questo succedeva a me, c’erano molti bambini e anziani che dormivano per strada, che si coprivano di cartone. Trovarlo mi ha fatto impazzire. Una volta stavamo vendendo Piccoli nel vecchio edificio (mio padre mi ha sempre inculcato che ci si guadagna da vivere lavorando) quando abbiamo sentito cantare la marcia di Al-Biruni. Mi sono chiesto: cos’è questo? Ci siamo avvicinati e abbiamo visto che c’era un atto. era l’ingegnere Snopek parla di Evita e Peróndella necessità di ricostruire il Paese. Alla fine del verbo siamo passati all’unità di base. Mi è piaciuto e ho iniziato a fare il soldato nella Gioventù Peronista. Lì conobbe Tucci Caceres, Oligario Machaca, Tito Soria e altri colleghi.

(Foto: cortesia Blas Morrow)

– Ho detto più di una volta: “Gli dà fastidio che io sia nero, Koya e Peroni”. Anche Evita li infastidiva. Ha detto: Il decamezado mi ama e gli altri mi odiano e mi calunniano. La consideravano indegna di far parte della classe politica. Hai voglia di conoscere Evita?

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | I combattimenti continuano e Mosca annuncia la resa di oltre 1.000 ucraini a Mariupol

Più che un senso di riconoscimento, per me, Evita è stato un esempio di lotta, un esempio di questo perché si è fermata l’oligarchia, contro l’idea che chi nasce povero deve morire povero. Il messaggio di Evita è rimasto nella mente di molti di noi che oggi sono leader e prendono il suo esempio nel tentativo di cambiare le cose e avere un mondo migliore. Molti hanno già capito che l’odio non è solo verso di noi. Quello che li infastidisce è che chi si organizza di meno. In primo luogo, l’assassinio, la tortura e la scomparsa di militanti. Ora è il tavolo giudiziario. Diciamo che hanno allestito un laboratorio a Jujuy, poi lo hanno ampliato e fatto lo stesso con Cristina, con Lola, con Evo. Oggi, l’oligarchia come partner tiene il tavolo giudiziario e un settore della stampa. Non maledico quello che mi succede. Negli anni ’90, molti compagni hanno perso il lavoro con la privatizzazione delle società pubbliche e del Banco de la Provincia, che ora è Banco Macro. Ero il segretario della Federazione ATE. È qui che sono nate le organizzazioni sociali, grazie alla follia dei settori politici, perché ci hanno fatto organizzare i poveri ei disoccupati. È così che Tupac Amaru ha iniziato con la tazza del latte, gli armadi e i centri comunitari. Siamo andati nei villaggi a cercare chi ne ha davvero bisogno. Ho guardato cosa stava succedendo e sono scese le lacrime. E io dissi: “Se Evita fosse viva, non avrebbe permesso che accadesse tutto questo”.

“Quando sorge il bisogno, nasce la verità”. Se, come ho appena detto, Evita fosse viva, cosa pensi che farebbe prima per iniziare a creare i diritti perduti oggi?

Evita non sarebbe andata d’accordo con il FMI e avrebbe lavorato sodo, come ha fatto Nestor, per ridistribuire la ricchezza, in modo che i bambini smettessero di mangiare nelle sale da pranzo ei loro genitori potessero portare il cibo a casa con un vero lavoro. Era sempre alla ricerca di un futuro per bambini e giovani. Oggi non c’è futuro per loro a Jujuy. E questo è un peccato perché Jujuy ha molte risorse: zuccherifici, tabacco, ferro, minerale, litio e ora anche cannabis. Se tutte queste tasse fossero pagate di conseguenza, Jujuy non sarebbe una contea povera. La cultura per noi è la cultura del lavoro. Non ci accontentiamo di avere un piano e un sacco di merce: chi ha un piano oggi deve avere un lavoro domani. Alla Tupac abbiamo sempre detto che non abbiamo un tetto sulla testa, volevamo ottenere ciò che voleva Evita: che i più poveri avessero una scuola, una piscina, un lavoro e un posto dove i bambini potessero giocare a. vicino a casa loro. La bella vita (come dice Evo Morales) è per tutti.

(Foto: cortesia Blas Morrow)

“Tornerò e sarò a milioni”. A quanto pare, questa frase non è stata pronunciata solo da Evita, ma era già stata pronunciata dal leader indigeno Tupac Amaru nel 1871, prima del suo assassinio. Il peronismo è indigeno? Sei ottimista sul riemergere di governi populisti in America Latina, con una donna di origine africana come Francia Márquez in Colombia o un leader aymara come David Chuquihuanca in Bolivia?

READ  La sorella di Kim Jong Un è riapparsa e ha minacciato Stati Uniti e Corea del Sud

– La bandiera della nostra organizzazione porta Evita, Tupac e Che, e non è un caso. Adesso in America Latina Siamo più organizzati. In Cile, la lotta degli studenti universitari e delle popolazioni indigene ha permesso loro di riprendersi il loro paese. In Bolivia la destra non ha potuto avanzare grazie ai movimenti sociali e alle popolazioni indigene. Spero che anche il Brasile si riprenda presto. Oggi i popoli indigeni si riuniscono dopo tanto tempo e escono per difendere la democrazia. Quando arrivarono i coloni, Pachacuti era scuro. Coloro che hanno osato ignorarli sono stati uccisi davanti a tutti per dare un messaggio. Diciamo che ad Appia Yala stiamo ora vivendo Pachacuti di luce. A poco a poco iniziano ad emergere popolazioni indigene. Chiunque sia venuto qui per rubare la nostra terra a un certo punto dovrà sedersi con i veri proprietari e parlare per vedere come cominceranno a riprendersela.

Questa rinascita delle popolazioni indigene significa anche un altro modo per connettersi con il pianeta?

– Il Covid è un segno di Madre Terra per porre fine al progresso dell’inquinamento. In molte città hanno potuto vedere il sole e le stelle perché hanno dovuto chiudere le fabbriche e smettere di inquinare. Gli animali sono usciti di nuovo. Le barche smisero di muoversi e si dispersero e il mare iniziò a riprendersi. Quindi, Madre Terra ci sta mostrando che gli esseri umani devono smettere di inquinare e smettere di pulire la terra. Molte persone non capiscono che gli alberi hanno vita e che anche pietre, fiumi, fuoco e aria hanno vita. Diranno che sono pazzo, ma devono capire che la Natura, Madre Terra, ci dà un messaggio molto potente.

(Foto: Cortesia: Blas Moreau)

– Hai detto che durante la conquista ho punito apertamente coloro che si sono opposti per dare una lezione a tutte le persone. Pensi che succeda la stessa cosa tra te e Tupac?

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | I civili evacuati dall'avanzata di Mariupol

Volevano che Tupac Amaru scomparisse. Oggi Tupac Amaru è ancora riorganizzatolavorare nel territorio; rally. Questa settimana c’è stata due grandi folle, una a Libertador per ricordare la notte del blackout e una a Jujuy per chiedere che le organizzazioni sociali non siano perseguitate, in solidarietà con i compagni che hanno subito le incursioni. Nonostante il fatto che volessero darmi l’esempio e disarmare Tupac Amaru, le persone continuano a combattere. Per loro era brutto il desiderio di porre come lezione il mio castigo: credevano che tutta la città sarebbe rimasta sottomessa e che oggi sarebbe uscita di nuovo in strada.

– Evita diceva anche: “L’amore prolunga lo sguardo dell’intelligenza”. Nel contesto che ho descritto, si può fare politica per amore?

– Christina ha detto: “L’amore vince l’odio”. Evita ha anche reso felice la città. Abbiamo lottato per la bella vita e abbiamo detto che dovevamo ritrovare la gioia che le persone avevano perso. E nonostante tutte le cose che ci accadono, continuiamo a trasmettere che è inutile avere odio verso un altro. I nostri antenati ci hanno insegnato che non si può vivere con odio e risentimento. Quando metti da parte questi sentimenti, il tuo spirito si calma e puoi avere una mente aperta per fare molte cose. Classe di Tupac Amaru e fratelli indigeni. Evita, Nestor e Cristina hanno detto: Dobbiamo continuare a lavorare per amore, passione e nonviolenza.

– Cosa farai il giorno in cui finirà la tua prigionia e riacquisterai la libertà?

Quel giorno voglio portare i miei figli e i miei nipoti a Yala. Abbraccia gli alberi, sii vicino al fiume e prendi quell’acquaun. Non voglio niente fuori dall’ordinario: Voglio toccare le pietrecammina con me A piedi nudiFai quello che ci hanno insegnato i nostri nonni e continua a dire ai miei nipoti e ai miei figli che questa è la più grande ricchezza che abbiamo. Perché sono imprigionato e anche la mia famiglia è imprigionata, i miei compagni combattenti, tutti coloro che mi amano. Per un aborigeno, la peggiore punizione che può darti è essere imprigionato, e non riuscire a sentire il profumo della natura, l’amore che la natura ti dà abbracciandoti con il vento, con il sole. (che chiamiamo Tata Inti), con madre Killa, che è la luna, l’acqua e la luna (come chiamiamo le colline). Che ci crediate o no, tutto questo è necessario per noi. Questa è la prima cosa che voglio fare quando esco.