Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli aerosol carichi di virus corona persistono nell’aria più a lungo di quanto originariamente previsto

Gli spazi chiusi, come una sala d’attesa di un ospedale o uffici pubblici, possono favorire la trasmissione del coronavirus (EFE/Marcial Guillén/File)

Ci sono diversi modi in cui il coronavirus si trasmette tra le persone. Con l’avanzare dell’epidemia, La comunità scientifica ha scoperto che la via principale sono le particelle di diverse dimensioni che le persone effettivamente infette emettono quando respirano, tossiscono, parlano, gridano o cantano. D’altra parte, le particelle più grandi di 100 micron possono essere espirate e sono chiamate goccioline. ma Esistono altre particelle meno conosciute, di dimensioni più piccole e note come “aerosol”, anch’esse emesse dall’uomo. Maggiori dettagli sulla diffusione del virus tramite aerosol sono stati scoperti in Austria, Italia e Stati Uniti. I risultati possono essere utilizzati per controllare meglio l’epidemia.

Ci sono molti paesi che, con l’avanzare della vaccinazioneHanno iniziato a rimuovere alcune restrizioni e una di queste è specificamente la possibilità di camminare per strada senza maschera, un problema che, secondo quanto annunciato oggi, sarà possibile in Argentina dal 1 ottobre.

Presso l’Università di Vienna, in Austria, hanno condotto esperimenti e simulazioni e Hanno scoperto che il piccolo e l’invisibileLe particelle cariche di virus scompaiono più lentamente dopo l’espirazione di quanto precedentemente suggerito dai modelli.

I modelli precedenti presumevano che solo le particelle grandi rappresentassero un alto rischio di infezione perché le particelle piccole evaporavano rapidamente. Tuttavia, al Politecnico di Vienna, in collaborazione con l’Università di Padova, in Italia, si è scoperto che questo non è vero: a causa dell’elevata umidità dell’aria che respiriamo, anche piccole particelle possono rimanere nell’aria per un molto più tempo di quanto si pensasse. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS Dall’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti.

Incontrarsi in bar chiusi senza clip o a lunga distanza può essere più rischioso in questo momento in cui c'è la trasmissione comunitaria del coronavirus
Incontrarsi in bar chiusi senza clip o a lunga distanza può essere più rischioso in questo momento in cui c’è la trasmissione comunitaria del coronavirus

Il professor Alfredo Soldati e il suo team di Istituto di meccanica dei fluidi e trasferimento di calore presso l’Università di Vienna Si esaminano flussi costituiti da diverse componenti, i cosiddetti “flussi polifase”. Tra questi c’è l’aria che una persona infetta espira quando starnutisce: i virus infettivi sono contenuti in particelle liquide di diverse dimensioni, con un gas tra di loro.

Questa miscelazione si traduce in un comportamento del flusso relativamente complesso: le particelle e il gas si muovono entrambi e le due componenti si influenzano a vicenda. Le particelle emesse dalle persone possono vaporizzare e trasformarsi in gas. Per andare a fondo di questi effetti, È stata sviluppata una simulazione al computer, in cui è possibile calcolare la dispersione di diverse particelle e aria respirabile utilizzando diversi parametri ambientali, ad esempio a diverse temperature e umidità.

READ  UNSa ottiene la direzione della professione medica a partire dal 2022 | Si affida a Tucuman dal 2015

Inoltre, sono stati eseguiti esperimenti. Un ugello con una valvola a controllo elettromagnetico è inserito in una testa di plastica per spruzzare con precisione una miscela di goccioline e gas. Il processo è stato registrato con telecamere ad alta velocità, quindi è stato possibile misurare le esatte goccioline rimaste nell’aria e per quanto tempo. Nel progetto di ricerca è stato coinvolto anche il team di Francesco Picano, dell’Università di Padova.

Quando si canta o si urla, vengono emesse particelle di diverse dimensioni
Quando si canta o si urla, vengono emesse particelle di diverse dimensioni

“Abbiamo scoperto che le piccole particelle rimangono nell’aria in misura maggiore di quanto si pensasse in precedenza”, afferma Alfredo Soldati. “C’è una semplice ragione per questo: il tasso di evaporazione delle particelle è determinato non dall’umidità relativa media dell’ambiente, ma dall’umidità direttamente locale dove si trova la goccia”, ha aggiunto.

L’aria espirata è molto più umida dell’aria circostante e questa umidità espirata fa evaporare più lentamente le piccole particelle. Quando le prime particelle evaporano, l’umidità si sviluppa localmente, il che rallenta l’evaporazione di altre goccioline.

“Ciò significa che le piccole particelle sono contagiose più a lungo di quanto ipotizzato, ma questo non dovrebbe essere motivo di pessimismo”, ha affermato Alfredo Soldati. “Ci mostra solo che devi studiare adeguatamente questi fenomeni per capirli. Solo così saremo in grado di formulare raccomandazioni scientificamente valide, ad esempio per quanto riguarda i sottogola o le maschere e le distanze di sicurezza”, ha commentato.

La trasmissione del coronavirus nell'aria è allo studio per dare più accuratezza alle raccomandazioni sanitarie
La trasmissione del coronavirus nell’aria è allo studio per dare più accuratezza alle raccomandazioni sanitarie

Mentre, Alla University of Maryland School of Public Health negli Stati Uniti, è stato riscontrato che le persone infette da coronavirus espirano il virus infettivo nel respiro e quelle con la variante alfa (la variante predominante che circolava al momento di questo studio) emettono virus nell’aria da 43 a 100 volte in più rispetto alle persone infettate dai ceppi originali del virus.

I ricercatori hanno anche scoperto che i tessuti sfusi e le maschere chirurgiche hanno ridotto di quasi la metà la quantità di virus che è entrata nell’aria intorno alle persone infette, hanno riferito. nella rivista Malattie Infettive Cliniche.

READ  Nuovi volti nello Specialty Coffee

“Il nostro ultimo studio fornisce ulteriori prove dell’importanza della trasmissione per via aerea”, afferma il dott. Don Melton, professore di salute ambientale presso la School of Public Health (UMD SPH) dell’Università del Maryland. Sappiamo che la variante delta su strada ora è più contagiosa della variante alfa. La nostra ricerca indica che le varianti continuano a migliorare mentre viaggiano nell’aria, quindi dobbiamo fornire una migliore ventilazione e indossare sottogola stretti, oltre alla vaccinazione, per aiutare a fermare la diffusione del virus”.

Usando questa macchina che misura il respiro delle persone, il virus Corona / Università di Nottingham è stato scoperto presso l'Università del Maryland
Usando questa macchina che misura il respiro delle persone, il virus Corona / Università di Nottingham è stato scoperto presso l’Università del Maryland

La quantità di virus nell’aria da un’infezione con variante alfa era molto più – 18 volte – di quanto possa essere spiegato dalle maggiori quantità di virus nei tamponi nasali e nella saliva. Il coautore del lavoro e dottorando Jianyu Lai ha spiegato che “era già noto che il virus nella saliva e nei tamponi nasali aumentava nelle infezioni da variante alfa. Il virus può diffondersi dal naso e dalla bocca spruzzando grandi goccioline vicino a una persona infetta. Ma il nostro studio mostra che il virus nell’espirazione aumenta di più”, sottolinea.

Quelle grandi mutazioni nei virus aerotrasportati nelle infezioni alfa si sono verificate prima dell’arrivo della variante delta e indicano che il virus si sta evolvendo per viaggiare meglio nell’aria.

Per vedere se le maschere funzionano per prevenire la diffusione del virus tra le persone, Questo studio ha misurato la quantità di SARS-CoV-2 inalata nell’aria e ha studiato la quantità di virus che le persone con Covid-19 hanno respirato nell’aria dopo aver indossato un panno chirurgico o una maschera.

(Marcelo Regalado)
(Marcelo Regalado)

I rivestimenti per il viso hanno ridotto significativamente le particelle cariche di virus nell’aria intorno a una persona infetta da Covid-19, riducendone la quantità di circa il 50%, ma i tessuti larghi e le maschere chirurgiche non hanno impedito al virus infettivo di diffondersi nell’aria.

La dottoressa Jennifer German, una delle coautori, ha notato questo “I messaggi da portare a casa da questo lavoro sono che il coronavirus potrebbe essere nella tua espirazione, è meglio essere nella tua espirazione e indossare una maschera riduce la possibilità di inalarlo negli altri”.

READ  Erwin Nair, premio Nobel per la medicina: “La curiosità è qualcosa che possediamo tutti da bambini, e ricercatore è colui che riesce a mantenerla da adulto”.

Ciò significa che un approccio a più livelli alle misure di controllo (tra cui una migliore ventilazione, una maggiore filtrazione, sterilizzazione dell’aria UV e maschere aderenti) è fondamentale per proteggere le persone che lavorano di fronte al pubblico e al chiuso. Oltre alla vaccinazione).

in Argentina, unità di ventilazione dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione, lo scorso marzo, che gli ambienti interni non ventilati sono i più pericolosi per la trasmissione di aerosol del coronavirus. Poiché si accumulano, aumentano le possibilità di inalare l’aria con i virus. Per questo motivo, la ventilazione continua negli ambienti è fondamentale per la prevenzione del COVID-19.

La ventilazione deve essere attraversata in modo che l’aria possa circolare. L’apertura continua di porte e finestre crea un flusso d’aria costante senza formazione di nebbia. È importante evitare di fare un’apertura intermittente (es. apertura 5 minuti ogni ora) perché è preferibile che la nebbia si accumuli.

Come una delle principali misure di prevenzione, gli specialisti raccomandano la vaccinazione contro COVID-19 / EFE / Paolo Aguilar / Archive
Come una delle principali misure di prevenzione, gli specialisti raccomandano la vaccinazione contro COVID-19 / EFE / Paolo Aguilar / Archive

“Si consiglia di utilizzare ventilatori che aumentino il tasso di ricambio d’aria interno ed esterno, e impediscano che generi un flusso d’aria diretto tra le persone all’interno dell’ambiente (questo dovrebbe essere sempre fatto attraverso finestre e/o porte aperte)”, ha osservato da la campagna di ventilazione. Scoraggiano l’uso di agenti dell’ozono in ambienti chiusi o l’uso dell’ozono in “chioschi o tunnel di sterilizzazione” perché l’esposizione all’ozono è dannosa per la salute.

strategia Per valutare indirettamente il grado di ristagno dell’aria interna, viene monitorata l’anidride carbonica.Si consiglia di aumentare l’apertura di porte e finestre quando il livello di anidride carbonica supera le 700 parti per milione (parti per milione di massa d’aria).

Continuare a leggere:

COVID-19 nell’aria: le metriche di ventilazione e anidride carbonica sono le nuove chiavi per la non infezione
Perché i dipendenti delle aziende dovrebbero indossare il sottogola anche con i clienti lontani?
Barriere di plastica anti-COVID-19: impediscono la diffusione di SARS-CoV-2?
L’annuncio dell’uso del sottogola ha sollevato dubbi: si può fermare a Buenos Aires?