Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fisher Investments: le economie potrebbero rimbalzare senza stimoli

Nella nostra esperienza, Gli incentivi fiscali assumono significati diversi a seconda di chi li analizza. In Fisher Investments Spain, riteniamo che sia giunto il momento di esplorare quali tipi di spesa pubblica forniscono davvero uno stimolo fiscale e perché le economie e i mercati non ne hanno davvero bisogno per riprendersi dalle crisi.

In generale, lo stimolo economico è il denaro pubblico che viene pompato nell’economia con l’idea di creare nuova domanda. I progetti di costruzione e infrastruttura sono formule comuni di motivazione. Quando i governi, ad esempio, stanziano denaro per costruire nuove strade e ponti o per migliorare la rete elettrica, generano attività economica. Queste pratiche possono essere utili quando la domanda di beni e servizi è bassa e l’economia si contrae. Allo stesso modo, favorisce l ‘”effetto moltiplicatore” (cioè l’impatto economico finale è molte volte maggiore dell’importo prelevato all’inizio). Molti dei commentatori finanziari che trattiamo sottolineano questo fenomeno iniettando liquidità.

Prendiamo l’esempio di un progetto di costruzione. Di solito i governi si impegnano a una società privata, ma il flusso di denaro non si ferma qui. Le aziende assumono lavoratori che spendono una parte del loro reddito in altre aziende, che a loro volta pagano gli stipendi dei loro dipendenti e di nuovo questi dipendenti spendono una parte del loro denaro in altre aziende. Quindi ancora e ancora. Questo processo richiede tempo, poiché i progetti non vengono approvati e pianificati dall’oggi al domani e questo progetto iniziale potrebbe non essere considerato particolarmente vantaggioso. Tuttavia, a nostro avviso, una volta che questo denaro entra nel settore privato, il suo flusso diventa più efficiente. Anche i tagli alle tasse possono essere uno stimolo. I lavoratori sono in grado di trattenere una parte maggiore del loro reddito e gran parte di esso ritorna all’economia (se speso).

Nell’ultimo anno, in Fisher Investments Spagna, abbiamo notato che un gran numero di analisti finanziari ha confuso i pacchetti di aiuti scatenati dalla crisi sanitaria con stimoli reali, esagerando così il potenziale impatto che potrebbe avere sulla crescita economica. Gran parte della spesa pubblica è arrivata sotto forma di salvataggi e indennità di disoccupazione, per sostituire il reddito persoMentre le società sono rimaste chiuse e non è apparso alcun nuovo ordine.

Ad esempio, gran parte dei 672,5 miliardi di euro del meccanismo di ripresa e resilienza dell’Unione europea è stata destinata a Rafforzare i conti pubblici degli Stati membri attraverso sovvenzioni e prestiti io. Gran parte di questo importo finanzia i programmi di aiuto economico adottati da ciascun paese del blocco. Inoltre, il meccanismo di rimborso distribuisce questa fonte di finanziamento su un periodo di tre anni, limitando l’impatto che può avere a breve termine. A nostro avviso, provare a indovinare se l’economia continuerà a mostrare una domanda inferiore nel 2023 e oltre sarebbe un’ipotesi. L’anno scorso, il Regno Unito ha speso quasi 140 miliardi di sterline per sostenere i lavoratori e le imprese colpite dai blocchi Secondo. Questi programmi erano una scialuppa di salvataggio per mantenere a galla la società e le imprese e, a nostro avviso, una misura importante e importante. Tuttavia, questi non sono catalizzatori per la ripresa economica.

READ  Tessera sanitaria: un dibattito che cresce in Europa e si allarga nel mondo - Tellam

La buona notizia è che mentre esperti finanziari e politici discutono le specifiche di questi piani di spesa, Crediamo che le economie e i mercati non abbiano bisogno di stimoli per riprendersi. Pensa alla crisi del debito che ha afflitto la zona euro un decennio fa, quando molti paesi hanno tagliato la spesa e aumentato le tasse, che è stato l’opposto dello stimolo. La spesa pubblica nell’area dell’euro è diminuita dello 0,3% nel 2012 Terzo. I tagli in alcuni paesi sono stati molto più gravi: la Spagna ha tagliato la spesa pubblica del -4,2% nel 2012 e di un altro -2,1% nel 2013. Quarto L’Italia l’ha ammorbidita del -1,1% e dell’1,8% in quei due anni, rispettivamente Quinto. Nonostante tutto ciò, la recessione dell’intera zona euro si è conclusa nel secondo trimestre del 2013. noi. L’economia italiana è stata rivitalizzata nelle stesse date, mentre la crescita spagnola è ripresa dal quarto trimestre del 2013Settimo Per quanto riguarda i mercati, le azioni dell’area dell’euro nel complesso sono aumentate nel giugno 2012, con le azioni italiane e spagnole in calo nel luglio dello stesso anno (queste cifre sono state espresse in euro per evitare l’effetto delle fluttuazioni valutarie) Viii.

Al momento, lo stimolo stesso potrebbe essere vantaggioso se attuato, ma, a nostro avviso, non è necessario per una ripresa economica. Crediamo, soprattutto, che una piena ripresa dipenda dalla piena riapertura delle economie una volta che il COVID-19 sarà affrontato su larga scala. Abbiamo l’ultimo esempio di quando le economie hanno revocato le restrizioni l’estate scorsa, quando la crescita è aumentata drasticamente. Il PIL dell’Eurozona è rimbalzato del 12,4% nel terzo trimestre. Il nono La crescita nel Regno Unito è stata migliore del 16,0%. X. Ma quando sono state imposte nuove restrizioni alla fine del 2020, la crescita è rallentata. Il PIL dell’Eurozona si è contratto del -0,7% nel quarto trimestre undicesimo. Nel Regno Unito, la crescita è rallentata nel quarto trimestre all’1,0%. dodicesimo. Ma poi, a dicembre (allentando le restrizioni alle ferie), il PIL è cresciuto dell’1,2%, invertendo il calo del -2,3% di novembre grazie alla forte crescita del settore dei servizi. Tredicesimo. Riteniamo che questo aumento indichi la velocità con cui può progredire la ripresa economicaQuando le autorità revocano le ultime restrizioni.

READ  Sabato 22 maggio 2021 (18.00 GMT)

Quando si tratta di investitori, pensiamo che tutto ciò significhi che non devi preoccuparti delle specificità dei programmi di spesa nei diversi paesi. A nostro avviso, la ripresa si manifesterà con la vaccinazione dei vaccini e la riapertura delle economie. Una volta che ciò accadrà, gli sforzi di spesa di alcuni governi potrebbero accelerare l’economia, ma non pensiamo che possano portare a una ripresa da soli.


Fisher Investments Spain è il marchio utilizzato dalla filiale spagnola di Fisher Investments Ireland Limited (“Fisher Investments Spain”). Fisher Investments España è registrata presso la sede legale in calle Junta de Castilla y León, 8, 28660 Boadilla del Monte (Madrid) con NIF W0074497I, registrata presso il Registro del commercio di Madrid, nel volume 39501, foglio 110, registrazione 1, pagina M- 701327, e nel registro delle società di servizi di investimento dell’Autorità nazionale per il mercato dei valori mobiliari nello Spazio economico europeo con una filiale in Spagna, numero 126.

Questo documento contiene l’opinione pubblica di Fisher Investments Spain e Fisher Investments Europe e non deve essere visto come un servizio di consulenza personalizzato in materia di investimenti o tasse, né riflette la redditività dei suoi clienti. Non vi è alcuna garanzia che Fisher Investments Spain o Fisher Investments Europe continueranno ad adottare queste opinioni, che possono cambiare in qualsiasi momento sulla base di nuovi dati, analisi o considerazioni. Le informazioni fornite qui non intendono essere una raccomandazione o una previsione delle condizioni di mercato. Piuttosto, ha lo scopo di chiarire le questioni discusse. I mercati attuali e futuri possono differire sostanzialmente da quelli illustrati in questo documento. L’accuratezza di qualsiasi ipotesi utilizzata negli esempi in questo documento non è garantita. Investire nei mercati finanziari comporta il rischio di perdite e non vi è alcuna garanzia che tutto o parte del capitale investito verrà rimborsato. La performance passata non garantisce né indica risultati futuri in modo affidabile. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati finanziari globali e dei tassi di cambio internazionali.

Fonte: Consiglio europeo dell’11/2/2021.

II “Coronavirus: quanto costerà il Regno Unito e come lo pagheremo?” Ben King, BBC News, 25/11/2020.

Terzo, fonte: FactSet, a partire dal 2/11/2021. Crescita della spesa pubblica pubblica nell’area dell’euro, 2011-2012.

IV Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita della spesa pubblica pubblica in Spagna, 2011-2012 e 2012-2013.

V Fonte: FactSet, a partire dal 2/11/2021. Crescita annuale della spesa pubblica pubblica in Italia dal 31/12/2011 al 31/12/2013.

VI Fuente: Centro di ricerca sulla politica economica, 11/2/2021.

Settimo, Fonte: FactSet, a partire dal 2/11/2021. Crescita trimestrale del PIL reale per Italia e Spagna dal 31/12/2012 al 31/12/2013.

VIII Fonte: FactSet, al 16/02/2021. Dichiarazione basata sui rendimenti degli indici MSCI EMU, FTSE MIB e IBEX 35 con reinvestimento dell’utile netto, valori espressi in Euro, dal / 12/2011 al 31/12/2013. Introduzione in EUR per evitare l’effetto delle fluttuazioni tra le valute. Le fluttuazioni tra il dollaro e l’euro possono influenzare la performance di un investimento al rialzo o al ribasso.

IX Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale nell’area dell’euro dal 30/06/2020 al 30/09/2020.

X Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale nel Regno Unito, dal 30/06/2020 al 30/09/2020.

Undicesima fonte: FactSet, a partire dal 2/11/2021. Crescita del PIL reale nell’area dell’euro dal 30/9/2020 al 31/12/2020.

Dodicesima fonte: FactSet, a partire dal 2/11/2021. Crescita del PIL reale nel Regno Unito, dal 30/09/2020 al 31/12/2020.

XIII Fonte: United Kingdom Office for National Statistics, al 16/02/2021. Stime mensili del PIL per novembre e dicembre 2020.