Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il carico fiscale in Spagna ha raggiunto livelli storici elevati nel 2022, secondo IEE | Economia

capo della Istituto per gli studi economici (IEE)La Spagna, senza contare l’economia sommersa, ha superato di quattro decimi il carico fiscale europeo e si attesta al massimo storico del 42,1% del PIL, ha affermato questo martedì Íñigo Fernández de Mesa presentando il rapporto “Competitività fiscale 2022”. “Lo stress fiscale, cioè lo stress fiscale normalizzato sulla base del reddito, da parte sua, è già del 53% superiore alla media Ue”, ha avvertito il capo dell’Istituto di elettricità e Internet.

Il rapporto comprende l’indice di competitività finanziaria elaborato dal ministero delle Finanze Fondazione fiscale. In questo indicatore, la Spagna è tra i cinque paesi con la peggiore competitività finanziaria nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Nonostante la sua pessima posizione, l’unico dipartimento in cui la Spagna fallisce è quello delle tasse patrimoniali, con un punteggio di 3,6 su 10; Nel dipartimento che spicca di più sono le imposte sui redditi esteri, con un’aliquota del 7,9. Francia, Italia e Portogallo sono gli ultimi classifica generale.

Imposte societarie e patrimoniali

Il direttore generale dell’Iee, Gregorio Izquierdo, ha confermato di essere “preoccupato” per il deterioramento della situazione dell’indice dello sforzo fiscale, in particolare dei dati fiscali sulle società e della ricchezza: “Le aziende si vedono in una posizione competitiva debole rispetto ai Paesi vicini” . Izquierdo ha concluso: “È un po’ deludente che dal 2019 finora stiamo cadendo nella coda. L’anno prossimo andremo anche peggio”.

Come sottolineato dall’IEE, la proporzione di un gruppo In Spagna proviene da imprese superiori alla media europea, con il contributo complessivo delle imprese rispetto al totale pari al 32,5%, mentre la media dell’Eurozona è del 23,9%.

READ  Ospitalità: non arrivano i numeri dei guariti

Da parte sua, nelle imposte sul patrimonio la Spagna è peggiore del 40,8% rispetto all’UE e del 38% meno competitiva rispetto alla media OCSE. “In effetti, il nostro Paese rappresenta la tassazione patrimoniale più onerosa nell’OCSE, dopo solo l’Italia”, osserva il rapporto.

In termini di imposta sul reddito delle persone fisiche, è dell’8,8% superiore alla media UE e del 7,6% superiore alla media OCSE. Inoltre, l’IEE rileva che l’effetto combinato con i contributi previdenziali eleva il cuneo fiscale al 40%.

Nuovi privilegi

De Mesa ha osservato che la competitività dei paesi è “basata non solo sul buon lavoro delle loro aziende, ma anche sull’ambiente economico e normativo”, ha sottolineato. La fondazione avverte che la pressione fiscale aumenterà nel 2023 e sottolinea che con le tasse di nuova creazione, come le grandi tasse sul patrimonio, sono “tornate”, perché “generano grandi distorsioni e poco prelievo”, come ha criticato de Mesa.

Hanno sottolineato dall’istituto che a causa della creazione di queste nuove tasse nel 2023 “è possibile che avremo la peggiore situazione nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico”, sebbene abbiano chiarito che le nuove tasse su Banche ed energia“Poiché non si chiama tassa”, potrebbe non riflettersi nella pressione finanziaria del prossimo anno e ciò farà sì che la prossima relazione non rispecchi pienamente il quadro fiscale.