Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna presenta mercoledì il suo piano di ripresa alla Commissione europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2021-19: 03

Bruxelles, 27 aprile (EFE). La Spagna presenterà mercoledì il suo piano di ripresa economica dopo la pandemia di Coronavirus alla Commissione europea, insieme a Germania, Francia e Italia.

Il ministro spagnolo dell’Economia, Nadia Calvino, farà una dichiarazione alla stampa alle 08:00 ora locale a Bruxelles (06:00 GMT) insieme ai suoi omologhi dalla Germania, Olaf Schulz, Italia, Daniel Franco e Francia, secondo il diplomatico francese in una dichiarazione rilasciata. A Bruxelles.

Da quel momento in poi, la Commissione europea avrà due mesi per valutare il piano e, se lo approverà, gli Stati membri avranno altre quattro settimane per analizzarlo e dare l’approvazione a maggioranza qualificata.

Una volta completata questa procedura, la Spagna firmerà un accordo di finanziamento con Bruxelles e avrà diritto ad un anticipo del 13% degli stanziamenti delle sovvenzioni (poco più di 9.000 milioni di euro, secondo le stime della Commissione europea) su un totale di oltre 140.000 milioni. Euro da ricevere dalla Spagna (77.324 milioni di contributi non rimborsabili e 63.122 milioni di prestiti)

Secondo il regolamento del fondo, il direttore esecutivo della comunità dovrà esaminare se le riforme e gli investimenti del piano spagnolo sono rilevanti, efficaci, efficaci e coerenti e assegnerà un voto da A (migliore) a C (peggiore).

Per “avere successo” i piani possono non contenere prerequisiti e devono conseguire un voto A in almeno sette degli undici criteri complessivamente valutati e obbligatori, in quelli relativi alla trasformazione ambientale e digitale, rispetto di raccomandazioni specifiche, promozione della crescita e creazione di posti di lavoro.

In pratica, il ramo esecutivo della società conosce già “in dettaglio” il contenuto del piano dopo oltre 70 incontri con il governo spagnolo da ottobre, come ha spiegato la scorsa settimana il vicepresidente e ministro del Lavoro, Yolanda Diaz.

READ  L'azienda familiare rifiuta aumenti fiscali che minacciano la redditività aziendale Aziende

L’obiettivo dei precedenti negoziati con i governi era specificamente quello di aprire la strada all’adozione dei piani il prima possibile, ma le fonti dell’UNHCR escludono la possibilità di condurre una valutazione “robusta” di questa grande mole di dati in meno di due. Mesi come richiesto dalla Spagna e da altri paesi.

L’esecutivo comunitario prevede di fornire i primi aiuti a luglio, ma per questo tutti i paesi devono prima ratificare una normativa che consentirà alla Commissione di emettere 800 miliardi di euro di debito per finanziarlo, otto che non lo hanno ancora fatto.

Se lo fanno prima della fine di maggio, la commissione potrebbe iniziare a emettere all’inizio di giugno.

Indipendentemente dall’importo fornito, l’aiuto verrà erogato due volte l’anno se i paesi dimostreranno di aver raggiunto gli obiettivi e il calendario concordati con Bruxelles.

La Commissione non esclude che i paesi ricevano un secondo pagamento quest’anno e la Spagna spera di riceverlo perché ha già raggiunto alcuni degli obiettivi del piano, come recentemente indicato dal vicepresidente e ministro dell’economia Nadia. Calvino.

Questa seconda rata andrà a completare i 27.000 milioni di euro che la Spagna ha stanziato nel 2021 per attuare il piano, e mentre arriva il denaro europeo, lo riceverà tramite debito.

Ogni pagamento, oltre ad essere approvato dal ramo esecutivo della comunità, deve essere approvato dagli Stati membri.

lpc-jaf / cat / jla / ie

(Per ulteriori informazioni sull’Unione europea su euroefe.euractiv.es)

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte del contenuto dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.