Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eutanasia bilaterale: un ex primo ministro e sua moglie hanno scelto questa pratica e sono morti tenendosi per mano

Eutanasia bilaterale: un ex primo ministro e sua moglie hanno scelto questa pratica e sono morti tenendosi per mano

Dries van Agt, ex primo ministro olandeseE Sua moglie è Eugenie van Agt Krekelberg Sono loro gli eroi della storia di cui tutta l’Europa parla in questo momento. Sposato da oltre 70 anniEntrambi hanno deciso di ricorrervi “Eutanasia bilaterale” Muore tenendo le loro mani. Sono stati recentemente completati 93 anni Era vecchio e le sue condizioni di salute stavano peggiorando notevolmente.

Finalmente è arrivata la notizia della sua morte 5 febbraioha dichiarato Un'organizzazione per i diritti umani fondata da Agt, Rights Forum.

“È morto accanto alla sua amata moglie Eugenie van Agt Krekelberg, che lo ha sostenuto per oltre settant’anni e che lui ha sempre chiamato come “mia ragazza”“, si legge in un comunicato dell'organizzazione.

La doppia eutanasia è stata scelta da Dries, che… Ha governato dal 1977 al 1982Egli è Legale nei Paesi Bassi Si è tenuto a Nijmegen, città natale di Agt.

Salute pessima

Nel 2019, mentre teneva un discorso a una cerimonia di commemorazione della Palestina, Driss è stato coinvolto in un incidente Un'emorragia cerebrale dalla quale non è riuscito a riprendersi completamente. La sua salute peggiorò gravemente, così come quella di Eugenie.

Dries van Agt, ex primo ministro olandese e sua moglie
Eugénie van Agt Krekelberg.

Il direttore del Rights Forum ha parlato della decisione di matrimonio a Radio NOS, la quale ha riferito che nei Paesi Bassi l'eutanasia bilaterale (due persone che ricevono un'iniezione letale contemporaneamente) è ancora relativamente rara nel paese, anche se a poco a poco sta guadagnando terreno. popolarità.

Nel 2022, 29 coppie hanno scelto l’eutanasia bilaterale, mentre nel 2021, 16, e nel 2020, 13.

READ  Scaloni, pilota della tempesta | Pagina 12

Dries Van Agt, il progressista che voleva deferire Netanyahu alla Corte penale internazionale

L'attuale primo ministro dei Paesi Bassi era Dries van Avgt, che ha ricoperto la carica tra il 1977 e il 1982.

Sapeva guidare Partito conservatore “Advocacy cristiano-democratico” (CDA) Poi lavorerà nel corpo diplomatico della Comunità economica europea. E lo era anche lui Presidente del Consiglio europeo Proprio prima del mandato di Margaret Thatcher.

Oltre ad essere un politico, Agt è stato avvocato, professore, diplomatico ed ex ministro della Giustizia tra il 1971 e il 1977. Si ritirò dalla politica all'età di 64 anni per dedicarsi all'insegnamento come visiting professor.

I suoi ultimi anni furono dedicati alla difesa La questione palestinese/israeliana. La sua fondazione, attiva dal 2009, è stata creata per promuovere “una politica olandese ed europea giusta e sostenibile” riguardo al conflitto.

La sua posizione fu sempre a favore della PalestinaTanto che ne parlava nelle sue prediche “Occupazione israeliana” In quanto crimine di guerra, si ritiene che l'attuale primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, avrebbe dovuto essere inviato alla Corte penale internazionale.

Secco ed eugenico Avevano tre figli e sette nipoti, Tra loro c'è la ciclista professionista Eva van Agt.

Lui Il primo ministro olandese Mark RutteDris ha elogiato quando si è ricordato dopo aver sentito la notizia.

“Con il suo linguaggio elegante e unico, le sue convinzioni chiare e la sua straordinaria presentazione, Dries van Agt ha dato colore e sostanza alla politica olandese in un momento di polarizzazione e rinnovamento partigiano”, ha affermato in una nota.

Per questa parte, Anche la famiglia reale olandese lo ha elogiato. “Ha assunto la responsabilità manageriale durante un periodo turbolento ed è riuscito a ispirare molti con la sua straordinaria personalità e il suo stile colorato”, hanno detto. Il re Guglielmo Alessandro, la regina Máxima e la principessa Beatrice In una dichiarazione congiunta.

READ  Il tasso di infezioni da COVID in Germania ha raggiunto un nuovo record