Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È l’economia | la verità

Il rallentamento è evidente e si sta diffondendo il timore di una recessione in gran parte dell’Eurozona. Il vicepresidente Calvino rifiuta questa possibilità in Spagna. Tuttavia, la percezione generale è che le economie locali non si riprenderanno prima del 2024. Questo sarà un fattore importante nelle prossime elezioni.

Alberto Aguirre de Carcer

Ho letto lo scorso agosto che quando si ordina in un ristorante è bene tenere conto di un vecchio principio economico, il principio dell’utilità marginale decrescente. Dimostra che il consumo di un bene fornisce meno benefici aggiuntivi quanto più viene consumato. In altre parole, è preferibile, se possibile, ordinare più piatti in piccole quantità o direttamente le tapas. E nessun sorso di birra è migliore del primo piacere culinario o più di quello che si produce assaggiando per la prima volta un piatto. Da lì la soddisfazione può continuare, ma è sempre in diminuzione. Percependo le difficoltà che li attendono questo autunno, molti mori, come il resto dei bar e ristoranti spagnoli affollati durante l’estate, hanno scaricato molti dei risparmi degli anni del Covid. Sarebbero stati di più se non fosse stato per il fatto che l’inflazione è ancora dilagante, con l’elettricità a livelli record, il carburante contenuto poco ad agosto e molto cibo a prezzi altissimi, così come i prezzi di molte materie prime e generi alimentari. Servizi. L’economia non è fuori di testa. Nemmeno all’ora dei pasti. In misura maggiore o minore, ha avuto un impatto in quasi tutti i bilanci familiari.

A queste eccessive battute d’arresto si aggiunge un aumento dei prezzi monetari, che incide sul costo dei mutui, e nel contempo un progressivo deterioramento del mercato del lavoro. Nessuno discute più di rallentamento. Nemmeno il governo di Pedro Sanchez. Il dibattito verte sul fatto se cadremo anche in una recessione, come previsto in gran parte dei paesi dell’eurozona, e quanto durerà questo profondo pozzo di recessione economica.

READ  I prezzi dell'elettricità sono aumentati del 2% e sono sei volte superiori rispetto a un anno fa

L’Europa è stata trascinata in questa crisi esacerbata dalla guerra in Ucraina da una posizione relativamente forte, in particolare per quanto riguarda l’occupazione. Ma il controllo dei principali indicatori ha cominciato a perdere il controllo dopo la decisione dell’Unione Europea di eliminare gradualmente il gas russo, che ha provocato forti tensioni nel settore, già colpito dal rallentamento della domanda internazionale. Inoltre, è molto probabile che nel meeting di politica monetaria della Banca Centrale Europea, previsto per il prossimo 8 settembre, si deciderà di aumentare nuovamente i tassi di interesse. Sommando quanto sopra all’effetto dell’inflazione e dell’aumento incontrollabile dei prezzi dell’energia, tutto fa presagire una significativa diminuzione dei consumi tra gli europei. È possibile che la Germania, più colpita dalle conseguenze della crisi energetica con la Russia, entri in recessione. E se lo fa la locomotiva europea, allora altri paesi, come l’Italia, seguiranno l’esempio. In un’intervista a LA VERDAD che pubblichiamo oggi, la vicepresidente degli Affari economici Nadia Calvino ha respinto la possibilità che la Spagna entri in recessione. Rimane fiducioso nel raggiungimento degli obiettivi di crescita del PIL (circa il 4% quest’anno e il 2% nel 2023). Sarà però difficile che le tasche dei cittadini si riprendano prima del 2024. Il fatto che il presidente abbia optato per un provvedimento precedentemente richiesto dal PP per alleviare il soffocamento delle famiglie (riducendo al 5 l’IVA sul gas) mostra che non ci sono indicazioni che la tendenza inflazionistica si calmerà nel breve termine. Per di più, se le raccomandazioni di Calvino, che chiedono la moderazione dei salari e delle prestazioni di lavoro nel patto di reddito tra sindacati e datori di lavoro, non vengono rispettate.

READ  Viste prima delle prossime elezioni da qui a fine anno

La politica economica dell’esecutivo Sánchez combina i successi e gli errori di una serie di misure che La Moncloa impone più volte per decreto alle società indipendenti, un estremismo che alcuni giustamente condannano mentre altri colgono l’occasione per portare avanti l’opposizione politica, come abbiamo visto . Recentemente nel caso del piano di risparmio energetico. Con gli eccessi dell’uno e dell’altro, alla fine, viene minata solo la governance congiunta, che riduce l’efficacia delle politiche pubbliche e mina la fiducia dei cittadini nei loro rappresentanti in questi momenti delicati. Il governo Meraas, non senza ragione, protesta contro questa strana forma di cooperazione con l’esecutivo centrale, soprattutto quando il finanziamento è peggiore, ma non può ottenere molti soldi se la gestione dei fondi europei ricevuti è soggetta a scrutinio, che è completamente opaco da il governo. strada. Il vicepresidente Calvino ha fatto schifo a Murcia ricordando che il 35% degli oltre 500 milioni ricevuti dalla comunità deve ancora essere elaborato. Gli aiuti sono tanti incastrati nel labirinto burocratico della società e non arrivano al cittadino. Nelle circostanze attuali non ha un permesso.

L’economia rappresenterà la lunga campagna in vista delle elezioni regionali e comunali, la battaglia in vista di un’elezione generale che non sembra molto buona per Pedro Sánchez, se le tendenze demografiche sono unite. Il risultato finale dipenderà in gran parte da come verranno gestiti i forti venti economici che soffiano in tutta Europa in autunno e in inverno. Inizia un nuovo ciclo, che non sarà facile per la regione di Murcia. Te lo diremo subito.