Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La più grande storia di sempre.

Oggi Lancia è un marchio costretto all’oblio. Con un solo modello in catalogo, il Ypsilon (utilizza la base Fiat Panda) e un mercato di vendita (Italia). attuale marchio del gruppo stellanti Sembra che sia stata giudicata colpevole e condannata. Ma questo marchio è abituato a riemergere, è abituato a reinventarsi e quindi sorprendere il mondo facendo un passo avanti.

Ora sembra che tu voglia utilizzare la piattaforma con cui stai condividendo Alfa Romeo e DS della gamma Stellantis prendere in considerazione il ritorno sul mercato europeo nel 2024 con una gamma di veicoli premium.

Questo piccolo marchio sembra avere i geni per la grandezza e il desiderio di combattere i giganti! Se analizziamo brevemente la sua storia, possiamo notare un evento che lo illustra.

Il produttore con il maggior numero di titoli al mondo Il Campionato Mondiale Rally è LANCIA. Nel palmo della sua mano non tiene niente di meno che 10 titoli mondiali. Tutto questo è stato ottenuto con fatica e contro i migliori, ma c’è un titolo nelle sue interfacce che contiene un’energia speciale, e ha una sua aura, e se capiamo come è stato raggiunto e chi ha combattuto contro di esso, allora non c’è altro scelta ma dare questo titolo: La più grande storia di sempre.

Era il 1977 e Audi Stava sviluppando un SUV per l’esercito tedesco. Si chiedevano se questo sistema di trazione integrale potesse essere utilizzato in una normale auto familiare. Nel cuore della notte, hanno iniziato a effettuare test in una remota miniera in Germania, dove il sistema di trazione integrale doveva sfruttare tutto il suo potenziale. Hanno visto rapidamente i vantaggi del sistema Superfici bagnate, fango, ghiaia e scarsa aderenza. A quel tempo, pensarono di sviluppare il loro primo veicolo da rally a trazione integrale.

Lo statuto della FIA del 1979 che regolava il Campionato del Mondo Rally proibiva l’uso della trazione integrale, ma l’Audi poté chiedere che tale regola fosse rimossa, aprendo così la strada alla nascita della bestia nel 1982. Da Monsters of the World Rally: Audi quattro. Nello stesso anno vengono dichiarati campioni del mondo, dimostrando al mondo che per vincere nei rally ci vuole la trazione integrale… giusto?

READ  La Commissione europea ha già 17 piani di ripresa dopo averli ricevuti dalla Croazia e dalla Lituania

Chi osa sfidare questo gigante con questa tecnologia? Lancia 037!

Nella scuderia tedesca, ben organizzata, con una vettura campione del mondo, trazione integrale e un grosso budget, i piloti si sono schierati Hannu Mikkola e Stig Blomqvist E i francesi Michel Mouton. Alla Lancia avevano un’auto da sviluppare, trazione posteriore e un budget limitato. I volantini lo erano Marco Allen E ai grandi Walter Röhrl, quest’ultimo non aveva intenzione di gestire tutti gli eventi di Coppa del Mondo e non voleva essere il campione del mondo! Walter Röhrl voleva vivere una vita normale e non essere perseguitato dalla stampa. Che scena…

Secondo un regolamento, qualsiasi fabbrica deve produrre 400 unità Nella versione stradale della vettura che gareggia nel mondiale rally. Lancia non aveva né il tempo né il budget per produrre molte unità e hanno escogitato un piano. Hanno fatto 200 unità Parcheggiavano spesso le loro macchine alla periferia della città. Con il pretesto di non avere abbastanza spazio, gli steward della FIA saranno informati che le restanti 200 vetture erano altrove nell’altra parte della città, ma è ora di mangiare… Gli steward sono stati invitati a una sontuosa festa. Festa che un esercito di conducenti ha avuto il tempo di spostare 200 veicoli. I delegati sono stati quindi spostati nella nuova sede per terminare il conteggio.

Il primo test per Il 1983 è stato il Mondiale di Montecarlo. Le condizioni stradali erano molto difficili, con l’accumulo di ghiaccio che rendeva i tratti molto difficili per la Lancia 037 a trazione posteriore. Ma Lancia non si arrende. Un gruppo di meccanici ha sequestrato tutti i sacchi di sale che potevano comprare. La Salle si è posizionato nelle curve più difficili in modo che il ghiaccio si schiarisse quando la sua macchina ha attraversato quella sezione, ma non è arrivato lì. Il capo squadra ha parlato con i direttori della manutenzione stradale francese e ha espresso preoccupazione per la sicurezza di spettatori e piloti. In risposta, erano responsabili della cancellazione di tutte le sezioni in attesa di essere eseguite. quasi nulla!

READ  Draghi chiude con un "cashback"

Sfruttando una scappatoia regolamentare, al termine delle zone ghiacciate, a metà tappa e prima di entrare nelle zone sterrate o sull’asfalto, il team ha atteso il cambio delle gomme a bordo strada. Non ha detto nulla che si potesse fare, ma nemmeno lei ha detto che non si poteva fare. Proprio nessuno ci ha pensato.

La Lancia è arrivata 1a e 2a nello scivoloso Rally di Monte Carlo con un’auto a trazione posteriore.

il piscina svezia Era la prossima volta in calendario, ma la quantità di neve era tale che Lancia decise di non partecipare. Audi ha conquistato i primi due posti nel rally e ha ripetuto il risultato nei due eventi successivi, e raduno del portogallo e il Raduno safari.

Ma alla fine è uscito un file Raduno di Corsica, tratti di asfalto asciutto. Tutti si aspettavano che la Lancia recuperasse parte dei vantaggi perduti, ma non si aspettavano mai questo risultato. Invece di condividere le solite due macchine, Hanno portato 4 auto all’evento. Con questo speravano di essere i primi 4 e di essere la prima Audi a ottenere un 5 ° posto, ma l’Audi ha avuto problemi meccanici e non sono stati in grado di obbedire. Lancia era di nuovo in testa alla Coppa del Mondo.

il Raduno dell’Acropoli In Grecia era così. Un evento impegnativo che metterà le macchine al limite. C’erano da aspettarsi molti guasti e problemi meccanici, ma sorprendentemente erano tutti Audi. Walter Röhrl ha vinto il rally.

eventi Nuova Zelanda e Argentinacon due società in lizza per il comando.

il Raduno di Finlandia Sperava di contribuire con il suo granello di sabbia a questo grande torneo. Distese di terra con incredibili cascate tra le fitte foreste. La Lancia aveva un problema e Walter Röhrl non voleva mettersi in gioco. Ha detto che se avesse voluto volare sarebbe stato un pilota di aeroplani, riferendosi agli incredibili salti che hanno avuto luogo in questo rally. Audi ha vinto facilmente.

READ  L'Unione Europea cerca un accordo definitivo sul gas cap, con scadenza lunedì

il Raduno sanremese In Italia era l’appuntamento preferito di Lancia, davanti ai suoi. Le strade sterrate hanno creato un ulteriore problema perché i pennacchi di polvere hanno impiegato molto tempo a dissiparsi e hanno reso difficile per i piloti vederli. La Lancia ha installato delle enormi spazzole su un camion con l’intenzione di “spazzare” le sezioni e rimuovere lo sporco, ma non ha funzionato. Invece, un minuto dopo la partenza dell’Audi, la Lancia è rimasta all’uscita immobile quando era ancora presente il pennacchio di polvere, lamentando un problema alla cintura di sicurezza. Il problema che hanno impiegato per risolvere abbastanza a lungo per migliorare la visibilità. I commissari si resero presto conto dello stratagemma e non lo permisero. La Lancia aveva una sola arma per vincere la corsa Il meraviglioso Walter Rohrl… Dice che è stata la gara più bella della sua vita, la macchina apparteneva alla sua mente, scorreva senza sosta, come un sogno, nessuno poteva batterlo nella sua macchina Lancia 037

Walter Röhrl ha vinto 33 delle 58 tappe del rally. Lancia è arrivata prima, seconda e terza. Con questi punti e con due Prove ancora da giocare ha potuto farsi conoscere Campione del Mondo Rally nel 1983 contro Audi Quattro.

Questa sarebbe stata l’ultima volta che un’auto a trazione posteriore ha vinto il Campionato del mondo di rally, ma che macchina!

Se hai letto questo articolo fino alla fine, è perché ti è piaciuta la storia che raccontava. Ora vi propongo un esercizio interessante: andate all’inizio del testo e leggete il primo paragrafo. Spero che la cara Lancia sia il piccolo marchio coraggioso che ha tenuto testa ai giganti.