Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dollaro: perché il governo pensa che non ci sarà alcun salto nel tasso di cambio ufficiale dopo le elezioni?

Nonostante le pressioni sui tassi di cambio, il team economico ritiene che i “titoli difensivi” impediranno la svalutazione nei prossimi mesi. EFE / Fabian Matiazzi

Mentre il dollaro blu limita 200 pesos e il contante con regolamento supera i 217 dollari, Il governo afferma che il quadro difensivo che sostiene attraverso la borsa impedirà un salto nella svalutazione della valuta dopo le elezioniCon un divario di cambio del 100% tra il dollaro all’ingrosso gestito dalla banca centrale e la valuta parallela negoziata in città.

Le pressioni sui tassi di cambio sono iniziate diverse settimane prima delle primarie, il che non sorprende l’impreparato team economico. Da un desk ufficiale, hanno insistito sul fatto che le dinamiche di aumento della domanda di dollari – che sotto un rigido cambio per gli acquisti dai risparmiatori – erano prevedibili nel contesto dell’incertezza politica dovuta all’approssimarsi della data delle elezioni. Anche il ministero dell’Economia riconosce che le elezioni del 14 novembre aggiungono ulteriore pepe a un contesto già complesso.

Dopo il suo tour in Italia, ha tenuto vari incontri nel tentativo di aprire trattative con il Fondo Monetario Internazionale e il Ministro dell’Economia Martin Guzman Tornerà a Buenos Aires per sovrintendere alla prossima operazione che sarà effettuata dal Ministero delle Finanze sul mercato locale per raccogliere più pesos tra gli investitori istituzionali, ma anche in quella Il compito di liquidare parte delle alte scadenze accumulate questo mese per uno dei bond agganciati al dollaro. Rilasciato da Palacio de Hacienda.

Al ministero dell’Economia, ammettono che le elezioni aggiungono più pepe a un contesto già complesso, ma sottolineano che il quadro difensivo delle borse impedirà un salto di svalutazione post-elettorale.

In questo senso, il dipartimento finanziario di giovedì cercherà uno scambio anticipato Decomprimi 270.000 milioni di dollari che dovrebbero essere pagati entro la fine di novembre. A tal fine, metterà sul tavolo degli investitori due opzioni: che scelgano di detenere altre due obbligazioni ancorate al dollaro con una scadenza più lunga (una con scadenza nel 2022 e l’altra nel 2023) e una seconda alternativa a tasso fisso al peso con una sicurezza più breve. È un’opzione che emerge spesso come una delle preferite dai fondi comuni di investimento in tempi di incertezza.

READ  Una madre e una figlia colombiane sono morte nel deserto dopo aver tentato di attraversare il confine con gli Stati Uniti

Non meno importante è il processo che il Ministero dell’Economia cerca di attuare con le obbligazioni legato al dollaro, opzione ricomparsa nel menù ufficiale prima del mercato rionale di fine luglio. Per definizione, le obbligazioni legate al dollaro sono una copertura contro i movimenti dei tassi di cambio, ma Ciò non significa che l’investitore si converta in valuta estera, dove il diritto di proprietà comune è sempre acquistato e riscosso in pesos.

Guzmán e Bessie escludono la svalutazione dopo le elezioni del 14 novembre
Guzmán e Bessie escludono la svalutazione dopo le elezioni del 14 novembre

Dopo la gara fissata giovedì, il governo Si affidano a una rete di sistemi che implicano l’attuale tasso di cambio e restrizioni all’importazione per garantire che non vi siano movimenti improvvisi del tasso di cambio dopo le elezioni del 14 novembre.. Nella squadra economica, riconoscono che si tratta di misure “difensive” progettate più per affrontare una situazione difficile che un quadro normativo che può essere esteso nel tempo.

Nei giorni scorsi la Banca Centrale ha deciso di allentare parte degli ostacoli agli acquisti all’estero che aveva deciso a inizio mese, dopo le denunce di vari settori, e dopo incontri diretti tra autorità dell’entità monetaria e uomini d’affari. articoli diversi. In questo senso, BBK ha aperto leggermente il beccuccio del dollaro al tasso di importazione ufficiale Anche se restano dei limiti.

Il Tesoro cercherà, attraverso uno scambio anticipato, di decomprimere i 270.000 milioni di dollari in pagamenti obbligazionari ancorati al dollaro che dovrebbero essere effettuati alla fine di novembre.

Quindi, il governo fa affidamento su una serie di elementi per garantire che non ci siano svalutazioni nei prossimi mesi. Da un lato, mantenere buoni rapporti con gli investitori esterni che hanno ancora equivalenti in valuta locale 7,5 miliardi di dollari USA E che cercano di lasciare la scena locale “tornando con Liqui”. Pertanto, i funzionari finanziari mantengono Contatto costante per evitare scramble e coordinare le operazioni di deposito del debito con le esigenze di quei fondi.

READ  Il governo prepara il decreto per consentire l'accesso ai vaccini Pfizer, Moderna e Janssen

Tenere a bada il tasso di cambio gestito dalla banca centrale è un’altra ascia che l’esecutivo sostiene nell’ambito delle misure difensive. Finora quest’anno, il grossista è aumentato solo del 17% – contro il 37% dell’inflazione – e rispetta il budget Dovresti sperimentare un periodo di aumento finale di quasi otto punti percentuali, poiché il Codice di leggi prevedeva una modifica del 25% per tutto il 2021.

Fonti ufficiali, invece, Affermano che il tasso di svalutazione del grossista dopo le elezioni non accelererà, nonostante vi sia un certo consenso nel mercato per una correzione del tasso di cambio. L’interferenza di BBK nel mercato dei cambi è un altro elemento che il partito al governo sta mettendo in discussione. Questa settimana, l’Autorità monetaria ha venduto circa 60 milioni di dollari delle sue riserve per contenere il prezzo della valuta.

Il divario di scambio appare all’interno delle preoccupazioni del team economico. In alcune lettere ufficiali si legge che l’aumento della domanda di valuta estera per le importazioni, ad esempio, è alla base dell’aspettativa di svalutazione che genera una distanza così elevata tra il cambio ufficiale e il cambio parallelo. Lo stesso Martin Guzman ha recentemente affermato che il governo sta osservando “con attenzione” il divario e “lavorando per ridurlo”.

Continuare a leggere: