Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolsonaro: Tra isolamento e scherno | Opinione

da Rio de Janeiro

Ho letto ovunque, oltre che in importanti testate straniere, che Il presidente di estrema destra Jair Bolsonaro è stato rimosso dalla scena mondialeE che questo fosse più che evidente nel suo passaggio a Roma durante l’incontro del cosiddetto G20, che riunisce le maggiori economie del mondo.

Bolsonaro è tornato in Brasile martedì scorso, ma in realtà era come se non avesse viaggiato.

A volte la notizia arriva con una leggera differenza: invece di dire “isolato”, ricorda che è stato “ignorato”.

Per quanto riguarda il Brasile, quello che Ernesto Araujo, sotto il ministro degli Esteri di Bolsonaro, chiedeva finalmente è stato raggiunto: trasformare il Paese in uno stato paria internazionale.

Beh, non c’è dubbio: diventiamo emarginati. Se fino a poco tempo fa eravamo mediatori importanti, soprattutto nelle politiche regionali e nei ponti costruiti sull’Africa, oggi non siamo nulla di clamoroso e di sovrano.

La politica estera brasiliana, riconosciuta e rispettata anche in tempi di dittatura militare (1964-1985), ne è sempre stata la base e sostiene la formazione superiore di coloro che sono formati da Itamarat, come chiamiamo il nostro Ministero degli Affari Esteri.

Dal primo mandato di Fernando Henrique Cardoso (1995-1998) il paese ha cominciato a guadagnare peso e spazio sulla scena internazionale. Alcuni progressi sono stati compiuti durante la sua seconda presidenza (1999-2002).

Già con Lula da Silva (2003-2010), la politica estera ha preso una scappatella solare. Il paese non è stato unificato in questo modo in tutto il mondo.

Se insieme a Dilma Rousseff (2011-2016) ha perso slancio, è principalmente dovuto al fatto che il presidente non ha avuto il carisma, l’intuizione politica e l’agilità di Lula per agire (la verità è che nessuno in Brasile ha tale caratteristiche).

READ  Hanno l'Alzheimer e questa sperimentazione clinica potrebbe essere la loro ultima speranza

Dopo il colpo di stato istituzionale che l’ha cacciata, lo stupratore Michel Temer ha sentito sulla sua pelle come veniva messo in secondo piano. Ma anche così, il Brasile ha mantenuto una parte essenziale del suo peso e della sua immagine.

Tuttavia, nulla – assolutamente nulla – può essere paragonato a ciò che vediamo oggi riguardo al Brasile e principalmente a Bolsonaro.

Le sue manifestazioni, i suoi interventi, quando si tratta di politica estera, oscillano tra lo strano e il patetico, quando non ripugnante, e sempre con conseguenze molto negative per gli interessi del Brasile.

Proprio ora, durante il suo inspiegabile tour in Italia, l’abbiamo visto Scene che nemmeno gli autori di fumetti più creativi possono immaginare. Nel caso in cui venga raggiunto, il regista lo taglia per esagerazione (vale la pena ripetere).

Bolsonaro parlando con il presidente della Turchia, per esempio. Il brasiliano, un po’ assurdo, mente all’infinito. Erdogan, dal volto serio, è come chi rifiuta di credere alle dimensioni della stupidità del suo interlocutore.

Oppure Bolsonaro prova a parlare con i camerieri al tavolo del ricevimento, lontano dagli altri capi. I camerieri lo guardano come se fosse una sneaker tra i cocktail destinati ai capi di stato e di governo, e forse lo è.

Le scene esilaranti di Bolsonaro che vaga per le strade di Roma come leader che partecipano alla riunione del G20 per importanti dialoghi e trattative smentiscono i commenti. La violenza della sua scorta contro i giornalisti riassume ciò che vorrebbe vedere in Brasile.

Conclusione: il Brasile non è mai stato visto, nemmeno nei momenti peggiori di una dittatura militare, in questo modo isolato sulla scena mondiale.

READ  Isole Canarie: la lava del vulcano Cumbre Vieja ha raggiunto il mare | Paura della possibilità che appaiano nuvole tossiche

Ma sarebbe sbagliato dire che Bolsonaro è stato isolato o ignorato sia alla riunione del G-20 a Roma che alle Nazioni Unite a Glasgow per affrontare l’emergenza climatica che ci minaccia tutti.

No, no: Bolsonaro è stato letteralmente disprezzato. E quando non lo guardava con disprezzo, si rendeva ridicolo.

Quello che nessuno sa è come sarà ricostruire l’immagine della nazione sulla scena mondiale quando questo mostro lascerà finalmente la presidenza e andrà in tribunale.