Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Debito con il FMI e pressioni fiscali: chi pagherà l’adeguamento?

Il presidente Alberto Fernandez e l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva

L’accordo con il FMI avrà una durata di 10 anni. Il pagamento del capitale inizierà nel 2026 ma con gli interessi pagati ogni sei mesi. Ciò sarà raggiunto fintanto che l’economia sarà sulla strada della responsabilità fiscale. Il punto principale dell’accordo è la questione del disavanzo di bilancio zero, in quanto si propone di raggiungere il pareggio nel 2025 (2,5% del PIL entro il 2022; 1,9% entro il 2023; 0,9% entro il 2024; 0% entro il 2025). Altri punti chiave sono colmare il divario di cambio, migliorare il livello delle riserve internazionali della Banca del Bahrain e della Croazia, ridurre i finanziamenti monetari, ridurre i sussidi energetici, affrontare l’inflazione e garantire tassi reali positivi per sostenere la finanza interna e rafforzare la stabilità.

Se non sarà possibile erogare o richiedere più finanziamenti, saranno le risorse fiscali a “pagare l’adeguamento della riorganizzazione finanziaria”. Per questo motivo è necessario conoscere la situazione fiscale attualmente presente nel nostro Paese. Per questo introdurremo il concetto di “pressione fiscale legale” (PTL, insieme teorico e suo rapporto con il PIL). L’Argentina ha un PTL del 46,80%. In altre parole, le tasse rappresentano oltre il 46% del reddito familiare annuo e la situazione è esacerbata quando si include l’imposta sull’inflazione, perché tassa le partecipazioni finanziarie, generando una pressione sul reddito di oltre il 47%. (Quando un governo di fronte a un deficit fiscale decide di non tagliare la spesa fiscale e di coprirla con le emissioni, il che mette pressione sui prezzi.)

L’opposizione, guidata da Together for Change, dice che accompagnerà l’accordo con il Fondo monetario internazionale al Congresso, ma a condizione che il settore privato non risenta di questo emendamento imponendo più tasse. In che modo le tasse influiscono oggi sulle PMI e sulle famiglie argentine?

Fonte: spiegazione speciale basata sui dati del rapporto IERAL
Fonte: spiegazione speciale basata sui dati del rapporto IERAL

Se confrontiamo la situazione del nostro Paese con quella del resto dei Paesi, vediamo che il Brasile ha un livello di pressione fiscale legale superiore al 50% (secondo la Fondazione Ieral del Mediterraneo), l’Italia al 48% e poi L’Argentina arriva al terzo posto con il 47,8%. Segue la Spagna con il 40% ea livelli inferiori Australia (29%), Cile (34%) e USA (36%). Questi dati mostrano che la pressione fiscale è un chiaro riflesso della pressione sul reddito, sul patrimonio e sui consumi dell’intera popolazione. Tuttavia, altri paesi in questa situazione fiscale non hanno attraversato più di un decennio di inflazione cronica e crisi monetario-finanziarie come nel caso dell’Argentina.

READ  La Banca centrale europea inizia a ritirare il suo arsenale di stimoli per paura dell'inflazione

Quali sono le tasse più importanti che gravano sulla famiglia? Bisogna partire dal presupposto che, lungi dall’abbassare il carico fiscale o dall’eliminare tasse distorsive come il reddito lordo (IIBB) o i valori di bollo, la “firma del consenso fiscale” ha aumentato il carico fiscale perché non inteso a correggere o correggere distorsioni, ma invece, cercheranno solo più gruppi a breve termine.

Il ministro dell'Economia Martin Guzman
Il ministro dell’Economia Martin Guzman

L’idea del governo, espressa anche da Martin Guzman, è quella di avere più fondi per coprire la mancanza di risorse monetarie attraverso le tasse. Dobbiamo tenere conto di come ciò influirà Una famiglia media dove attualmente il 46,8% del suo reddito totale va alle tasse (maggiore pressione delle tasse sul lavoro come contributi e contributi). Da parte sua, 43% del reddito di una famiglia con un salario minimo vitale e mobile (SMVM) va alle tasse. Ciò potrebbe significare una situazione molto distorta per questi agenti economici, non solo perché l’inflazione assorbe già gran parte del peso, ma anche perché gli stipendi secondo gli ultimi salari nazionali non saranno superiori al 40%, il che genera un ritorno negativo sul risorse della famiglia media.

La situazione fiscale delle famiglie argentine rispetto ad altre città del mondo mostra che a Brasilia, del reddito totale delle famiglie con SMVM, il 44,8% va direttamente alle tasse. In Kappa viene allocato il 43% delle sue entrate; a Roma il 37,7%; a Santiago del Cile 36,2%; a New York il 26,6%; E a Sydney il 16,3%. Se il finanziamento di cui lo stato ha bisogno è fornito dall’aumento delle aliquote fiscali, è probabile che una famiglia con due SMVM come reddito scenderà al di sotto della soglia di povertà.

L’idea del governo è quella di riconfigurare l’attività per migliorare il reddito di dollari, oltre a pesos aggiuntivi con le nuove misure fiscali

Un’altra fonte di risorse che il governo indicherà la necessità di finanziamenti è la riduzione dell’evasione (elusione fiscale) e dell’evasione fiscale (contribuenti che usano manovre di legge per eludere il pagamento). Come mostrato o come specificato o come indicato Mercedes Marco Del Pont (L’attuale capo dell’AFIP) sarà sotto il controllo generale di tutti i settori con la maggiore capacità di pagare le tasse. Il tasso di evasione ed elusione fiscale in Argentina è del 33% (la media nella regione è del 22%). Fonti statali affermano che si muoverà verso una politica fiscale utilizzando alcuni degli strumenti AFIP come il massimo controllo del patrimonio dei cittadini all’estero, la fissazione di valori di riferimento sia per l’import che per l’export, il proseguimento dei contributi straordinari alle grandi fortune, e il richiamo ai contribuenti in mora. È a causa di questo nuovo reddito può chiudere il rosso finanziario.

READ  Magellan & Cheers prevede che le vendite supereranno i 150 milioni nei prossimi cinque anni | Pioniere nel campo dell'informazione sociale

A dire il vero, la creatività nell’ottenere finanziamenti aggiuntivi viene stimolata nel bel mezzo di questo accordo e in un mondo più turbolento di quanto non fosse quando sono iniziati i negoziati con il FMI. L’idea del governo è di riconfigurare l’attività per migliorare le entrate in dollari, oltre a pesos aggiuntivi con nuove misure fiscali. Diverse fonti statali confermano che l’obiettivo della riscossione è allo studio prima di nuove misure fiscali. Il fatto è che la vera riduzione della spesa pubblica non è intenzionale, quanto piuttosto la necessità a tutti i costi di cercare reddito attraverso un gruppo di contribuenti molto più preciso così come l’aspettativa di nuovi dollari dalle attività economiche del Paese.

Tutto quanto sopra sono solo obiettivi e misure che attenueranno le conseguenze dell’inflazione cronica. Tuttavia, continuando a ignorare le vere cause, sarà solo questione di tempo prima che l’economia del Paese torni sulla via della crisi senza le riforme strutturali che si trovano nell’attuale sezione dell’accordo con il FMI.

Continuare a leggere:

Il governo ha riconosciuto nell’accordo con il Fondo monetario internazionale che l’inflazione potrebbe raggiungere il 48% quest’anno e che non sarebbe scesa al di sotto del 29% fino al 2024.
Perché l’accordo con il FMI non è una buona notizia per i titoli di debito argentini
Le somiglianze tra l’economia dell’Argentina e quella della Russia, paese in guerra e ostacolato dal mondo finanziario