Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dal record tedesco alla “soluzione” francese

alto Prezzi del gas nei mercati mondiali Più alto è il costo Diritti di emissione di CO2 Fa sì che i prezzi dell’elettricità nei mercati all’ingrosso raggiungano livelli insolitamente elevati ogni giorno negli ultimi mesi, non solo in Spagna, dove settimana dopo settimana si registrano massimi record, ma anche in tutta Europa. Tuttavia, nonostante i prezzi dell’elettricità nei paesi circostanti la Spagna siano anche su valori superiori a 130 euro al giorno per megawattora (MWh), Non tutti i consumatori percepiscono allo stesso modo le fluttuazioni dei mercati all’ingrosso.

Mentre in Spagna il prezzo giornaliero dell’energia elettrica pagato dai clienti in regime di Tariffa Regolamentata o PVPC (quasi 11 milioni di consumatori) dipende dal mercato all’ingrosso, Paesi come il Portogallo o la Francia fissano i prezzi di mercato una o due volte l’anno, in modo che i consumatori non subiscano variazioni di prezzo giornaliere. Dietro questo rialzo dei prezzi c’è l’aumento del costo del gas sui mercati internazionali, che si avvicina sempre più ai 70 €/MWh quando costava quasi cinque volte meno un anno fa, così come i diritti di emissione di anidride carbonica, che un anno fa raddoppiavano il prezzo.

Ma sebbene ci siano differenze nel funzionamento della bolletta elettrica in ciascun paese, i prezzi dell’elettricità sono piuttosto alti, facendo sì che oggi in Spagna si paghino megawattora a 159,37 euro (lo stesso prezzo del Portogallo quando si condivide il mercato), seguito da Italia (156,69 euro). ), Francia (139,67 euro), Germania (133,76 euro) e appena dietro il Regno Unito, dove ha raggiunto le 150,22 sterline (circa 176 euro).

In Spagna, come al solito Questa settimana sono stati registrati due nuovi massimi storici nel mercato all’ingrosso, lasciando il record fissato a 188,18 euro/MWh giovedì scorso, e attestandosi finora in media a settembre a 147,57 euro/MWh, 40 euro in più rispetto ai circa 106 euro/MWh chiusi ad agosto, che è il più caro. nella storia finora.

READ  Agenzia di stampa degli Emirati

Portogallo e Francia fissano il prezzo in anticipo

Nel vicino paese del Portogallo, che condivide un mercato con la Spagna, I record dei prezzi dell’elettricità non si riflettevano nelle bollette dell’elettricità dei consumatori in questo modo espressivo Perché le tariffe regolamentate non sono direttamente correlate al mercato all’ingrosso, ma sono create annualmente dall’Ente di regolamentazione dei servizi energetici (ERSE). Tuttavia, la stragrande maggioranza dei clienti (85%) si trova nel mercato libero, quindi i loro prezzi sono fissati direttamente dai marketer e il governo ha già assicurato di disporre di strumenti per affrontare questa situazione, in modo che le aziende aumentino le tariffe nel 2022 sarà “marginale”.

in Francia , Commissione per la regolamentazione dell’energia, organismo indipendente, che fissa le tariffe che EDF (e altre società consolidate) deve offrire ai clienti privati ​​ubicati nel mercato regolamentato, aggiornate due volte l’anno, il 1° febbraio e il 1° agosto. I prezzi del mercato all’ingrosso incidono solo su un terzo della fattura finale, dove l’altro terzo è per coprire il costo delle reti e l’ultimo terzo è per le tasse, mentre gli operatori alternativi possono offrire tariffe fisse o variabili. Inoltre, grazie ai reattori nucleari di EDF che generano l’80% dell’elettricità, lo Stato francese offre i prezzi più bassi d’Europa, consentendo ai concorrenti di EDF di acquistare parte della sua produzione nucleare ad un prezzo loro imposto, che attualmente è di 42 €/MWh . , molto inferiore all’attuale prezzo di mercato.


Il Regno Unito accende fino a 2.900 €/MWh

Da parte sua, nel Regno Unito, il prezzo dell’elettricità nel mercato all’ingrosso ha raggiunto questa settimana il picco di 2.500,01 sterline per megawattora (circa 2.930 euro), a causa degli alti prezzi del gas e della mancanza di vento in Irlanda. Un incendio ha spento un cavo ad alta tensione che importava energia dalla Francia. Nonostante il fatto che ogni compagnia elettrica del Regno Unito stabilisca il proprio prezzo dell’elettricità, dal 2019 il governo britannico Riduce la bolletta elettrica pagata da 15 milioni di abbonati a tariffa variabile o predeterminata – Di solito, il più costoso – secondo il massimo approvato dal regolatore Ofgem due volte l’anno e rappresenta il 40% della bolletta totale.

READ  Circa 2.000 tunisini in situazione irregolare sono stati espulsi dall'Italia nel 2020

Data la situazione attuale, Ofgem per il mese di ottobre ha annunciato un aumento di 139 sterline (circa 163 euro) del prezzo massimo, aumento, secondo il regolatore, I clienti possono evitare di fissare un prezzo fisso o negoziare con il proprio fornitore.

L’Italia si prepara alle misure, la Germania resta a livelli record

In Italia la bolletta elettrica del mercato all’ingrosso, cui è soggetto il 42,7% dei clienti domestici, risente dei maggiori prezzi dell’energia elettrica, che finora a settembre si sono attestati in media a 143,21 euro/MWh. L’Autorità per l’Energia, le Reti e l’Ambiente (Arera), organismo indipendente che aggiorna trimestralmente le condizioni economiche di riferimento per i clienti del mercato all’ingrosso, ha avvertito che Tra luglio e settembre, le famiglie pagheranno un aumento del 9,9% anno su anno per l’elettricità.

Per questo motivo il governo italiano sta valutando misure per mitigare questo impatto che potrebbe passare Cancellazione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto (attualmente del 10%), una nuova riduzione della tariffa di sistema fino a dicembre o una riparazione a lungo termine che estrae queste spese dalla ricevuta e le elenca come imposte sul reddito, quindi sono imposte progressive.

in Germania che Ha i prezzi dell’elettricità più cari secondo i dati Eurostat per il 2020, La determinazione del prezzo dell’energia elettrica per i clienti finali (persone fisiche e imprese) è di competenza della rispettiva società fornitrice, che stabilisce autonomamente, e Il cliente finale ha libertà di scelta per quanto riguarda la sua società di fornitura di energia elettrica e può cambiare fornitore. Negli ultimi 20 anni il prezzo di un kilowattora è raddoppiato per il consumatore medio, e negli ultimi giorni sono stati raggiunti dei record, arrivando all’asta del 13 settembre a 200,88 euro/MWh.

READ  Primo Elenco dei Temi Principali per Prensa Latina .Day