Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Dirigere film in Italia è come essere un architetto a Firenze”

Daniel Lucetti sul set del film

Daniel Lucetti (Roma, 1960) afferma che la sua vita di cineasta è inseparabile dalla storia del suo Paese. Il bellissimo amante, trasceso da movimenti conservatori ma radicali, si riflette profondamente nel suo eccellente film. Mio fratello è figlio unico (2007), in cui racconta la storia di due fratelli negli anni ’60, uno diventato fascista e l’altro comunista. Sopra Obbligazioni, Adattato dal romanzo di Dominico Starnon, che è la storia di un matrimonio soggetto a ogni sorta di alti e bassi ma alla fine più difficile da spezzare rispetto al nucleo dell’atomo.

Vediamo il turbolento percorso emotivo di Aldo (Luigi Lo Casio da giovane e Silvio Orlando da vecchio), così come una giornalista culturale di successo, Vanda (Alpha Roerwacher e Laura Morande), una moglie dedita alla sua famiglia. La storia inizia quando il marito annuncia che vuole divorziare da lei per vivere con un’altra donna che ama. Più tardi, Vanda reagisce con rabbia e inizia a fare la vita in modo che non possa tornare al forziere di famiglia. Il titolo stesso del film, Obbligazioni, Si riferisce alla forza di quei legami familiari nella cultura mediterranea del paese alpino.

Domanda Volevi parlare della difficoltà di rompere quei “legami” familiari?

Pubblicità

Risposta In Italia, come in tutti i paesi del Mediterraneo, la cultura punta tanto sulla famiglia e sui legami che si formano. La separazione dalla famiglia è così difficile, i divorzi diventano una tortura. Vediamo che i bambini che sono stati gravemente abusati non vengono separati dai loro parenti. Questo fa parte della nostra essenza come nazione. Uno dei motori del film è la distanza tra il pensiero mentale di come si scontra con le emozioni umane come l’amore eterno, la perfezione familiare e il desiderio. Il film inizia con la storia di un uomo che si innamora di un’altra donna e si sente in colpa per aver ferito i suoi figli e la moglie. Quello su cui voglio riflettere è la distanza tra la teoria della vita e la pratica della vita.

READ  Confusione in Italia per nazionalizzazione delle giovani promesse del gioco

B. Il carattere di una donna può sembrare molto sgradevole quando si comporta in modo intollerante, ma lui la tratta con affetto. Pensi che meriti qualcosa per salvare il suo matrimonio?

R. Nella prima parte del film il marito viene ucciso e lui è l’aggressore. Poi i personaggi cambiano. Ciò che entrambi hanno in comune è che non sono a loro agio con la libertà. Non sono a loro agio nella dimensione del legame, Riconoscono il senso di connessione, ma hanno paura di farne a meno, il che li rende molto felici.

B. Quale parte di quel legame familiare pensi appartenga alla cultura e quale parte appartenga alla natura umana?

R. Quando da bambino guardavo i film americani, ricordo che parlavano della divisione come una parte inevitabile della vita e sentivo la differenza strutturale tra la nostra cultura e l’America. Le famiglie in Italia si basano sul senso di unità. Lo vediamo nei grandi palazzi di Roma, come il Palazzo di Fornes, che venne ad ospitare le famiglie di più di cento persone. quando Gli italiani partiti per gli Stati Uniti hanno una vita molto solitariaÈ un Paese dove si creano identità senza contatti. Probabilmente è stata fondata da immigrati che sono venuti nel paese separati dalle loro famiglie.

B. Anche il successo gioca un ruolo importante, cambiando quando il protagonista raggiunge la fama. È impossibile non influenzare le persone?

R. In molte professioni vediamo quell’arroganza, l’orgoglio dell’uomo che si rende conto che sta vincendo. Quando vedi dove ti sta portando quell’arroganza, ti rendi conto che non ti rende felice. Raggiunge l’equilibrio solo in una relazione somatosensoriale perché è il suo buon senso. L’uomo della mia precedente generazione doveva essere in un certo modo, era molto machan. Non hanno mezzi di utilizzo per tutta la vita.

READ  Tour in Italia: Ettaba 6, Grotte di Frossi
Ad un certo punto nel film Luigi Lo Casio e Alba Roerwacher

B. I suoi dipinti sono sempre stati strettamente legati alla storia e alla cultura italiana. Che posto ha il tuo paese nel tuo paese?

R. Il mio paese è il centro del mio cinema, è la mia passione principale. A volte lo tratto direttamente politicamente e qualcun altro dai rapporti personali, ma lo è sempre. Questo è un paese che non mi stupisce. Ora lo vediamo uscire dall’epidemia in modo molto efficace. Il Sud Italia, da sempre un luogo molto caotico, si è comportato in maniera molto dignitosa senza perdere la sua essenza vitale. In questi mesi ho capito che l’Italia è migliore di quanto pensassi.

B. Qual è il peso di una tradizione come quella dei migliori maestri italiani nel direttore d’orchestra contemporaneo?

R. Dirigere film in Italia è come essere un architetto a Firenze.

Juan Sarda