Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cuba ha deciso di produrre vaccini contro il COVID-19 non per soldi, ma per fare la differenza tra la vita e la morte

Foto: Ida Garberi.

“In questa bottiglia si concentrano le scuole, invece di costruire casinò per avviare la coltivazione delle scuole… In questa pozione c’è fede e forza per uno stato, più protetto, più immune e più felice”. (Yisrael Rojas, direttore del gruppo musicale Buena Fei.

Arrivato a Cuba, venendo dall’Italia, giovedì 26 agosto 2021, il volo speciale “Metti un cuore a Cuba” Con assistenza medica solidale, grazie alla collaborazione di diverse organizzazioni, come l’Agenzia per gli Scambi Culturali ed Economici con Cuba (Aicec), la Federazione Generale Italiana dei Lavoratori (CGIL, in italiano) e il Coordinatore Nazionale dei Cubani Residenti in Italia ( Conaci), Sono iniziati bellissimi scambi d’amore e donazioni.

Sabato mattina, 28 agosto, ho potuto partecipare con la delegazione di Solidarietà Italiana ad un incontro presso l’Istituto Vaccino Finlay dell’Avana.

Ci aspettavano tanti scienziati, eroi che hanno saputo lavorare senza sosta per realizzare tre dei cinque candidati alla vaccinazione, tutti cubani: Soberana 01, Soberana 02 e Soberana Plus. È un peccato che la pandemia non lo permetta, perché vorrei poterli abbracciare tutti per mostrare loro l’onore di ascoltarli di persona e la mia infinita gratitudine.

Il problema centrale dell’isola caraibica è il blocco genocida imposto dagli Stati Uniti, che da quasi 60 anni non le permette di stoccare molti prodotti, in questo caso principalmente forniture farmaceutiche, sotto la minaccia di multe milionarie ai fornitori.

Il dottor Vicente Ferrez-Bincomo, direttore generale della Fondazione, ha osservato che lui stesso, a differenza delle multinazionali, era il project manager di un altro vaccino cubano completamente combinato contro l’Haemophilus influenzae di tipo b, che causa la maggior parte delle infezioni batteriche. figli.

“Come uno dei vaccini più popolari contro il COVID-19, il vaccino che esiste per questo HaemophilusPrima di Cuba, era della Pfizer: ogni dose costava 30 dollari e ne servivano quattro per un’immunizzazione completa, cosa inimmaginabile per Cuba in un intero periodo speciale. E così, con il mio team, abbiamo ricostruito completamente l’antigene in forma sintetica”.

READ  Nuova istanza di recupero non riuscito di UNSa Medicine - Potresti essere interessato

Da questa esperienza, l’istituto ha deciso di progettare alcuni progetti di vaccini contro il COVID-19 e il 19 maggio 2020, il presidente Miguel Diaz-Canel ha chiamato gli scienziati per conoscere lo stato degli studi.

“Il nome è nato lì, quando Diaz-Canel ha detto che ottenere un vaccino a Cuba era un problema di sovranità”.

La prima persona ad essere vaccinata da un esperimento Sovrano 02 Era nel comune di Marianao, il 24 agosto 2020, e subito si diffusero notizie false, i nemici della rivoluzione dissero che era impossibile avere un candidato al vaccino cubano, e che quello che veniva applicato era il vaccino russo Sputnik”. Dr. Yuri Valdis Balbin, vicedirettore del Finlay Vaccine Institute.

Ma i fascisti avevano ragione, Cuba non aveva un solo candidato al vaccino, in realtà c’erano cinque progetti!

“E’ difficile per chi ha una mentalità di mercato capire come lavorare con il cuore per il bene delle persone. Ma guardate, voi italiani riconoscenti, che premiate il lavoro dei medici cubani in Italia nei momenti più difficili dell’epidemia sul vostro penisola, ora sei qui perché Cuba ha bisogno di aiuto”.

“Voi, nostri fratelli, state applicando con i fatti il ​​principio di José Martì che la patria è l’umanità”..

Ha ringraziato Yuri-Michel Corto, Presidente di Aicec, per essere stato anche lui Uno dei responsabili della collaborazione tra il Finlay Vaccine Institute e il Laboratorio di Virologia dell’Ospedale Amadeo de Savoia dell’ASL, Città di Torino, Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Infettive.

Il vaccino cubano, con le sue varianti, è atteso in una location strategica speciale, cioè come potenziale richiamo nelle persone che sono già state vaccinate o che hanno superato l’infezione spontanea in passato. Il candidato al vaccino Soberana Plus ha completato gli studi clinici di fase I/II a Cuba, Gli unici studi al mondo progettati specificamente per il recupero da COVID-19E nei loro risultati hanno mostrato un’elevata sicurezza e immunità (96% con anticorpi specifici).

Inoltre, si è appena concluso lo studio di Fase III (Sovereign 02) a Cuba, che comprende tre fasi di immunizzazione, i cui risultati preliminari consistono in un’efficacia del 91,2% per la malattia sintomatica, del 75,7% per l’infezione e del 100% per malattia grave e sintomatica. la morte. Il passo successivo è verificare la capacità della risposta indotta dal vaccino di contrastare le diverse variabili circolanti.

Il Laboratorio di Virologia dell’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino, Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Infettive, in collaborazione con la Clinica Malattie Infettive dello stesso ospedale (Prof. Giovanni de Berry), è ora al lavoro per validare le proprietà neutralizzanti del siero dei cubani vaccinati.

READ  BASF arricchisce il proprio portafoglio di prodotti digitali per l'agricoltura con l'acquisto di Horta

Questo studio è necessario per comprendere la capacità del vaccino cubano di contrastare la crescita virale in vitro delle varie varianti che stanno circolando sul pianeta.

Il dottor Yuri ci ha detto che molto presto un gruppo di italiani guariti dal COVID-19 arriverà a Cuba per una sperimentazione con Soberana Plus, per dimostrarne l’efficacia e dopo aver ottenuto dati positivi, questo candidato vaccino sarà testato in Italia con più persone . Si tratta di un’informazione molto importante perché, dopo gli studi all’Ospedale di Torino, potrebbe consentire l’omologazione di Soberana Plus come vaccino in Italia e ovviamente in Europa. La notizia migliore è che potrebbe raggiungere la terza dose di quelli vaccinati con prodotti transnazionali, perché gli scienziati cubani sanno già che sono compatibili.

Come italiano residente a Cuba, sono molto felice che i miei connazionali possano beneficiare della scienza cubana: Con grande orgoglio rivoluzionario posso confermare che ho già tre dosi di vaccino cubano nel mio corpo, Abdullah, e sono così grato all’Isola Ribelle che mi è stato permesso di proteggermi gratuitamente come un’altra figlia, parte del suo popolo coraggioso .

Alla fine dell’incontro, Michele Certo ha elencato tutto il tremendo lavoro che è stato necessario fare per far salire l’aereo, tutto è iniziato come un sogno il 13 luglio e nessuno immaginava che 205 metri cubi di sanitari potessero finalmente raggiungere Cuba! , principalmente per combattere il COVID-19!

Stiamo portando queste forniture mediche per ringraziare Cuba per il suo meraviglioso contributo quando ha inviato medici in Italia, e lo stiamo facendo ora, quando Cuba ne ha bisogno. Vedo, tra gli studiosi di quest’isola, dei giovani che hanno già grandi responsabilità nell’Istituto. Dedico a te il nostro lavoro e sono orgoglioso che tu finga che la rivoluzione abbia saputo seminare il futuro, quel futuro che fa tanto male al nemico».

Le ultime parole sono state del Dr. Ferris, che ce lo ha ricordato Tutto questo progresso scientifico è merito di Fidel Castro, che, come un giocatore di scacchi che indovina le mosse future dall’inizio del gioco, ha sostenuto, dopo la vittoria della rivoluzione, che l’istruzione era necessaria per Cuba e cerca di essere il più indipendente nel mondo della scienza. E così ha iniziato a costruire scuole, e poi università, e persino un’azienda high-tech come Finlay Institute.

READ  Una nuova sostanza che ripara cuori, muscoli e corde vocali e guarisce le ferite

Modo effettivo, Fidel stesso l’ha restaurata nel 1997, alla cerimonia di apertura dell’anno scolastico, quando disse: “(…) Senza educazione non c’è rivoluzione possibile, senza educazione non c’è socialismo possibile, senza educazione non c’è uomo nuovo di cui parlava Che Guevara (. ..)”.

(preso da Ida Garberi . Blog)