Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali sono gli studi medici di base per fare esercizio dopo essere stati dimessi dall’ospedale a causa del Covid

Le restrizioni imposte durante la pandemia hanno tenuto migliaia di persone lontane dall’attività fisica, mettendo a rischio la salute di un’enorme massa della popolazione mondiale. Sebbene la percentuale di individui infetti che riescono a guarire sia sempre più alta, almeno il 20% subisce conseguenze secondarie, che fanno scattare allarmi sui livelli di devastazione che l’organismo subisce durante l’infezione causata da SARS-CoV-2. Sarà fondamentale un pieno recupero per tornare allo sport e si consiglia una serie di studi medici prima di tornare sul ring.

Questa settimana loro dell’Hospital de Clínicas de Buenos Aires hanno avviato una campagna di sensibilizzazione sui controlli necessari per riprendere l’attività fisica una volta raggiunta la dimissione da COVID.

Jorge FrancillaPer far uscire un paziente, la sua storia medica viene prima esaminata, ha affermato il direttore del Programma di attività fisica e sportiva presso l’Hospital de Clínicas. “Gli studi necessari per uscire e tornare allo sport sono l’esame obiettivo, l’ECG e gli esami del sangue di routine”.

Per un appassionato di sport il professionista è stato più specifico: “Consigliamo un test potenziometrico o da sforzo. Il test potenziometrico va eseguito secondo le seguenti caratteristiche: va eseguito come di consueto, ma al momento del referto una unità va citato il cosiddetto MET (metabolic work equivalent) che significa la quantità di ossigeno che viene consumata dal corpo per ogni funzione che svolge Esempi: il corpo nel suo stato normale consuma 1 metro quando dorme, 2 metri quando è seduto e 3 metri attivamente camminare in un isolato. 4 corrisponde alle attività della giornata. Andare oltre i 10 metri significa essere francamente attivi, e più di 13 morti troviamo la maggior parte degli sport. Con questo stress test puoi scoprire i limiti di ogni persona”.

READ  “Qualcuno ha visto cosa ha fatto Pedri, il 18enne, in questo Europeo?

Sebbene gli atleti abbiano un minor rischio di complicanze rispetto alla popolazione generale, dovrebbero essere consapevoli del potenziale sviluppo di una risposta infiammatoria esagerata con danno polmonare, danno miocardico e manifestazioni tromboemboliche. “Data la complessa fisiopatologia coinvolta in questa infezione, non dobbiamo ignorare la possibilità di sviluppare eventualmente altre condizioni come disturbi della coagulazione, trombosi venosa e tromboembolia polmonare, al di là delle potenziali complicanze miocardiche”, hanno riferito pochi giorni prima la Società Argentina di Cardiologia ( SAC) con la Federazione Cardiologica Argentina (FCA), citando Infobae.com.

In conformità con le raccomandazioni di queste entità, la risonanza magnetica nucleare cardiaca (NMR) ha dimostrato la miocardite negli atleti dopo il recupero da COVID-19, nonché nei pazienti asintomatici o lievemente sintomatici.

Poiché sappiamo che il virus infetta diversi organi, soprattutto polmone, cuore e fegato, vediamo pazienti post-Covid che, ad esempio, finiscono con la fibrosi polmonare. O alcuni che hanno la miocardite che può influenzare la quantità di sangue che viene pompata nel corpo”. mariano maciocchi, Medico clinico e Cardiologo, dal Centro medico diagnostico CEMEDYT.

Il completo recupero dall’infezione da coronavirus può richiedere del tempo e sono presenti sintomi che solitamente accompagnano il paziente tra i 15 e i 120 giorni dopo la dimissione dall’ospedale: affaticamento, problemi respiratori, dolore toracico e tosse sono i più comuni. Ci sono mal di testa, dolori muscolari, dolori articolari, problemi a dormire e mangiare, diarrea e perdita del gusto e dell’olfatto. Oltre ai problemi fisici, alcune persone sperimentano ancora depressione, ansia, memoria e difficoltà a pensare chiaramente e concentrarsi. A causa delle conseguenze polmonari e cardiache, è importante avere uno studio approfondito prima di riprendere le attività a cui il paziente è abituato”. Laura PalermoMD, virologo, specialista in storia delle malattie e professore all’Hunter College di New York. Le conseguenze più comuni si verificano nei polmoni, nel cuore e nel cervello.

READ  La sindrome del prolasso della valvola mitrale può portare ad infarto, a seconda della situazione clinica

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda almeno 150 minuti di attività fisica moderata o 70 minuti di attività fisica vigorosa a settimana per produrre benefici per la salute. Oltre a migliorare la composizione corporea, il livello metabolico e la capacità cardiorespiratoria, è stato dimostrato che l’esercizio aiuta a ridurre malattie silenziose come l’ipertensione, producendo un effetto psicologico positivo riducendo l’ansia e la depressione.