Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi Coronavirus: L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico chiede maggiori aiuti alle imprese se l’uscita dalla crisi viene ritardata | Economie

I clienti bevono il caffè sulla terrazza del bar di Vitoria, il 7 aprile.David Aguilar / EFE

Il Fondo monetario internazionale chiede più stimoli. Il rischio più grande a Bruxelles è fare troppo poco. Gli Stati Uniti danno l’esempio e annunciano un piano da 5 trilioni di dollari. L’OCSE segue la stessa linea del resto delle organizzazioni multilaterali e per quanto riguarda la Spagna non segue le linee guida di Berlino: l’istituzione con sede a Parigi chiede piani di aggiustamento a medio termine, ma solo quando la ripresa è pienamente sulla buona strada . Il governo spagnolo è tenuto a ottenere ulteriore aiuto pronto per le aziende se la ripresa è ritardata.

maggiori informazioni

Un rapporto pubblicato ad aprile dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha fornito alla Spagna le prescrizioni per le imminenti riforme importanti: sul versante fiscale, il comitato ha raccomandato di non aumentare le tasse fino a quando la ripresa non avrà inizio. Ed era favorevole all’aumento dell’imposta sul valore aggiunto, cosa che Bruxelles richiede e il governo rifiuta categoricamente. Quanto alla riforma del lavoro, si è concentrata sulla promozione di politiche occupazionali attive. Ma il prossimo rapporto incentrato sulla Spagna è chiaro: il team di esperti dei paesi ricchi sta ignorando le pressioni della Germania e scommette solo su un piano di risanamento fiscale a medio termine, quando la ripresa è già in atto, in linea con quella proposta dal Governatore. della Banca di Spagna, Pablo Hernandez de Cos.

Quel momento non è ancora arrivato: il governo ha appena abbassato le sue previsioni di crescita per quest’anno al 6,5% e ammette che l’economia è sulla buona strada per una doppia recessione dopo aver raggiunto la recessione nel primo trimestre.

READ  La qualità dell'offerta e l'epidemia guidano l'enoturismo

Oltre a chiedere aggiustamenti, la posizione dell’OCSE è l’opposto: chiede che la Spagna abbia in atto un secondo piano di aiuti per le imprese, dopo il piano approvato a marzo, vista la possibilità di rinviare la rivitalizzazione e le aziende a rischio potrebbero aumentare la sospensione dei pagamenti in base alle fonti consultate. La Banca di Spagna ha avvertito per mesi di crescenti insolvenze se la pandemia continua.

La Spagna ha recentemente approvato un piano da 11.000 milioni di euro per aiutare le imprese. Ma solo una società su 12 potrà ricevere assistenza diretta, secondo le stime di EL PAÍS basate sui dati di Axesor, Agenzia delle Entrate e CEOE. “Capisco che aziende e famiglie stiano trovando difficoltà a chiedere ulteriore aiuto”, ha ammesso il vicepresidente Nadia Calvino in un’intervista a questo quotidiano questo fine settimana.

Fondo monetario internazionale: “Non possono smettere di spendere”. Le organizzazioni internazionali non hanno esercitato alcuna pressione per tornare allo stato di emendamenti. Il desiderio di austerità rimane basso. Le conclusioni della recente missione del FMI in Spagna, il cosiddetto articolo IV, a novembre, erano chiare: il Fondo sottolinea “l’importanza di proseguire con misure a sostegno della politica economica affinché la ripresa vada sulla buona strada”, raccomandata da l’entità, in linea con l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico o la Banca mondiale. Il Fondo monetario internazionale ha ampliato questa diagnosi per includere tutta l’Europa. Alfred Cammer, il nuovo capo dell’amministrazione europea dell’agenzia, ha detto lo scorso ottobre che i paesi dell’Unione europea “non possono smettere di spendere”.

OCSE: Evitare la sclerosi precoce. Nelle sue ultime opinioni, un mese fa, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha collegato l’evoluzione della politica fiscale allo stato dell’economia e al tasso di vaccinazione. Nella sua descrizione globale della crisi, ha chiesto un’azione rapida e ambiziosa se necessario, consigli accompagnati da un avvertimento: “Si dovrebbe evitare un inasprimento prematuro della politica fiscale”, che è esattamente ciò che la Germania ha sponsorizzato alla riunione di marzo.

READ  Roma festeggia il suo 2774 compleanno e 150 anni dalla sua capitale

Bruxelles, a favore della flessibilità. La Commissione europea propone di continuare ad applicare la clausola di salvaguardia generale delle regole fiscali nel 2022 e indica che inizierà a disattivarla solo a partire dal 2023. Ma fino ad allora, il Consiglio esecutivo comunitario propone di continuare a fornire servizi ai paesi. l’orario non è stato completamente sostituito (come ci si aspetterebbe in Spagna e in Italia), consentendo loro di utilizzare la “flessibilità totale” prevista dal Patto di stabilità e crescita. Secondo il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, “Nelle condizioni attuali, i rischi di fare troppo poco superano i rischi di fare troppo”.