Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crescente preoccupazione globale per l’ondata di infezioni da COVID-19 in Cina

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Pechino (AFP) – Gli Stati Uniti si sono uniti a un numero crescente di paesi nell’imporre restrizioni ai viaggiatori provenienti dalla Cina, dopo che Pechino ha improvvisamente rimosso il suo più grande ostacolo ai viaggi internazionali nonostante un’ondata interna di infezioni.

Gli ospedali di tutta la Cina sono stati travolti da un’esplosione di casi di coronavirus dopo che la politica “zero Covid”, che conteneva le infezioni ma danneggiava l’economia e scatenava proteste, è stata ritirata.

Il Paese ha annunciato lunedì che avrebbe revocato il requisito della quarantena per le persone che arrivano dall’estero, spingendo molti cinesi a pianificare viaggi internazionali.

In risposta, diversi paesi come gli Stati Uniti hanno annunciato che richiederanno test negativi per covid-19 per accettare visitatori dalla Cina.

Un alto funzionario sanitario statunitense ha detto ai giornalisti che “il recente rapido aumento della trasmissione di Covid-19 in Cina aumenta la possibilità che emergano nuove varianti” del virus.

Pechino ha fornito informazioni limitate sulle varianti circolanti in Cina, secondo il funzionario, e anche il controllo e la segnalazione di nuove infezioni sono diminuiti.

Anche Italia, Giappone, India e Malesia hanno annunciato misure restrittive per proteggersi dall’importazione di varie tipologie dalla Cina.

Pechino ha criticato “l’esagerazione, la diffamazione e la manipolazione politica” della stampa occidentale sulla sua situazione del coronavirus.

“L’attuale sviluppo della situazione epidemiologica cinese è prevedibile e sotto controllo”, ha dichiarato mercoledì il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin.

La Cina continua a vietare l’ingresso ai visitatori stranieri e ha sospeso il rilascio di visti a turisti e studenti internazionali.

READ  Tubacex vende tubi meccanici per 25 milioni

Ma la revoca della quarantena obbligatoria ha suscitato un aumento di interesse tra i cinesi per i viaggi all’estero, dopo che erano stati in gran parte confinati nel proprio paese da quando Pechino aveva imposto restrizioni nel marzo 2020.

Il ministro della Salute italiano Orazio Schillaci ha affermato che l’Italia ha sostenuto che richiedere test per i visitatori di quel paese “è necessario per garantire che le varianti virali siano monitorate e identificate per proteggere la popolazione italiana”.

A sua volta, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto “misure adeguate per proteggere” la sua popolazione e ha sottolineato che il suo governo sta monitorando “l’evoluzione della situazione in Cina”.

La Commissione europea dovrebbe riunirsi giovedì per discutere “possibili misure per un approccio coordinato” da parte dell’UE alle infezioni in Cina.

pazienti accumulati

Nel frattempo, gli ospedali cinesi stanno lottando per far fronte a un aumento dei contagi che colpiscono in particolare gli anziani e i fragili.

A Tianjin, 140 km a sud-ovest di Pechino, AFP ha visitato due reparti ospedalieri pieni di pazienti affetti da virus.

Un medico ha detto che è stato detto loro di lavorare anche se erano feriti.

L’AFP ha notato più di due dozzine di pazienti, la maggior parte dei quali anziani, sdraiati su barelle nelle aree pubbliche del pronto soccorso, e almeno un cadavere era stato rimosso dalla stanza.

“Aspettare di vedere un medico è di quattro ore”, ha detto un funzionario a un uomo anziano che ha affermato di avere il COVID-19. “Ci sono 300 persone davanti a te.”

La Commissione sanitaria nazionale cinese ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe smesso di pubblicare il bilancio giornaliero delle vittime del coronavirus.

READ  Ebrard visiterà l'Italia e la Francia. Partecipazione a forum sull'economia globale

Ma con la fine dei test di massa e la decisione cinese di cambiare la definizione di morti per coronavirus, per alcuni analisti quei numeri non sono più attendibili.