Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giovedì sarà ricevuto in Vaticano papa Francesco Alberto Fernandez

All’ora stabilita, alle 9.45 ora romana (4.45 ARM), Fernandez arriverà con la First Lady Fabiola Yanez E il resto del suo entourage in piazza San Damaso nel Palazzo Apostolico, dove sarà ricevuto dalle autorità della Casa Pontificia e un cordone d’onore lo attende dalla guardia svizzera responsabile della sicurezza del Papa. E la Santa Sede.

Poi, dopo i consueti saluti, inizia la presenza da solo tra il Papa e il Presidente argentino allo studio dell’Aula Paolo VI, dopodiché viene scattata una foto ufficiale e c’è il saluto del Papa ai membri della Camera dei Rappresentanti. Una delegazione ufficiale e uno scambio di doni. Questa è la seconda riunione che hanno tenuto da quando Fernandez ha assunto la presidenza della nazione.

Fiduciario del culto, Guillermo Olivieri – che appartiene alla delegazione argentina – è stato sospeso prima dell’inizio del tour presidenziale La coincidenza tra il governo e Francisco per quanto riguarda la gestione dell’epidemia e la necessità di vaccini per raggiungere tutti i paesi su un piano di parità, ha evidenziato la “silenziosa assistenza” del Papa argentino nel processo di rinegoziazione del debito.

Come offre Oliveri, Questi temi saranno certamente presenti nel solo incontro tra i due leader.

Fernandez è presente con il Papa dopo aver ricevuto il sostegno questa settimana dal governo di Portogallo, Spagna e Francia nel processo di rinegoziazione del debito con il Fondo monetario internazionale (FMI) e il Club di Parigi.

Il rapporto tra il presidente e il Papa è senza dubbio molto buono. Sono stati preservati per così tanto tempo, si conoscono da molti anni e sono andati più in profondità da quando Alberto Fernandez ha assunto la presidenza. E, naturalmente, dalla situazione generale del mondo dopo la pandemia e dalle coincidenze di tante espressioni attraverso Evangelii Gaudium, Fratelli Tutti e Laudato Si, le ultime pubblicazioni del Papa che sono in linea con il pensiero del presidente Olivieri.

READ  tendenze opposte nei mercati statunitense ed europeo; Bilancio e dati aggregati a fuoco

Il funzionario ha detto che i punti all’ordine del giorno che saranno presentati alla riunione di domani includono l’epidemia e “la necessità per tutti i cittadini del mondo di ottenere il vaccino attraverso il rilascio di brevetti”.

Inoltre Parte dell’agenda dell’incontro sarà “l’economia globale, la situazione dei settori, i paesi più poveri e l’aumento dell’accumulo di ricchezza nei settori sempre più importanti delle minoranze”.

I due concordano sul fatto che tutta l’umanità è sulla stessa barca, e d’altra parte, bisognosa di solidarietà, di abbandonare l’idea di individualità, “mi salvo da solo” e quindi partecipo. Ha sottolineato che i paesi ricchi dovrebbero partecipare in modo più equo, non solo ai vaccini, ma anche alla distribuzione della ricchezza “.

Sulla questione dei debiti, Amin Al-Abadat ha ricordato che il presidente “ha sempre sottolineato, anche nel suo primo discorso al Congresso, la silenziosa assistenza del Papa nella rinegoziazione con i creditori e senza dubbio con il Fmi”.

Il presidente concorda con il Papa sul fatto che ci sono debiti che condannano i popoli alla schiavitù che non vengono pagati nel modo in cui sono stati appaltati. Il governo pagherà sicuramente i suoi debiti, ma non a scapito dei sacrifici del popolo argentino. Le autorità del FMI dovranno capire che, e come tale, questa è anche l’affermazione che il Papa ha fatto ai leader mondiali in diversi momenti negli ultimi mesi ”, ha aggiunto Olivieri.

Da parte sua, il Vaticano – attraverso la Pontificia Accademia delle Scienze, guidata dall’Argentina Marcelo Sanchez SorondoIl seminario sarà ospitato domani, venerdì, a cui parteciperà l’Amministratore Delegato del Fondo Monetario Internazionale. Kristalina Georgieva; E il ministro dell’Economia, Martin Guzman.

READ  L'ingresso a Venezia costerà tra 3 e 10 euro da giugno 2022 | fortuna

In tale contesto , Non è escluso un possibile incontro del presidente argentino con Georgieva a Roma. Ha infatti rinviato la partenza dalla capitale italiana a sabato pomeriggio.

Ieri, alla domanda al Presidente della Repubblica su un possibile incontro con il Presidente del Fondo, ha risposto: “Abbiamo parlato ogni volta che ne avevamo bisogno e, se coincidesse con il viaggio, potremmo vederci”.

L’incontro faccia a faccia tra il presidente argentino e il papa avviene quattro mesi e mezzo dopo che il Paese ha approvato la legge sull’interruzione volontaria della gravidanza (IVE), che ha messo in pericolo la chiesa locale.

“Sin da prima della promulgazione della Legge IVE, il presidente è stato molto chiaro e specifico durante la prima visita in Vaticano. C’è stato un lungo colloquio con il ministro degli esteri e le autorità ecclesiastiche in Argentina, e con altre sette religiose, come gli evangelisti. “, Ricorda Oliveri.

In questo senso, ha sottolineato Fernandez ha sempre fatto il suo punto: è un problema di salute e ha sempre detto che avrebbe inviato il conto. E ha considerato che “non è affatto un tema all’ordine del giorno” nel quadro della riunione di domani.

Oliveri ha detto: “Abbiamo una situazione molto pericolosa a livello internazionale, e ci sarà una semplice conversazione che rimarrà tra loro”.