Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il numero di paesi che impongono restrizioni ai viaggiatori cinesi a causa dell’economia del coronavirus è in aumento

In un momento in cui il Corona virus colpisce la Cina a causa dell’abbandono della sua politica restrittiva per il virus covid 0, nel resto dei Paesi cresce l’ansia e il timore di importare nuovi casi dal colosso asiatico. Le proteste in Cina hanno recentemente creato un’insolita aberrazione nella politica che il governo autoritario stava attuando, e ora, nel bel mezzo della peggiore ondata di casi di virus dell’intera pandemia e con 37 milioni di infezioni in un solo giorno la scorsa settimana, secondo a Bloomberg, il Paese si sta muovendo per reintrodursi presto in campo internazionale. D’altra parte, i residenti cinesi potranno gestire nuovamente i propri passaporti e riguadagnare la possibilità di visitare la città all’estero. Sarà invece abolita dall’8 gennaio la quarantena obbligatoria che i viaggiatori internazionali dovevano sottoporsi al loro arrivo in Cina.

Questa combinazione di casi alle stelle e apertura, così come l’avvicinarsi del capodanno lunare (22 gennaio), sta causando preoccupazione oltre i confini della Cina. Due aerei sono arrivati ​​in Italia, con la metà dei passeggeri contagiati, mercoledì scorso Le autorità di diversi paesi sono state messe in guardia. Giovedì, il ventisettesimo, la Commissione europea ha tenuto una riunione di emergenza dei ministri della Salute. Successivamente, i ministri hanno concluso che rimarranno la sorveglianza attiva e Ho lasciato la porta aperta per nuove iniziative, anche se al momento non hanno specificato alcuna azione aggiuntiva. D’altra parte, altri paesi sono già andati avanti. Su questo argomento, eIl Ministero della Salute ha emesso oggi una raccomandazione per i viaggiatori.

Spagna

Data la recrudescenza dei casi di COVID-19 in Cina, il Ministero della Salute raccomanda che i viaggiatori spagnoli che sono destinati o originari della Cina abbiano un programma di vaccinazione completo e mantengano misure precauzionali. Per ora non annuncia un ordine di test negativo, come ha già fatto l’Italia, né alcun altro provvedimento aggiuntivo negli aeroporti.

READ  L'Europa potrebbe tornare al carbone per contrastare i ridotti flussi di gas dalla Russia

stato unito

Gli Stati Uniti hanno decretato mercoledì che i passeggeri che volano dalla Cina dovranno mostrare un test di coronavirus negativo a partire dal 5 gennaio. Questo sarà il caso indipendentemente dalla tua nazionalità o stato quando si tratta di vaccinazioni. Coloro che viaggiano da altri paesi ma ci sono stati all’interno della Cina Almeno 10 giorni prima del loro arrivo negli Stati Uniti devono presentare anche un test negativo. Potrebbe essere PCR o antigene. Le compagnie aeree saranno responsabili della verifica di un test negativo prima dell’imbarco negli Stati Uniti.

Italia

Il Paese è stato il primo in Europa a subire gli effetti del coronavirus nel 2020. È anche il primo ad adottare misure adesso. Ha ordinato un rapido test Obbligatorio per chi entra nel Paese dalla Cina.

Taiwan

E le autorità dell’isola minacciata dalla Cina avevano imposto a tutti coloro che viaggiano da lì durante l’attuale mese di gennaio di essere testati all’arrivo a Taiwan. Coloro che risultano positivi e non sono di Taiwan e che inoltre non hanno la tessera che consente loro di accedere al proprio sistema sanitario, Devono intraprendere un periodo di quarantena di cinque giorni pagato di tasca propria.

Seleziona il CDC per giovedì 27.955 nuovi casi Confermato sull’isola in un giorno. E distinguono “dei 27.955 nuovi casi, 27.803 sono nazionali e 152 importati”.

Giappone

Coloro che arrivano in Giappone dalla Cina, indipendentemente dalla loro nazionalità, devono sottoporsi a un test covid all’arrivo dal 30 dicembre. Chi risulta positivo dovrà affrontare una settimana di quarantena. I voli diretti con Cina, Hong Kong e Macao arriveranno solo in un numero limitato di aeroporti giapponesi e le autorità hanno chiesto alle compagnie aeree di non aumentare il numero di voli disponibili.

READ  La consultora Witailer potencia el crecimiento de las empresas españolas con Amazon como palanca

India

L’India giovedì si è unita all’elenco dei paesi che hanno adottato misure in tal senso e ha anche ampliato la gamma dei paesi che saranno interessati. I passeggeri in arrivo da Cina, Hong Kong, Giappone, Corea del Sud, Singapore e Thailandia dovranno presentare un rapporto PCR negativo prima di salire a bordo. portale aereo suvidha. Air Suvidha era il documento di viaggio sanitario richiesto per tutti i viaggiatori che volevano recarsi in India durante la pandemia. Lo stato ha ritirato la necessità di questo documento due anni dopo la sua attuazione, e ora è in procinto di riprenderlo.

Le Filippine considerano ma non sono d’accordo

In linea con la saggezza mostrata dall’Unione Europea, il presidente delle Filippine, Ferdinand Marcos, ha avvertito che, sebbene stiano monitorando la situazione, l’inasprimento dei controlli sui viaggiatori cinesi dipenderà dalla reale entità del rischio. “I principi guida di questa amministrazione sono che le restrizioni dovrebbero essere sempre le più minime possibili. Non vogliamo mettere a rischio la salute dei cittadini, ma non dimentichiamoci nemmeno dell’economia”, fonti del Dipartimento filippino di Salute dettagliato in questa considerazione questa mattina.