Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Corona Virus: Quali sono le cure contro la malattia dopo un anno e mezzo di pandemia | Opinione di esperti su corticosteroidi, ivermectina, siero di cavallo, clorochina e plasma

Mentre procede la campagna di vaccinazione contro il Covid-19, la comunità scientifica non ha ancora raggiunto un grande consenso sui trattamenti, nonostante alcuni farmaci stiano ottenendo evidenze favorevoli alla loro applicazione in momenti specifici della malattia, mentre L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha solo l’uso di corticosteroidi come una raccomandazione “ferma” In pazienti in condizioni gravi o critiche.

Secondo un rapporto preparato dall’agenzia colpaIl 31 marzo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rilasciato una dichiarazione che conferma che “Le prove attuali per l’uso dell’ivermectina per il trattamento di pazienti con COVID-19 sono inconcludenti”. “Fino a quando non saranno disponibili ulteriori dati, il farmaco è raccomandato per l’uso solo negli studi clinici”, ha aggiunto.

In quello stesso documento, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato “raccomandazioni forti”, e quelli in cui le prove sono conclusive, e “Raccomandazioni condizionali”, che viene rilasciato quando “vi è meno certezza nelle prove circa i benefici oi rischi dell’intervento”.

in quella lista, Il panel internazionale lo ha evidenziato come una “ferma raccomandazione” che i corticosteroidi vengano somministrati ai pazienti con COVID-19 grave o critico, e non idrossiclorochina, clorochina o lopinavir/ritonavir, indipendentemente dalla gravità della malattia.

D’altra parte, tra Raccomandazioni condizionali Stavano ritenendo di non somministrare corticosteroidi a pazienti con malattia lieve o moderata; non usare remdesivir, il che significa che fino a quel momento non c’erano “prove sufficienti a sostegno del suo utilizzo”; E somministrare anticoagulanti a basso dosaggio ai pazienti ospedalizzati.

Studi su diversi farmaci

Da allora, le riviste scientifiche hanno pubblicato studi con metodologie e scopi diversi su diversi farmaci, sebbene non ci siano stati cambiamenti nelle raccomandazioni dell’OMS.

Il Ivermectina La notizia è emersa nuovamente il 17 giugno, dopo la pubblicazione di Il lavoro dei ricercatori argentini In The Lancet, il prestigioso EClinicalMedicine.

READ  È lo stesso di Metroid Fusion

Ha spiegato a Tellam: “Ciò che si può osservare in questo studio è una carica virale inferiore nelle secrezioni respiratorie (tampone nasofaringeo) in un gruppo di pazienti trattati con ivermectina rispetto a un gruppo di controllo senza questo farmaco”. Riccardo ValentiniCapo di Medicina a Cemic e uno degli autori della ricerca.

In questo senso, lo specialista ha affermato che “questo studio clinico non aveva lo scopo di valutare il miglioramento clinico o le variabili predittive per la malattia, ma per determinare il potenziale effetto biologico del farmaco”.

Inoltre, ha sottolineato che il lavoro “non supporta che l’ivermectina dovrebbe essere somministrata per controllare la malattia” e che “una sperimentazione clinica dovrebbe essere condotta con una gestione precoce, entro due giorni dall’insorgenza dei sintomi, e con esposizione all’ivermectina forse solo tre giorni invece dei cinque giorni che usavamo nello studio”.

Finalmente, Valentini ha osservato che, ad oggi, “non ci sono studi clinici robusti che dimostrino l’efficacia clinica del farmaco, il che significa che questa osservazione di un effetto antivirale si traduce in un chiaro beneficio clinico”.

Un altro farmaco che ha conquistato i titoli dei giornali questa settimana a livello nazionale è remdesivir Perché ha iniziato a essere distribuito in alcune province dopo essere stato approvato ad aprile dall’Amministrazione nazionale dei medicinali, degli alimenti e delle tecnologie mediche (ANMAT).

“Remdesivir è un antivirale con attività in vitro contro SARS-CoV-2 e che avevamo già prove che fosse benefico per SARS-CoV e altri Mers, quindi è stato proposto di studiarlo per Covid-19”, ha affermato. Tellam il famoso scienziato delle infezioni infection I cassetti di Isabelle Helios Salud.

READ  Sega si fida di nuovo della sua community dopo Sonic Mania

Tra gli studi clinici condotti per testare questo farmaco, il più grande che ha portato alla sua approvazione da parte di vari enti regolatori nazionali (tra cui Anmat) è stato quello pubblicato lo scorso novembre in Revista New England Journal of Medicine Che includeva 1059 pazienti.

“La conclusione di questo studio è che quei pazienti con polmonite che hanno richiesto un flusso di ossigeno ridotto e hanno ricevuto un trattamento con remdesivir si sono ripresi più velocemente rispetto al gruppo placebo e sono stati ricoverati in ospedale per un periodo più breve”, ha descritto Cassetti.Per tutti i pazienti, la differenza tra un gruppo e un altro non era significativo”.

Quando si esaminano diversi farmaciLo specialista in infezioni ha osservato che “tutte le strategie terapeutiche utilizzate contro la SARS-2 non hanno un impatto significativo sulla mortalità globale, tuttavia hanno un effetto quando vengono analizzati i sottogruppi”.

“In questo contesto, ogni strategia ha il suo posto e deve essere utilizzata al momento opportuno per la malattia; Ha spiegato che è diverso quando un paziente inizia con i sintomi rispetto a quando una persona ha bisogno di ossigeno a basso flusso o una persona che ha bisogno di un respiratore, sono tempi diversi.

Lo specialista in infezioni ha osservato: “Il primo e il medio momento è la replicazione virale e il medio-critico è un fenomeno più infiammatorio; quindi, ci sono strategie di trattamento che funzionano molto bene alla fine ma non possono essere offerte all’inizio e viceversa”.

“I corticosteroidi, per esempio, li diamo al paziente serio, ma all’inizio non possiamo somministrarli Perché non solo non dà benefici ma può essere pericoloso con sintomi lievi; Ha sottolineato che il plasma convalescente non è utile nelle malattie gravi, ma è utile nei casi lievi, in quanto viene assunto nei primi tre giorni dall’insorgenza dei sintomi in pazienti di età superiore ai 75 anni o di età superiore ai 65 anni che ne soffrono da comorbilità.

READ  Come cambiare l'unità a stato solido SSD per migliorare la velocità del vecchio computer

Ha concluso: “Se parliamo di tocilizumab (è un anticorpo monoclonale anti-interleuchina) non è utile anche nelle malattie lievi, ma è utile quando inizia il fenomeno infiammatorio; Il siero equino ha anche un ruolo nei pazienti con malattia moderata o grave, ma non in quelli che richiedono ventilazione meccanica”.