Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Marte: il robot della perseveranza della NASA ha scoperto un oggetto alieno sul Pianeta Rosso

Quello che sembra essere un fascio di fili visto nell’ultima immagine scattata da Perseverance on Mars (NASA)

il viandante perseveranza La NASA sta arrivando Campionamento del terreno di Marte Per quegli stessi campioni per viaggiare sulla Terra da un altro robot.

Ma nella sua carriera Il rover ha recentemente scoperto strani oggetti non caratteristici del paesaggio marziano. Questa settimana, il rover ha fotografato qualcosa che ha sconcertato gli scienziati.

Alcuni hanno ipotizzato che lo fosse maccheroniAltri pensano che possa essere curato ritagli di pelle Quali serpenti lasciano quando cambiano corpo. Gli scienziati non sono stati in grado di determinare l’esatta natura dell’organismo. La maggior parte degli esperti ritiene che l’aggrovigliamento del materiale possa essere un altro pezzo di detriti di una precedente missione della NASA. Ma i più esperti pensano che sia solo un insieme di fili del robot stesso.

La sonda statunitense accanto al microelicottero Ingenuity sulla superficie di Marte (Foto: - / NASA / JPL-Caltech / MSSS / dpa)
La sonda statunitense accanto al microelicottero Ingenuity sulla superficie di Marte (Foto: – / NASA / JPL-Caltech / MSSS / dpa)

La foto è stata scattata con il veicolo Perseverance, alias le telecamere frontali di Percy che monitorano la scena per proteggerlo quando guida o usa il suo braccio robotico.

Lo hanno confermato i funzionari dell’agenzia spaziale americana Pensano che l’oggetto sia un filo lasciato dal declino della perseveranza. “La corda può provenire dal rover o dalla sua fase di discesa ed è un componente simile a un jetpack a propulsione a razzo utilizzato per abbassare in sicurezza l’imbarcazione sulla superficie del pianeta”, ha spiegato un portavoce della missione Perseverance. Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California.

Il portavoce ha aggiunto che il rover non aveva raggiunto in precedenza la zona dove è stata trovata la corda, quindi è probabile che il vento l’abbia portata lì. Lo strumento sta attualmente esplorando un antico delta chiamato Cratere Jezero alla ricerca di segni di vita microscopica su Marte miliardi di anni fa. Questo cratere è il luogo in cui è atterrato originariamente il 18 febbraio 2021. Quando Perseverance ha rivisitato il sito della corda quattro giorni dopo, l’oggetto era scomparso, quindi si ritiene che i venti marziani siano il fattore più importante nella caduta del materiale. Un robot che percorre lunghe distanze.

La NASA ha scritto su Twitter:
“Il mio team ha visto qualcosa di inaspettato: un pezzo di coperta termica che pensano possa provenire dalla mia fase di discesa, l’ho lasciato con il mio jet pack a razzo il giorno dell’atterraggio nel 2021”, ha scritto la NASA su Twitter.

Questa non è la prima volta che la sonda si imbatte in frammenti di materiale rimasti dalla sua discesa su Marte. stanze della perseveranza Fai una foto Da un pezzo lucido di piatto a metà giugno, secondo Tweet dall’account ufficiale Rover. Il team pensa che faccia parte della coperta termica del rover, Un materiale sottile che regola la temperatura, che potrebbe essersi staccata durante la fase di discesa.

READ  Gli astronomi creano la più grande mappa dell'universo e postulano una teoria che potrebbe contraddire Einstein

“Il mio team ha scoperto qualcosa di inaspettato: È un pezzo della coperta termica che pensano provenga dalla mia fase di discesa, il jet bag a razzo che mi ha lasciato il giorno dell’atterraggio nel 2021.″, i membri del team di Perseverance hanno twittato dopo che la foto del corpo luminoso è diventata virale.

Perseverance è ancora impegnata a raccogliere una varietà di preziosi esemplari dal cratere Jezero., un’affascinante regione del Pianeta Rosso che contiene quello che si ritiene essere un antico delta fluviale, ed è un luogo privilegiato per la ricerca di segni di antica vita microbica. Gli scienziati sperano che il materiale roccioso estratto dal cratere fornisca indizi sul fatto che Marte un tempo ospitasse la vita.

Continuare a leggere