Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

CONAE celebra 30 anni di promozione della tecnologia spaziale argentina

Il Comitato Nazionale per le Attività Spaziali (CONAE), nell’ambito del Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione, celebra il suo 30° anniversario con importanti risultati. Creato 28 maggio 1991 con l’obiettivo di attuare Piano spaziale nazionale NationalDa allora, è stato intrapreso un percorso fruttuoso per sviluppare la tecnologia necessaria nel paese per portare l’Argentina nello spazio.

I suoi successi includono la serie SAC di quattro satelliti argentini per applicazioni scientifiche (SAC-A, SAC-B, SAC-C e SAC-D/Aquarius) e la costellazione SAOCOM recentemente completata., costituito dal satellite di osservazione della Terra SAOCOM 1A e 1B e dal loro radar SAR, fabbricato nel paese e unico al mondo. Anche I test condotti per sviluppare il lanciatore argentino Tronador II / III e spiccano progetti come la missione SABIA-Mar e la serie SARE di architettura segmentata. Tutto questo è supportato da un’infrastruttura di centri e stazioni a supporto delle operazioni e dei servizi di missioni e missioni di altri paesi..

Sovranità e sviluppo tecnologico

Il Ministro della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione dello Stato, Roberto Salvarez ha sostenuto: “Celebro il 30° anniversario della Commissione Nazionale per le Attività Spaziali, che è l’oggetto centrale nello sviluppo dello spazio in Argentina. Oggi, grazie alla decisione politica di Alberto Fernández e Cristina Fernández de Kirchner, abbiamo ripristinato lo scopo che la scienza è uno degli strumenti per la costruzione del futuro dell’Argentina.In questo contesto, lo sviluppo non costituisce Satelliti e l’accesso allo spazio non sono solo elementi di sovranità per il nostro Paese, ma anche lo slancio necessario per lo sviluppo di un’industria ad alta tecnologia che dobbiamo continuare a promuovere».. Ha inoltre aggiunto: “Attraverso CONAE, continueremo a lavorare affinché il settore produttivo possa utilizzare appieno tutte le informazioni fornite dai nostri satelliti e nella prevenzione dei rischi. Infine, continueremo a rafforzare la cooperazione internazionale come fattore essenziale nello sviluppo territoriale del nostro nazione”.

Nel rivedere 30 anni di lavoro di CONAE, Direttore esecutivo e tecnico, ingegnere Raoul Kolichevsky maniglia: “Dal primo piano territoriale ad oggi, manteniamo postulati molto importanti. Da un lato, continuiamo a lavorare su compiti focalizzati sui bisogni del nostro Paese, basati sull’interazione di CONAE con le istituzioni locali che utilizzano le informazioni satellitari. Su dall’altro, ci sforziamo affinché il piano territoriale sia uno strumento dello sviluppo tecnologico dell’Argentina. Da questa visione accompagniamo lo sviluppo di nuove aree di business o la creazione di società “.

Konrado Farruto, Direttore Tecnico ed Esecutivo di CONAE dal 1994 al 2018, ai primi anni di lavoro, quando fu individuato un ambizioso programma per lo sviluppo dei satelliti per l’osservazione della Terra e delle infrastrutture connesse al loro utilizzo. “Viste le risorse che avevamo e quelle che speravamo di avere in futuro, la cosa logica era che per il piano spaziale CONAE decidesse di salire per guardare in basso e produrre così informazioni con un chiaro impatto sociale ed economico sul Paese, senza rinunciare all’accesso allo spazio. con i propri mezzi”.

Satelliti realizzati in Argentina, con aziende e organizzazioni nazionali:


SAC-B e SAC-A, applicazioni scientifiche dei satelliti

Il Lo sviluppo delle missioni satellitari di CONAE è iniziato con il satellite SAC-B della serie di applicazioni scientifiche, lanciato il 4 novembre 1996 dalla base della NASA nelle Isole Wallops negli Stati Uniti.. È stato il primo satellite progettato e costruito in Argentina con società e organizzazioni nazionali, dedicato all’osservazione astronomica e all’astrofisica, in collaborazione con l’Agenzia spaziale statunitense e con la partecipazione delle agenzie spaziali italiana e brasiliana. Negli anni successivi La serie SAC ha continuato a concentrarsi specificamente sull’osservazione della Terra, con lo sviluppo e il lancio del satellite di prova tecnologico SAC-A (1998) SAC-C (2000), la prima missione operativa sviluppata da CONAE, con telecamere ottiche per il monitoraggio del territorio nazionale, che da quasi 13 anni produce dati e prodotti per l’agricoltura, la silvicoltura, le emergenze, ecc. Dopo Segue SAC-D/Aquarius (2011), una missione sviluppata in collaborazione con la NASA, che ha reso possibile la prima stima al mondo della salinità della superficie oceanica e del suo impatto sul clima e sull’ambiente utilizzando lo strumento Aquarius..

READ  Cinque esercizi per allenare bicipiti e tricipiti senza materiali


Satelliti SAC-C e SAC-D / Aquarius

Un altro capitolo importante nella storia di CONAE è stato scritto nell’agosto 2020, quando l’Argentina ha completato la sua missione spaziale più ambiziosa di sempre, con il lancio del satellite di osservazione della Terra SAOCOM 1B, che completa la costellazione del pianeta. SAOCOM è stato lanciato con il suo fratello gemello, SAOCOM 1A nell’ottobre 2018. Questi satelliti trasportano un radar in banda L (SAR) ad apertura sintetica, unico al mondo, composto da sette pannelli con una superficie totale di 35 metri quadrati e un peso di 1,5 tonnellate. Generano informazioni utili per prevenire, monitorare, mitigare e valutare disastri naturali o umani e dati sull’umidità del suolo, con benefici per l’attività produttiva nazionale, tra gli altri settori.


SAOCOM 1A, il satellite osservativo argentino che utilizza radar a microonde

Entrambi i satelliti Sviluppato e prodotto da CONAE in collaborazione con INVAP, il principale contraente del progetto, V ENG, l’Autorità nazionale per l’energia atomica (CNEA) e UNLP Applied Mechanical Testing Group, tra altre 80 aziende e organizzazioni tecnologiche nel sistema scientifico e tecnologico del paese. Fanno anche il trucco Sistema satellitare italo-argentino per la gestione delle emergenze (Misurazione), Da un accordo con l’Agenzia Spaziale Italiana (In giro).

Secondo Raul Kolichevsky, “Satelliti SAOCOM è il risultato di un percorso formativo, rappresenta lo sviluppo e la maturità sia di CONAE che delle aziende che hanno lavorato con noi.. Attraverso questa missione, dimostriamo che quando c’è continuità delle politiche statali, obiettivi a medio termine e impegno per la formazione delle risorse umane, possiamo sviluppare tecnologie avanzate uniche al mondo “.


Radar SAOCOM 1B, il satellite argentino per il monitoraggio tramite radar a microonde. Foto di Lucas Valorani / Mincyt

Josefina Pérès, che è stata Responsabile del Progetto SAOCOM presso CONAELo ha evidenziato “Con lo sviluppo dello sviluppo tecnologico di una grande impresa nazionale, come SAOCOM, Siamo stati in grado di generare più di una semplice missione satellitare operativa, i cui prodotti hanno un grande impatto sulla società. Abbiamo inoltre realizzato lo sviluppo delle relative infrastrutture di terra, per future missioni, e l’equipaggiamento dei laboratori nazionali con le più moderne apparecchiature a disposizione del sistema scientifico tecnologico nazionale..

Centri, stazioni e risorse umane per vincere la prossima sfida: accedere allo spazio con i propri mezzi

entro Gli obiettivi di CONAE includono anche quelli relativi all’accesso allo spazio, sviluppando la tecnologia per mettere in orbita i suoi satelliti, progettati e realizzati in Argentina, e per fornire servizi di lancio a terzi.. Da questo tipo di lavoro sono stati effettuati test con veicoli come il Tronador I (2007), il Tronador IB (2008) e il Tronador 4000 (2011). Inoltre, per portare avanti lo sviluppo del progetto Tronador II/III, sono stati effettuati test tra il 2014 e il 2017 utilizzando veicoli sperimentali VEx 1A, 1B e 5 (2017), che sono alti 14,5 m, equivalenti a un edificio di cinque piani e del peso di 2,8 tonnellate.

READ  Sud Sudan: l'OMS indaga su una misteriosa malattia che ha già ucciso 97 persone e colpisce soprattutto i bambini


Centro spaziale Teófilo Tabanera della CONAE a Valda del Canete, provincia di Córdoba

Per realizzare i progetti e i compiti del Piano Spaziale Nazionale, CONAE dispone di strutture Centro Spaziale Teofilo Tabanera (CETT), a Falda del Cañete, provincia di Córdoba, dove si trova la Córdoba Earth Station (ETC), Integrazione e test di laboratorio (LIE), dedicato al test di componenti e strumenti per l’uso dello spazio; E il Laboratorio di personalizzazione e garanzia, per utilizzare componenti non progettati per l’uso nello spazio. C’è anche un file Centro di controllo missione SAOCOMCOM, dove vengono gestiti i satelliti radar argentini; E il area di accesso allo spazio Progetto lanciatore satellitare argentino. Inoltre, CONAE ha l’estensione Centro Spaziale Punta Indio, Provincia di Buenos Aires; Il Centro Spaziale Manuel Belgrano, situata presso la Base Navale di Puerto Belgrano, Bahía Blanca; Il La stazione di terra della Terra del Fuoco (ETTdF) a Ushuaia, e a antenna del ricevitore alla base Belgrano II in Argentina Antartide.


Antenna dalla stazione di terra Terra del Fuoco di Cony. Foto di Lucas Valorani / Mincyt

Il L’istruzione e la formazione dei professionisti è fondamentale per lo sviluppo di progetti e missioni proposte nel Piano Spaziale Nazionale خطة. Il Istituto di specializzazione aerospaziale Mario Julich, del CONAE e dell’Università Nazionale di Cordoba, offre un master in applicazioni spaziali, che conta già più di 70 laureati, e il primo dottorato del paese e della regione in geomatica e sistemi spaziali. Queste opzioni sono in aggiunta a tre lauree magistrali da unità di istruzione superiore da CONAE, e Istituto Colombo, indirizzato alla ricerca nel campo della radioastronomia. Inoltre, il Tutorial 2MpNasce con l’obiettivo di raggiungere i due milioni di bambini, da cui l’acronimo 2Mp, per integrare l’utilizzo della tecnologia satellitare nel sistema educativo nazionale.

READ  Las Stars: un gruppo di amici si riunisce per intrattenere gli operatori sanitariيه

“Oggi abbiamo una piattaforma sulla quale possiamo incontrare gli sviluppi futuri con professionisti, infrastrutture e competenze”, Kulichevsky ha menzionato e dettagliato: Da un punto di vista satellitare, Continuiamo il progetto SABIA-Mar., che è nella fase di ingegneria dettagliata che prevediamo di lanciare nel 2023. Inoltre Inizieremo analisi concettuali della nuova generazione di SAOCOM. Un’altra linea di lavoro è Segmented Architecture e la serie SARE, con lo sviluppo di una costellazione di piccoli satelliti, in grado di condividere risorse e raccogliere informazioni dai propri dispositivi.. Progetti accesso allo spazio Hanno anche una posizione di rilievo. Continueremo a lavorare allo sviluppo di veicoli sperimentali, che ci consentiranno di integrare molte delle tecnologie necessarie per i progetti Tronador II/III., ha concluso Kulichevsky.